1 mammarella@edilportale.com (Paola Mammarella) - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Posts by mammarella@edilportale.com (Paola Mammarella)

23
Ago

La sanatoria edilizia non annulla la violazione delle norme antisismiche

23/08/2017 – Il permesso di costruire in sanatoria estingue solo le violazioni delle norme urbanistiche, ma non quelle relative alla disciplina delle costruzioni in zona sismica. Lo ha spiegato la Corte di Cassazione con la sentenza 30654/2017.   Interventi abusivi in zona sismica Nel caso preso in esame, la proprietaria di un’abitazione aveva iniziato i lavori per la realizzazione di un locale seminterrato, con struttura in cemento armato delle dimensioni di 8,20 metri per 7,60 metri e altezza pari a 2,50 metri, senza darne preavviso al competente Sportello Unico per l'edilizia.   Si trattava di un intervento realizzato abusivamente, ma non solo, perché, secondo il Comune, dato che l’immobile si trovava in zona sismica, prima dell’avvio dei lavori sarebbe stato necessario dotarsi anche dell’autorizzazione scritta dell'Ufficio Tecnico Regionale.   Il Comune aveva quindi ordinato la sospensione dei lavori e imposto alla..
Continua a leggere su Edilportale.com

14
Ago

Aeroporti, investimenti per 4 miliardi di euro nei prossimi 4 anni

14/08/2017 – Nel corso del 2016 sono stati investiti circa 750 milioni di euro per l’ammodernamento degli aeroporti e nei prossimi 4 anni saranno investiti più di 4 miliardi. È quanto emerge dal Rapporto e Bilancio Sociale 2016 e dal volume "Aeroporti: le nuove infrastrutture - Gli investimenti per lo sviluppo degli scali italiani" presentati dall’Ente nazionale per l’aviazione civile (ENAC).   La pubblicazione illustra gli investimenti dal 2000 ad oggi sui principali scali nazionali. Sono presenti schede economiche di dettaglio sui maggiori interventi realizzati e su quelli programmati a breve termine e pianificati a medio e lungo termine.   Interventi che, come spiegato nella relazione di sintesi dal Direttore Centrale Vigilanza Tecnica, Roberto Vergari, sono orientati alla sicurezza e alla creazione di ambienti confortevoli e pregevoli sotto il profilo architettonico.   Secondo il presidente Enac, Vito Riggio,..
Continua a leggere su Edilportale.com

11
Ago

La tettoia abusiva va demolita anche se realizzata 40 anni fa

11/08/2017 – La tettoia abusiva va demolita, anche se realizzata 40 anni prima da un precedente proprietario. L'unico elemento da considerare è la natura fissa o precaria dell'opera. Nel primo caso è necessario il permesso di costruire e, in sua assenza, si è in presenza di un intervento illegittimo. Lo ha affermato il Consiglio di Stato con la sentenza 3210/2017.   Tettoia, quando serve il permesso di costruire Negli anni Settanta il proprietario di un’abitazione aveva realizzato una tettoia in aderenza a un muro preesistente, con putrelle in ferro e copertura in plastica, senza prima farsi rilasciare il permesso di costruire. Nel 2010 la Polizia Municipale aveva scoperto l’abuso in seguito ad un sopralluogo e nel 2015 il Comune aveva emesso l’ordine di demolizione. Nel frattempo il proprietario dell’abitazione era cambiato e sosteneva da una parte di non essere il responsabile dell’abuso, dall’altra..
Continua a leggere su Edilportale.com

10
Ago

Ance: ‘salvare l’edilizia con la riforma fiscale’

10/08/2017 - Introduzione di un'imposta unica patrimoniale e diminuzione della pressione fiscale sul possesso degli immobili. Secondo l’Associazione nazionale costruttori edili (Ance) sono queste le chiavi per il rilancio del settore costruzioni.   Tassazione sigli immobili Il presidente Ance, Giuliano Campana, intervenuto nei giorni scorsi in audizione davanti alla Commissione parlamentare per l’attuazione del federalismo fiscale, ha espresso un parere positivo sulle detrazioni per le ristrutturazioni e la riqualificazione energetica degli edifici, ma ha lamentato che negli ultimi anni è stato registrato un aumento del gettito fiscale derivante dalla tassazione di possesso degli immobili.   Secondo le sue stime “si è passati addirittura da 9,8 miliardi di euro di gettito nel 2011, quando avevamo ancora l'imposta comunale sugli immobili (ICI), a 24,5 miliardi di euro nel 2015, con l'imposta municipale unica (IMU) e con la tassa..
Continua a leggere su Edilportale.com

4
Ago

È legge il Decreto ‘Mezzogiorno’: 3,5 miliardi di euro per la crescita

04/08/2017 – Valorizzazione di terreni incolti e immobili abbandonati, incentivi della misura “Resto al Sud” per i progetti imprenditoriali di giovani under 35, interventi di edilizia giudiziaria, sblocco di risorse per il completamento delle infrastrutture e istituzione delle Zone economiche speciali (ZES). Sono alcune delle misure contenute nella legge di conversione del DL Mezzogiorno, approvata definitivamente dalla Camera nei giorni scorsi.   In tutto, le misure pensate per le Regioni del Mezzogiorno (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia) valgono 3,5 miliardi di euro.   Eccone alcune:   Resto al Sud: 1,25 miliardi di euro Sono incentivati i progetti imprenditoriali presentati da giovani dai 18 ai 35 anni residenti nelle Regioni del Sud o che trasferiscono la residenza al Sud entro 60 giorni dalla presentazione della domanda (120 giorni se residenti all’estero). Ogni progetto imprenditoriale..
Continua a leggere su Edilportale.com

