Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

14 aprile 2017

Bando norme ISO 50001

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231

Realizzazione di diagnosi energetiche nelle piccole e medie imprese giunta regionale Venezia Giulia

Bando norme ISO 50001

Concessione  degli  incentivi  finalizzati  a  sostenere  la   realizzazione  di  diagnosi  energetiche  nelle  piccole  e   medie  imprese  o  l’adozione,  nelle  stesse,  di  sistemi  di   gestione  dell’energia  conformi  alle  norme  ISO  50001  ai   sensi dell’art. 8, comma 9, del DLgs. 102/2014, (ex art.  5,  comma  2,  decreto  interdirettoriale  del  12.5.2015)”. Bando   approvato   con      deliberazione   della   Giunta    Regionale 2 dicembre 2016, n. 2341. Concessione di incentivi finalizzati a sostenere la realizzazione di diagnosi energetiche nelle piccole e medie imprese o l’adozione, nelle stesse, di sistemi di gestione dell’energia conformi alle norme ISO 50001. La Giunta regionale ha approvato il Bando approvato con deliberazione n. 2341 del 2 dicembre 2016. Gli incentivi sono finalizzati a sostenere la realizzazione di diagnosi energetiche nelle piccole e medie imprese o l'adozione - nelle stesse - di sistemi di gestione dell'energia conformi alle norme ISO 50001 ai sensi dell'art. 8, comma 9, del DLgs 102/2014, (ex art. 5, comma 2 decreto interdirettoriale del 12.05.2015).

Le domande potranno essere presentate:

  • dalle 09.15 del 15 maggio 2017
  • alle 16.30 del 30 giugno 2017

Le domande in bollo, sottoscritte con firma digitale del legale rappresentante dell'impresa richiedente, dovranno essere inviate dalla casella pec dell'impresa richiedente alla casella pec della Camera di Commercio competente per territorio per la Camera di Commercio Venezia Giulia:

  • sportello di Gorizia: agevolazioni@pec.fondogorizia.it (iniziative localizzate nella provincia di Gorizia)
  • sportello di Trieste: cciaa@pec.vg.camcom.it (iniziative localizzate in provincia di Trieste)

Beneficiari a)  essere  costituite  ed  iscritte  al  Registro  delle  imprese  presso  la  Camera  di  commercio,  industria,  artigianato  e agricoltura, nel prosieguo “CCIAA”, competente per territorio da almeno due anni; b) le imprese di servizi, con attività economiche comprese nelle Sezioni da H alla T della Classificazione delle attività economiche ISTAT ATECO 2007, devono essere costituite sotto forma di società; c) essere attive; d) avere unità operativa/e, cui si riferiscono le iniziative, nel territorio regionale; e) non essere in stato di scioglimento o liquidazione volontaria e non essere sottoposte a procedure concorsuali, quali fallimento, liquidazione coatta amministrativa, concordato preventivo, amministrazione controllata o straordinaria. f) trovarsi in regime di contabilità ordinaria; g)  trovarsi  in  regola  con  le  disposizioni  vigenti  in  materia  di  normativa  edilizia  ed  urbanistica,  del  lavoro,  della prevenzione degli infortuni e della salvaguardia dell'ambiente ed essere in regola con gli obblighi contributivi; h) non essere state destinatarie, nei tre anni precedenti la domanda, di provvedimenti di revoca totale di agevolazioni concesse dal Ministero dello Sviluppo Economico e dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, ad eccezione di quelli derivanti da rinunce, nonché revoche totali da parte dell’Amministrazione regionale. Nota: Gli incentivi non sono rivolti alle PMI che sono assoggettate agli obblighi di cui all’art. 8, comma 3 del D.Lgs 102/2014 (imprese a forte consumo di energia).

Agevolazioni L’agevolazione consiste in contributi in conto capitale e l’intensità dell’incentivo concedibile è pari al 50% della spesa ammissibile, con i seguenti limiti per: a)  le  diagnosi  energetiche  ammesse  sono  finanziate  fino  ad  un  massimo  di  euro  10.000,  al  netto  di  IVA,  per  singola diagnosi; b) le procedure di attuazione di un sistema di gestione conforme alla norma ISO 50001 ammesse sono finanziate fino ad un massimo di euro 20.000, al netto di IVA, per singola certificazione. Tale contributo è cumulabile con altri incentivi, fatto salvo il rispetto dei limiti previsti dal Regolamento (UE) n. 1407 del 18 dicembre 2013, relativo all’applicazione degli articoli 107 e 108 del Trattato sugli aiuti de minimis

sicurezza_lavoroScarica Avviso

 
Leggi altri articoli della categoria Bandi e Concorsi
, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,