1 adozione Archives - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Posts from the ‘adozione’ Category

17
Mag

Sistema di Gestione Ambientale a norma UNI EN ISO 14001:2015 e il nuovo Codice Appalti

E’ fondamentale mantenersi aggiornati e sempre allineati a quelle che sono le revisioni della norma 14001.  Le aziende già certificate ISO 14001 devono adeguare il loro sistema all’edizione del 2015. In particolar modo, Implementano un nuovo Sistema di Gestione Ambientale a norma UNI EN ISO 14001:2015 le Imprese che partecipano alle gare d’appalto che sono quelle più interessate dal nuovo codice appalti.
Il nuovo codice appalti pone al centro dei requisiti le certificazioni ambientali. Con il nuovo codice appalti, le certificazioni ambientali diventano strategiche per le imprese in quanto è stato introdotto l’obbligo per le stazioni appaltanti di applicare i criteri ambientali minimi al 100% degli appalti relativi a servizi di progettazione e lavori per la nuova costruzione, ristrutturazione e manutenzione di edifici e per la gestione dei cantieri della pubblica amministrazione, così come evidenziato nell’ Art 34. Negli Art. 87, 93, 95, 96 si evidenziano i vantaggi per le imprese in possesso di certificazioni ambientali, come la riduzione dell’importo di garanzia fideiussoria. Anche per il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, individuata sulla base del miglior rapporto qualità/prezzo il criterio oggettivo e qualitativo si trovano le certificazioni ambientali, sociali come ad esempio l’OHSAS 18001, ISO 14001 ecc.). La norma UNI EN ISO 14001:2015 ritira e sostituisce la UNI EN ISO 14001:2004. La nuova versione porta un più rilevante coinvolgimento della leadership, un maggiore allineamento con la direzione strategica, un miglioramento della performance ambientale con particolare accento sulle iniziative proattive, una comunicazione più efficace guidata da una strategia comunicativa e un approccio al ciclo di vita che considera ogni fase di un prodotto o di un servizio, dallo sviluppo a fine vita. Collegandosi al sito dell’UNI e contattando il settore vendite, si può acquistare la norma UNI EN ISO 14001:2015 “Sistemi di gestione ambientale - Requisiti e guida per l'uso”. MODI® si propone alle piccole e medie Imprese del Veneto e del Nord Est che desiderano essere supportati per l’ottenimento delle certificazioni ambientale, EMAS, ISO 14001:15 o sistemi di gestione equivalenti. Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it e www.corsionlineitalia.it. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it
11
Mag

Attraverso l’attuazione di un Sistema di Gestione Ambientale mediante la Certificazione UNI EN ISO 14001 si possono avere dei vantaggi? Per consulenze ISO 14001:15 chiama MODI SRL

Attraverso l’attuazione di un Sistema di Gestione Ambientale mediante la Certificazione UNI EN ISO 14001 si possono avere dei vantaggi aziendali come:
- Miglioramento nella Gestione Aziendale e nei Processi; - Agevolazioni all'accesso alle gare d'appalto; - Riduzione dei costi relativi allo smaltimento dei rifiuti e dei costi energetici; - Riduzione dei costi di acquisto di materie prime; - Riduzione degli scarti di produzione; - Riduzione del rischio di incidenti ambientali e di rischi penali e civili; - Miglioramento dell'immagine aziendale; - Apertura di nuove opportunità di mercato.
Per consulenze a Marghera, Marcon, Treviso, Jesolo, Chioggia, Padova, Vicenza e città limitrofi chiamaci!
Per offerte e iscrizione ai corsi con partecipazione ai seminari gratis chiama il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.ite www.corsionlineitalia.it. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it.
10
Mag

Incentivare l’adozione dei Modelli 231/01? Si con il Rating di Legalità.

