Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

16 settembre 2014

Appalti, l’Anac spiega come funziona lo sblocco della cauzione

09/09/2014 – L’Autorità nazionale anticorruzione (ANAC) interviene per risolvere i dubbi sulla cauzione provvisoria e definitiva nei contratti pubblici.   Con la Determinazione 1/2014 ha ricordato che, in base al Codice Appalti, per garantire l’affidabilità degli operatori, l’offerta deve essere accompagnata da una cauzione provvisoria al 2% dell'importo indicato nel bando di gara o nella lettera d'invito.   Il Codice Appalti prevede inoltre una cauzione definitiva, che mira a garantire la corretta esecuzione dell'appalto. Per questo motivo l’esecutore deve costituire una garanzia fideiussoria pari al 10% dell'importo contrattuale con cui il fideiussore si impegna a risarcire la Stazione Appaltante  in caso di mancato o inesatto adempimento da parte del contraente.   L’ANAC ha precisato che l’80% della cauzione viene svincolato in modo progressivo, di pari passo allo stato di avanzamento..
Continua a leggere su Edilportale.com

Leggi altri articoli della categoria LAVORI PUBBLICI