Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

1 febbraio 2017

Appalti, in arrivo regole più leggere per i lavori sui beni culturali

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231Appalti01/02/2017 – Si potrebbero allentare i requisiti per partecipare alle gare per la realizzazione di lavori sui beni culturali. Il Consiglio di Stato, col parere 263/2017, ha dato il via libera al decreto varato dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo (Mibact) in attuazione del Codice Appalti (D.lgs. 50/2016). La norma prevede regole meno stringenti sulla qualificazione degli operatori che possono partecipare alle gare e sui livelli di progettazione. Disposizioni che potrebbero sembrare in contrasto col Codice Appalti, ma che in buona misura dipendono dalla specificità e particolarità del settore. Anche se, precisano i giudici, è necessario operare i dovuti chiarimenti. Lavori sui beni culturali e qualificazione Il nuovo decreto del Mibact non prevede nessun limite temporale per l’utilizzo dei lavori pregressi ai fini della qualificazione. Il DM 294/2000, con cui sono stati definiti i requisiti degli esecutori.. Continua a leggere su Edilportale.com