Il Legislatore per incentivare l'adozione dei Modelli 231/01 ha introdotto in ambito di Rating di Legalità delle novità. L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha emanato una serie di delibere attuative del Decreto 57/2014 del Ministero dell'Economia e Finanza, dando quindi corpo al Rating di Legalità.
L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato attribuisce il Rating di Legalità su domanda dell'Azienda interessata e questo prevede l'attribuzione di un numero di "stelle" variabili da 1 a 3 in funzione della presenza di specifici requisiti, tra cui anche l'adozione di un Modello Organizzativo 231/01.
Le Aziende virtuose inserite nello specifico Albo dell'AGCM ottengono concreti benefici sia in sede di concessione di finanziamenti presso Pubbliche Amministrazioni, sia in fase di accesso al credito bancario, come previsto dal Decreto 57/2014.
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.ite www.corsionlineitalia.it. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it.
 
2
Feb

Fasi di realizzazione di un progetto qualità a norma UN EN ISO 9001:2015

   
MODI con i suoi esperti in consulenza accompagna l’Azienda Cliente durante tutto il percorso che inizia dalla prima analisi per la valutazione dell’impegno necessario alla realizzazione del Sistema Qualità, sino all’ottenimento della certificazione ISO 9001:2015, occupandosi della definizione e stesura di tutto l’impianto documentale necessario ed assistendo il personale dell’Azienda nell’efficace applicazione dei procedimenti individuati.
Fasi di realizzazione di un progetto qualità a norma UN EN ISO 9001:2015

Analisi preliminare

viene svolta presso l’Azienda raccogliendo tutte le informazioni che permettono di tracciare un quadro della situazione esistente, stabilire gli obiettivi nelle diverse aree ed individuare il percorso necessario per la definizione delle procedure operative. Vengono coinvolte le risorse che, all’interno dell’Organizzazione, sono in grado di fornire informazioni sui processi aziendali e sulle regole che li governano. Introduzione di un concetto di qualità responsabile, semplificazione burocratica e analisi dei rischi da parte delle organizzazioni.

Attuazione del SGQ

durante questa fase prende corpo l’impianto documentale del Sistema di Gestione per la Qualità e, contestualmente, ne viene predisposta l’applicazione operativa. Vengono coinvolte le risorse, nei vari settori dell’Organizzazione, sia attraverso interventi formativi sull’efficace applicazione dei requisiti del Sistema di Gestione per la Qualità, sia per l’individuazione delle migliori regole operative da attuare. Vengono affrontati tutti gli aspetti dell’attività aziendale.

Audit interni

le procedure operative, messe in atto durante la fase di attuazione del sistema, vengono verificate attraverso specifici audit interni, eseguiti con la medesima tecnica utilizzata dagli organismi di certificazione. Tali audit permettono di valutare la completezza e l’efficacia del Sistema di Gestione per la Qualità. Nel corso dell’attività di auditing, come richiesto dalla norma di riferimento, viene formato e qualificato il personale che, nell’Organizzazione, sarà preposto all’esecuzione delle Verifiche Ispettive Interne.

Preparazione finale e certificazione

la preparazione finale consiste nel completamento della documentazione operativa, predisponendo il “Riesame della Direzione” come previsto dalla norma. Il progetto si conclude con l’affiancamento e l’assistenza al personale dell’Azienda durante gli audit per la certificazione ISO 9001:2015 da parte dell’Organismo incaricato.

Adeguamento alla norma ISO 9001:2015

la pubblicazione della nuova edizione della norma comporta l’adeguamento della documentazione del Sistema di Qualità. Da ISO 9001:2008 a ISO 9001:2015.  L’adeguamento è necessario per mantenere la certificazione di Qualità. Le organizzazioni hanno tempo tre anni dalla data della pubblicazione della norma per adeguarsi.
Uno dei principali cambiamenti della ISO 9001:2015 per la Gestione della Qualità e la ISO 14001:2015 per la Gestione Ambientale è l’approccio sistematico alla gestione del rischio.
Per consulenze sul mantenimento, adeguamento o realizzazione di un sistema di gestione qualità a norma uni en iso 9001:2015 chiamare il numero verde 800300333 o visitare siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.ite www.corsionlineitalia.it. E-mail MODI Srl di Mestre e Spinea Venezia modisq@tin.it
 
