Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

17 settembre 2014

Appalti, sì alle soluzioni migliorative ma non alle varianti

17/09/2014 – Le soluzioni progettuali migliorative sono ammesse negli appalti da affidare col criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa a patto di non modificare l’oggetto del contratto.   Per questo motivo, ha affermato il Consiglio di Stato con la sentenza 4578/2014, bisogna distinguere tra proposte migliorative e varianti.   Come ricordato dal CdS, le soluzioni migliorative possono essere adottate in tutti quegli aspetti tecnici che il progetto lascia aperti a diverse proposte. L’unica condizione è che non si influisca sulle caratteristiche progettuali già decise.   Al contrario, le varianti consistono in modifiche strutturali e funzionali che devono essere approvate dalla Stazione Appaltante. Ma non solo, perché vanno preventivamente autorizzate dal bando di gara, in cui devono essere indicati i limiti entro cui possono agire.   Nel caso preso in esame dal Consiglio di Stato, il raggruppamento..
Continua a leggere su Edilportale.com

Leggi altri articoli della categoria LAVORI PUBBLICI