4
Ago

Società di ingegneria, si aprono le porte del mercato privato

04/08/2017 – Le società di ingegneria potranno operare nel settore privato. La legge “Concorrenza”, approvata definitivamente nei giorni scorsi, dopo tre anni di lavori, mette fine alla querelle infinita tra società di ingegneria e Rete delle professioni tecniche (RPT).   La legge Concorrenza, che sarà rinnovata ogni anno per favorire lo sviluppo e la tutela dei consumatori, consente anche agli agrotecnici di tornare a occuparsi di pratiche catastali e contiene una serie di misure per l’energia e l’ambiente.   Società di ingegneria nel mercato privato La Legge Concorrenza estende la disciplina della Legge 266/1997, che ha consentito l’esercizio della professione in forma societaria, alle società di ingegneria costituite in forma di società di capitali o cooperative. In questo modo, da una parte il mercato privato si apre definitivamente alle società di ingegneria, dall’altro..
Continua a leggere su Edilportale.com

4
Ago

Professionisti, scatta l’obbligo di preventivo scritto o digitale

04/08/2017 - I professionisti dovranno redigere il preventivo in forma scritta o digitale e indicare titoli e specializzazioni, le società di ingegneria potranno operare nel settore privato, gli grotecnici di tornare a occuparsi di pratiche catastali. Sono alcune delle novità della Legge Concorrenza, approvata definitivamente dal Senato il 2 agosto, dopo tre anni di lavori.    Obbligo di preventivo scritto o digitale “Il professionista deve rendere noto obbligatoriamente, in forma scritta o digitale, al cliente il grado di complessità dell’incarico, fornendo tutte le informazioni utili circa gli oneri ipotizzabili dal momento del conferimento fino alla conclusione dell’incarico”.   “In ogni caso la misura del compenso è previamente resa nota al cliente obbligatoriamente, in forma scritta o digitale, con un preventivo di massima, deve essere adeguata all’importanza dell'opera..
Continua a leggere su Edilportale.com

3
Ago

Poli per l’infanzia, firmato il decreto da 150 milioni di euro

03/08/2017 – Via libera alla realizzazione dei Poli per l’infanzia. La Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Valeria Fedeli, ha firmato il decreto che ripartisce tra le Regioni i 150 milioni di euro di fondi Inail previsti dal D.lgs 65/2017 attuativo della Buona Scuola. Le risorse saranno utilizzate per il triennio 2018-2020 per il potenziamento del sistema integrato di educazione e di istruzione dalla nascita fino ai sei anni.    Poli per l’infanzia, 24 milioni alla Lombardia Ad accaparrarsi il maggior numero di risorse (24 milioni di euro) è stata la Lombardia, seguita da Campania e Lazio (14,5 milioni), veneto (13 milioni) e Sicilia (12 milioni). Scarica la Tabella con la ripartizione dei 150 milioni di euro   La distribuzione delle risorse tra le Regioni è stata effettuata sulla base della popolazione scolastica 0-6, secondo dati Istat, e sul numero di edifici..
Continua a leggere su Edilportale.com

3
Ago

Dal Miur 20 milioni di euro per 8 scuole innovative

03/08/2017 – Un passo in più verso le otto scuole innovative annunciate dal Ministero dell’istruzione, dell’Università e della Ricerca (Miur). La Ministra, Valeria Fedeli, ha firmato il decreto che consentirà la loro realizzazione con uno stanziamento di 20 milioni di euro, “anche attraverso il fondo immobiliare”.   I prototipi di Renzo Piano e Mario Cucinella Due delle otto scuole sono state progettate a titolo gratuito da due archistar. Un edificio del primo ciclo è stato ideato da Renzo Piano.   Ricordiamo che nel 2015 Renzo Piano ha pensato un civic center, sostenibile dal punto di vista energetico e dei materiali utilizzati, articolato in tre livelli: un piano terra con un giardino e la funzione di connessione con la città, un primo piano con le aule e un tetto con laboratori e attività in cui il bambino possa coltivare l’immaginario personale.    Mario Cucinella ha messo..
Continua a leggere su Edilportale.com

1
Ago

Permesso di costruire, in caso di ritardo il Comune deve risarcire

01/08/2017 - Se il Comune tarda nel pronunciarsi su una domanda di permesso di costruire può arrecare un danno permanente all’interessato e deve pagargli un risarcimento. Lo ha affermato il Tar Campania con la sentenza 1223/2017. Permesso di costruire e ritardo della Pubblica Amministrazione Nel caso preso in esame, il proprietario di un locale commerciale aveva richiesto il permesso di costruire per il suo ampliamento. Il Comune aveva impiegato oltre due anni per esaminare la pratica. Nel frattempo lo strumento urbanistico era cambiato e, a differenza di quello precedente, non consentiva più l’intervento per cui aveva fatto domanda. Il proprietario aveva quindi chiesto un risarcimento al Comune sostenendo che, se l’Amministrazione avesse risposto nei tempi previsti, avrebbe potuto realizzare l’ampliamento e usufruirne dal punto di vista economico. Ritardo e mancato rilascio del permesso di costruire, spetta un risarcimento Secondo.. Continua a leggere su Edilportale.com