13
Dic

MODI SRL pone particolare attenzione alla soddisfazione della clientela

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231MODI SRL di Spinea e Mestre Venezia, con l'obiettivo di soddisfare al massimo la propria clientela ha suddiviso in più brand i propri servizi. Gruppi di professionisti coordinati dalla segreteria organizzativa seguono i fabbisogni dei Clienti. La realizzazione, l'adeguamento e il mantenimento dei Sistemi di gestione Qualità, Ambiente e Sicurezza sono affidati alla sede di Spinea con MODI SRL. I corsi online sono affidati al team di CORSI ONLINE ITALIA con portale attivo 24 ore su 24 interattivo e di facile utilizzo. I tecnici di Consulenza Sicurezza Veneto seguono il D.lgs. 81/2008 e la formazione in aula e presso la sede delle aziende. I professionisti esperti giuristi d'impresa implementano e aggiornano i modelli organizzativi D.lgs. 231/01 e assumono l'incarico di membro dell'Organismo di Vigilanza. Il brand di riferimento per questa attività è MOG231.it.
Per informazioni è possibile telefonare al  numero verde 800300333 gratis anche da mobile.
 
 
16
Nov

Il corretto ed efficace svolgimento dei compiti di vigilanza affidati dal D.Lgs. 231/2001 all’organismo di vigilanza sono presupposti indispensabili e assolutamente inderogabili per l’esonero dalla responsabilità.

Il corretto ed efficace svolgimento dei compiti di vigilanza affidati dalla Legge all'organismo di vigilanza (ODV) sono presupposti indispensabili e assolutamente inderogabili per l'esonero dalla responsabilità, sia che il reato sia stato commesso dai soggetti “apicali” sia che sia stato commesso dai soggetti sottoposti all'altrui direzione. Questo è il senso dell'art. 7, comma 4, del D.Lgs. 231/2001 il quale prevede che l'efficace attuazione del modello richiede, oltre all'istituzione di un sistema disciplinare, una sua verifica periodica, che ragionevolmente può essere attuata solo da parte dell'organismo a ciò appositamente dedicato.
Per quanto attiene alle aziende di piccole dimensioni, al fine di non gravare eccessivamente in termini economici sulle medesime, il legislatore consente di affidare i compiti demandati all’organismo di vigilanza direttamente all'amministratore della società o al socio responsabile della stessa, preoccupandosi in tal modo di non gravare sulla piccola impresa obbligandola a sopportare costi sicuramente eccessivi e non commisurati all’obiettivo della legge. E' però del tutto evidente, che da un punto di vista pratica, la capacità di vigilanza risulta notevolmente attenuata, anche per un evidente conflitto di interesse.
I principali requisiti che l'organismo di Vigilanza 231 deve possedere sono l’autonomia ed indipendenza, onorabilità e professionalità.
Maurizio Billi e Matteo Scomparin sono i referenti in Modi Srl Consulenza Formazione per i modelli di organizzazione e gesrione D.lgs 231/2001 e assumono anche il ruolo di ODV Organismo di Vigilanza. Contattando la segreteria organizzativa al numero verde 800300333 ci si può iscrivere al seminario del 21/03/16 Dgr 2120.
Per ulteriori informazioni contattaci via e-mail mog231@gmail.como visitate il sito www.mog231.it.
15
Nov

Servizi utili al datore di lavoro per la gestione della sua impresa erogato da MODI – Qualità, Ambiente, Sicurezza, Modelli Organizzativi 231, ruolo in ODV e Rspp in esterno

Ci siamo fatti in quattro per offrire alla nostra Clientela servizi di consulenza che possano aiutarli a gestire l'azienda a 360 gradi. La salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, i modelli organizzativi, il ruolo di RSPP in esterno, ODV, i sistemi di gestione QUALITA', AMBIENTE, SICUREZZA, gli adempimenti Privacy, l'Haccp, la forrmazione online. Tra i più richiesti i servizi più utili al datore di lavoro per la gestione della sua impresa come la realizzazione e il mantenimento di Sistemi di gestine Qualità, Ambiente, Sicurezza, Modelli Organizzativi 231, ruolo in ODV e Rspp in esterno. Per un sopralluogo gratuito visionare i nostri siti www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it e www.mog231.it. Per informazioni telefonare gratis anche da mobile al numero verde 800300333.
15
Nov

