1 mammarella@edilportale.com (Paola Mammarella) - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Posts by mammarella@edilportale.com (Paola Mammarella)

23
Ott

Concorsi di idee e progettazione, Regioni: non siano obbligatori negli appalti complessi

23/10/2018 – Dare alle Amministrazioni la possibilità di affidare all'esterno gli incarichi di progettazione complessi, senza obbligatoriamente privilegiare i concorsi di progettazione o di idee, prevedere verifiche solo sui progetti a base di gara e indicare la terna dei subappaltatori solo in fase di aggiudicazione. Sono alcune delle modifiche al Codice Appalti che la Conferenza delle Regioni, insieme a Itaca, ha proposto durante la consultazione voluta dal Ministero delle Infrastrutture (Mit).   Il Governo nel frattempo ha confermato la volontà di procedere a breve verso una revisione del Codice che porti allo snellimento delle procedure e allo sblocco dei cantieri.   Concorsi di progettazione e idee, no all’obbligo Al momento, per la progettazione di lavori di particolare rilevanza sotto il profilo architettonico, ambientale, paesaggistico, agronomico e forestale, storico-artistico, conservativo, nonché tecnologico, le stazioni appaltanti..
Continua a leggere su Edilportale.com

22
Ott

Varianti, quando diventano abusi edilizi?

22/10/2018 – Le opere realizzate in difformità dal progetto presentato possono essere sanate entro la fine dei lavori, ma in certi casi è necessario richiedere e ottenere un nuovo permesso di costruire. Con la sentenza 34148/2018, la Cassazione ha spiegato la differenza tra variante essenziale e variante leggera. Varianti essenziali o leggere e abusi edilizi La nozione di variante, ha spiegato la Cassazione, deve ricollegarsi a modificazioni qualitative o quantitative di non rilevante consistenza rispetto all'originario progetto. Gli elementi da prendere in considerazione per stabilire l’entità della variante, hanno affermato i giudici, sono la superficie coperta, il perimetro, la volumetria, le distanze dalle proprietà viciniori, le caratteristiche funzionali e strutturali interne ed esterne del fabbricato. Costituisce variante essenziale, si legge nella sentenza, ogni variante incompatibile con il disegno globale.. Continua a leggere su Edilportale.com   MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
22
Ott

Le scuole più belle, sicure e sostenibili d’Italia

22/10/2018 – Belle, efficienti e sicure. Sono le scuole selezionate da Ecosistema Scuola, il XIX Rapporto di Legambiente sulla qualità dell'edilizia scolastica, delle strutture e dei servizi. Legambiente le ha selezionate come esempi perchè sicure dal punto di vista sismico ed energicamente efficienti, ma anche perchè offrono spazi confortevoli e sono state realizzate con materiali riciclati o con processi che non hanno provocato impatti eccessivi sul territorio. Scopriamo dove sono Nuovo Polo Scolastico dell’infanzia Virgilio - Locri (RC) La demolizione e ricostruzione del vecchio edificio scolastico ha portato ad una struttura in classe energetica A+++ realizzata con tecniche innovative antisismiche. Gli spazi garantiscono l’illuminazione naturale e la socializzazione. Foto: XIX Rapporto Legambiente Scuola Primaria Gabriele D’annunzio – Celano (AQ) La scuola si inserisce in un processo di riqualificazione.. Continua a leggere su Edilportale.com   MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
19
Ott

Fotovoltaico al posto dell’amianto, sara grave; incentivata l’energia per l’autoconsumo

19/10/2018 – Passi avanti per il Decreto “Rinnovabili”. Il Ministero dello Sviluppo Economico, dopo il confronto con gli operatori, avvenuto lo scorso 25 settembre, ha trasmesso il testo al Ministero dell’Ambiente, che dovrà ora esaminarlo. Rispetto alla bozza iniziale, il testo ha accolto una serie di richieste avanzate dagli operatori. Decreto FER, sostituzione dell’amianto col fotovoltaico Sarà incentivata tutta l’energia prodotta dagli impianti fotovoltaici realizzati in sostituzione di coperture in amianto o eternit, quindi non solo quella immessa in rete, ma anche l’energia destinata all’autoconsumo. In questo modo sarà possibile coprire gli investimenti realizzati per la sostituzione delle coperture. Gli impianti fotovoltaici realizzati al posto delle coperture in amianto avranno diritto, in aggiunta agli incentivi sull’energia elettrica, a un premio pari a 12 €/MWh,.. Continua a leggere su Edilportale.com   MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
18
Ott

Dissesto idrogeologico, 50 milioni per opere di manutenzione ordinaria

18/10/2018 – In arrivo 50 milioni di euro per un programma di manutenzione del territorio. La Conferenza istituzionale permanente delle Autorità di Bacino distrettuale, riunita al Ministero dell’Ambiente, ha approvato il “Programma stralcio manutenzioni”, avviato su base triennale. Dissesto idrogeologico, piano da 6 miliardi di euro Questi fondi, ha spiegato il Ministero, si aggiungono a quelli regionali e vanno inquadrati nell’ambito di una programmazione complessiva di lungo periodo di oltre 6 miliardi destinati a interventi contro il dissesto idrogeologico. Le prime risorse a disposizione ammontano a 50 milioni di euro, già a bilancio del Ministero dell’Ambiente, e saranno utilizzate per interventi strutturali di manutenzione del territorio, come rimboscamento, recupero naturalistico e manutenzione delle opere idrauliche e forestali, con particolare attenzione al reticolo idrografico minore e al territorio.. Continua a leggere su Edilportale.com     MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
18
Ott

Danni durante i lavori, chi è il responsabile?