Servizi utili al datore di lavoro per la gestione della sua impresa erogato da MODI – Qualità, Ambiente, Sicurezza, Modelli Organizzativi 231, ruolo in ODV e Rspp in esterno

Ci siamo fatti in quattro per offrire alla nostra Clientela servizi di consulenza che possano aiutarli a gestire l'azienda a 360 gradi. La salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, i modelli organizzativi, il ruolo di RSPP in esterno, ODV, i sistemi di gestione QUALITA', AMBIENTE, SICUREZZA, gli adempimenti Privacy, l'Haccp, la forrmazione online. Tra i più richiesti i servizi più utili al datore di lavoro per la gestione della sua impresa come la realizzazione e il mantenimento di Sistemi di gestine Qualità, Ambiente, Sicurezza, Modelli Organizzativi 231, ruolo in ODV e Rspp in esterno. Per un sopralluogo gratuito visionare i nostri siti www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it e www.mog231.it. Per informazioni telefonare gratis anche da mobile al numero verde 800300333.



7
Nov

Nuovo Standard pubblicato da ISO – norma ISO 37001:2016 – ANTICORRUZIONE



Il nuovo standard, pubblicato da ISO il 15/10/2016, si propone come asset di riferimento per rafforzare quanto già messo in atto dalle leggi emanate nei vari paesi in materia di anticorruzione. In Italia i riferimenti sono il D.Lgs. 231/01 e la Legge 190/92.

La corruzione è un fenomeno molto diffuso in tutto il mondo. Solleva serie preoccupazioni sociali, morali, economiche e politiche, mina il buon governo, ostacola lo sviluppo e falsa la concorrenza. Erode la giustizia, mina i diritti umani ed è un ostacolo alla riduzione della povertà. Aumenta anche il costo del “fare business”, introduce incertezze nelle attività commerciali, aumenta il costo dei beni e dei servizi, diminuisce la qualità dei prodotti e dei servizi, può portare alla perdita di vite umane e di proprietà, distrugge la fiducia nelle istituzioni e interferisce con l’efficiente funzionamento dei mercati.
I governi hanno fatto progressi nell'affrontare la corruzione attraverso accordi internazionali o mediante leggi nazionali. Nella maggior parte delle giurisdizioni vi è una crescente tendenza a rendere le organizzazioni, così come gli individui, responsabili per i reati di corruzione.
Tuttavia, la legge da sola non è sufficiente per risolvere questo problema. Le organizzazioni hanno la responsabilità di contribuire attivamente alla lotta contro la corruzione. Ciò può essere ottenuto da un sistema di gestione anti-corruzione, che la nuova norma si propone di attuare attraverso la leadership e l’impegno per la creazione di una cultura di integrità, di trasparenza, di apertura e di ricerca della conformità. La natura della cultura di un'organizzazione è fondamentale per il successo o il fallimento di un sistema di gestione anti-corruzione.
Un'organizzazione ben gestita dovrebbe avere una politica di conformità supportata da adeguati sistemi di gestione per assisterla nel rispettare i suoi obblighi di legge e l'impegno per l'integrità. Una politica anti-corruzione è una componente di una politica globale di conformità. La politica anti-corruzione e il sostegno per l’attuazione del sistema di gestione aiutano l'organizzazione ad evitare o attenuare i costi, i rischi e i danni di coinvolgimento in reati di  corruzione, promuovendo la fiducia nei rapporti d'affari e migliorando la sua reputazione.
La nuova norma riflette le buone prassi internazionali e può essere utilizzata in tutte le giurisdizioni. È applicabile alle piccole, medie e grandi organizzazioni in tutti i settori, compresi i settori pubblico, privato e non-profit. I rischi di corruzione per un'organizzazione variano a seconda di fattori quali la dimensione dell'organizzazione, i luoghi e settori in cui opera, la natura, l'entità e la complessità delle sue attività.  Un allegato della norma fornisce una guida per l'attuazione dei requisiti del documento.
La conformità alla ISO 37001 non può fornire la garanzia che all’interno dell’organizzazione non si sono verificati episodi di corruzione o che non se ne possano verificare,  in quanto non è possibile eliminare completamente il rischio di corruzione. Tuttavia, questo documento può aiutare l'organizzazione ad  attuare misure ragionevoli e proporzionate volte a prevenire, rilevare e rispondere alla corruzione.

(tratto dal sito www.iso.org)

 

Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.ite www.corsionlineitalia.it. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it
7
Nov

Nuovo Standard pubblicato da ISO – norma ISO 37001:2016 – ANTICORRUZIONE

 
Il nuovo standard, pubblicato da ISO il 15/10/2016, si propone come asset di riferimento per rafforzare quanto già messo in atto dalle leggi emanate nei vari paesi in materia di anticorruzione. In Italia i riferimenti sono il D.Lgs. 231/01 e la Legge 190/92.
 
La corruzione è un fenomeno molto diffuso in tutto il mondo. Solleva serie preoccupazioni sociali, morali, economiche e politiche, mina il buon governo, ostacola lo sviluppo e falsa la concorrenza. Erode la giustizia, mina i diritti umani ed è un ostacolo alla riduzione della povertà. Aumenta anche il costo del “fare business”, introduce incertezze nelle attività commerciali, aumenta il costo dei beni e dei servizi, diminuisce la qualità dei prodotti e dei servizi, può portare alla perdita di vite umane e di proprietà, distrugge la fiducia nelle istituzioni e interferisce con l’efficiente funzionamento dei mercati.
I governi hanno fatto progressi nell'affrontare la corruzione attraverso accordi internazionali o mediante leggi nazionali. Nella maggior parte delle giurisdizioni vi è una crescente tendenza a rendere le organizzazioni, così come gli individui, responsabili per i reati di corruzione.
Tuttavia, la legge da sola non è sufficiente per risolvere questo problema. Le organizzazioni hanno la responsabilità di contribuire attivamente alla lotta contro la corruzione. Ciò può essere ottenuto da un sistema di gestione anti-corruzione, che la nuova norma si propone di attuare attraverso la leadership e l’impegno per la creazione di una cultura di integrità, di trasparenza, di apertura e di ricerca della conformità. La natura della cultura di un'organizzazione è fondamentale per il successo o il fallimento di un sistema di gestione anti-corruzione.
Un'organizzazione ben gestita dovrebbe avere una politica di conformità supportata da adeguati sistemi di gestione per assisterla nel rispettare i suoi obblighi di legge e l'impegno per l'integrità. Una politica anti-corruzione è una componente di una politica globale di conformità. La politica anti-corruzione e il sostegno per l’attuazione del sistema di gestione aiutano l'organizzazione ad evitare o attenuare i costi, i rischi e i danni di coinvolgimento in reati di  corruzione, promuovendo la fiducia nei rapporti d'affari e migliorando la sua reputazione.
La nuova norma riflette le buone prassi internazionali e può essere utilizzata in tutte le giurisdizioni. È applicabile alle piccole, medie e grandi organizzazioni in tutti i settori, compresi i settori pubblico, privato e non-profit. I rischi di corruzione per un'organizzazione variano a seconda di fattori quali la dimensione dell'organizzazione, i luoghi e settori in cui opera, la natura, l'entità e la complessità delle sue attività.  Un allegato della norma fornisce una guida per l'attuazione dei requisiti del documento.
La conformità alla ISO 37001 non può fornire la garanzia che all’interno dell’organizzazione non si sono verificati episodi di corruzione o che non se ne possano verificare,  in quanto non è possibile eliminare completamente il rischio di corruzione. Tuttavia, questo documento può aiutare l'organizzazione ad  attuare misure ragionevoli e proporzionate volte a prevenire, rilevare e rispondere alla corruzione.
(tratto dal sito www.iso.org)
 
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.ite www.corsionlineitalia.it. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it