18/10/2018 – Il committente è responsabile dei danni causati dalla “cosa” su cui vengono effettuati dei lavori. Lo ha affermato la Cassazione con la sentenza 23442/2018. Responsabilità per i danni durante i lavori In caso di danni subiti da terzi nel corso dell'esecuzione di un appalto, hanno spiegato i giudici, bisogna distinguere tra i danni derivanti dalla attività dell'appaltatore e i danni derivanti dalla cosa oggetto dell'appalto. Nel primo caso, la responsabilità ricade sull’appaltatore, cioè sul soggetto che sta realizzando o ha realizzato i lavori dal momento che opera in autonomia rispetto al committente. In una simile ipotesi, il committente viene chiamato in causa solo se il danneggiato dimostra una sua ingerenza nei lavori o la violazione di specifici obblighi di vigilanza e controllo. Nel secondo caso, anche se i danni sono determinati dalle modifiche e dagli interventi posti.. Continua a leggere su Edilportale.com   MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
18
Ott

Rischio idrogeologico, 44 milioni di euro alla Sicilia

18/10/2018 – Oltre 44 milioni di euro finanzieranno opere per la riduzione del rischio idrogeologico e contro l’erosione costiera in Sicilia. Lo prevede un aggiornamento dell’Accordo di programma tra la Regione Siciliana e il Ministero dell’Ambiente, ratificato dalla Giunta Musumeci. Sicilia, le opere finanziate con 44 milioni di euro Le opere finanziate ricadono nelle province di Agrigento, Caltanissetta, Catania, Enna, Messina, Palermo e Siracusa. In particolare, i lavori più importanti, dal punto di vista dell’impegno finanziario, saranno realizzati nell’Agrigentino: a Raffadali, dove con 8,9 milioni di euro si interverrà per l’eliminazione del rischio idrogeologico a difesa del Rione Barca e nel versante nord-est del centro abitato di Sant’Angelo Muxaro per completare il consolidamento del costone roccioso (3,5 milioni di euro). Nel Messinese, a Frazzanò, saranno realizzati due progetti.. Continua a leggere su Edilportale.com   MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
17
Ott

Antisismica, trasporti e dissesto idrogeologico: sbloccati 4,2 miliardi di euro delle Regioni

17/10/2018 – Liberare 4,2 miliardi di euro che le Regioni potranno investire per la messa in sicurezza antisismica, il dissesto idrogeologico, i trasporti e l’edilizia residenziale e sanitaria. È l’obiettivo dell’accordo siglato in Conferenza Stato – Regioni, che dovrà ora essere inserito nella legge di Bilancio per il 2019. Investimenti delle Regioni, in arrivo 4,2 miliardi di euro Le risorse derivano da avanzi di amministrazione che le Regioni hanno chiesto di poter spendere, così come già concesso ai Comuni. Ricordiamo infatti che, con due pronunce del 2007 e del 2008, la Corte Costituzionale ha stabilito che gli avanzi sono già nella disponibilità degli Enti e restano agli Enti. Se l'accordo verrà ratificato nella legge di Bilancio, le Regioni avranno a disposizione 2,5 miliardi per il 2019 e 1,7 miliardi per il 2020 da investire in interventi da realizzare nei prossimi cinque anni. L’accordo.. Continua a leggere su Edilportale.com   MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
16
Ott

Antisismica nelle scuole con 1,058 miliardi di euro, dal Miur linee guida per i Comuni

16/10/2018 – Il Ministero per l’Istruzione, l’Università e la ricerca (Miur) ha inviato delle linee guida ai Comuni beneficiari di 1,058 miliardi per la messa in sicurezza antisismica delle scuole. Il testo dà agli Enti indicazioni operative sulle modalità di esecuzione dei lavori e le liquidazioni degli interventi sulla base degli stati di avanzamento. Antisismica nelle scuole, le linee guida del Miur Dopo la ripartizione dei fondi, con le linee guida il Miur fornisce una serie di spiegazioni aggiuntive. Nel caso di interventi di adeguamento o miglioramento sismico,  per ottenere il pagamento del finanziamento è necessaria la certificazione a firma del RUP, del progettista e del direttore dei lavori nella quale si dichiari il raggiunto adeguamento sismico dell’immobile o il livello di miglioramento sismico ottenuto rispetto agli indici ante operam. Le modifiche consentite ai progetti.. Continua a leggere su Edilportale.com     MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
16
Ott

BIM, i professionisti lo scelgono per essere più competitivi

16/10/2018 – Rimanere competitivi sul mercato della progettazione e avere più opportunità di lavoro. Sono i motivi che spingono i progettisti a passare alla metodologia BIM. Sia per i professionisti che già operano in BIM, sia per quelli he stanno studiando o pensano di farlo in futuro, è il software Revit a rappresentare la transizione. Con un nuovo sondaggio, Edilportale ha fotografato la situazione dei professionisti, degli strumenti a disposizione per trovare nuove opportunità lavorative e delle difficoltà che talvolta rallentano o impediscono il passaggio al nuovo metodo. Al sondaggio hanno risposto prevalentemente architetti (37%), ingegneri (28%) e geometri (17%), ma hanno partecipato anche altre categorie di professionisti, come designer e periti industriali. A mostrare maggiore sensibilità per il sondaggio sono stati i professionisti tra i 36 e i 55 anni, cioè nel pieno della propria attività.. Continua a leggere su Edilportale.com     MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231