1 Appalti Archives - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Posts from the ‘Appalti’ Category

13
Set

Beni culturali, sul Mepa il bandi Consip per lavori di manutenzione

13/09/2019 - Sono stati istituiti sul Mercato elettronico della Pubblica Amministrazione (MEPA) i bandi per manutenzioni edili, stradali, ferroviarie ed aeree, idrauliche, marittime e reti gas, impianti, ambiente e territorio, dei beni del patrimonio culturale e opere specializzate. Il bando ‘Beni del patrimonio culturale’, in particolare, riguarda le attività e gli interventi destinati al controllo delle condizioni del bene culturale e al mantenimento dell’integrità, dell’efficienza funzionale e dell’identità del bene e delle sue parti (art. 29 comma 3 del Dlgs 42/2004 - Codice dei beni culturali e del paesaggio). Infatti, dal 2016 le amministrazioni pubbliche hanno la possibilità di negoziare sul Mepa, oltre a beni e servizi, anche lavori di manutenzione. Scopo di un contratto per ‘lavori di manutenzione’ è quello di realizzare un singolo intervento o un insieme di interventi consistenti nella.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
9
Gen

DL Semplificazione, Ance: ‘ultima occasione per rilanciare l’edilizia’

09/01/2019 – “Il DL Semplificazioni rappresenta l’ultima occasione per la ripresa delle costruzioni, dopo una Legge di Bilancio fortemente deludente, che ha visto un calo degli investimenti pubblici”. Lo ha affermato lo scorso 7 gennaio Gabriele Buia, presidente dell'Ance, in audizione al Senato sul decreto legge Semplificazione. Ance: flop della Manovra 2019, DL Semplificazioni da modificare L’Ance ha evidenziato la crisi che sta vivendo il Paese a causa del blocco del settore delle costruzioni: la Legge di Bilancio 2019 ha visto gli investimenti pubblici e il settore essere, ancora una volta, le vittime sacrificali dell’Accordo trovato in extremis con Bruxelles. In questo modo, gli effetti sul rilancio delle opere pubbliche nel 2019 sono stati ridotti dell’85% (da 3,5 miliardi aggiuntivi a soli 550 M€). “Il DL Semplificazioni, quindi, rappresenta l’ultima occasione per gettare le basi per una.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
7
Nov

Cantieri e appalti, cosa cambia con il Decreto Sicurezza

07/11/2018 – In arrivo nuovi adempimenti per cantieri e appalti: ampliata la platea dei destinatari della segnalazione di inizio attività dei cantieri e previste sanzioni più severe per chi fa ricorso a subappalti illeciti. A prevederlo la legge di conversione del DL sicurezza, in discussione al Senato. Monitoraggio cantieri: le novità introdotte Il Decreto sicurezza include anche il prefetto tra i destinatari della notifica preliminare che il committente o il responsabile dei lavori è tenuto a trasmettere prima dell'inizio dei lavori in alcuni cantieri temporanei o mobili, modificando il Dlgs 81/2008 (Testo Unico sulla Sicurezza). La norma precedente prevedeva, invece, una notifica preliminare, prima dell'inizio dei lavori, da inviare ‘solo’ all'azienda unità sanitaria locale e alla sede dell'Ispettorato nazionale del lavoro territorialmente competenti. Il prefetto, comunque, aveva.. Continua a leggere su Edilportale.com   MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
18
Set

Responsabilità solidale negli appalti, dal Ministero del Lavoro chiarimenti

18/09/2018 – Nessuna deroga alla responsabilità solidale del committente, neanche per i contratti collettivi stipulati prima del 17 marzo 2017, giorno dell’entrata in vigore del Decreto Legge 25/2017 che ha ripristinato totalmente la responsabilità solidale negli appalti. A chiarirlo il Ministero del Lavoro nell'interpello 5/2018, in cui spiega come interpretare i contratti collettivi che ancora oggi prevedono questa deroga. Responsabilità solidale negli appalti: le indicazioni del Ministero del lavoro L’interpello ricorda che in precedenza le norme permettevano alla contrattazione collettiva di derogare alla regola in materia di solidarietà del committente di un appalto per i crediti retributivi vantati dal lavoratore impiegato dall’appaltatore, qualora fossero stati individuati metodi e procedure di controllo e di verifica della regolarità complessiva degli appalti.  Il DL 25/2017 ha, però,.. Continua a leggere su Edilportale.com   MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
5
Lug

Edilizia 4.0, Toninelli: ‘stiamo lavorando su detrazioni fiscali, BIM, investimenti pubblici’

05/07/2018 - Puntare sulle detrazioni fiscali per incentivare le ristrutturazioni, rafforzare gli investimenti pubblici, favorire le piccole opere diffuse sul territorio, correggere il Codice Appalti, snellire la burocrazia nel mondo delle costruzioni e digitalizzare gli appalti pubblici attraverso il Bim. Questa la ricetta per rilanciare il settore delle costruzioni individuata dal Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, in un messaggio inviato ieri ai partecipanti del convegno “Edificio 4.0: Costruire digitale per un'Italia più sociale, più sicura” organizzato da Federcostruzioni per presentare un Manifesto con 10 proposte operative per il settore edilizio. Edilizia 4.0: detrazioni fiscali, investimenti pubblici e piccole opere Secondo il Ministro Toninelli “senza una edilizia di qualità e senza buone opere pubbliche, il Paese non va avanti. Oserei dire che è come un corpo senza scheletro”... Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
4
Mag

AvcPass, da ottobre sarà sostituita dalla banca dati degli operatori economici

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231 04/05/2018 – Dal 18 ottobre il controllo telematico dei requisiti di gara dichiarati dalle imprese sarà gestito dalla nuova banca dati degli operatori economici (BDOE) istituita dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti (MIT). A prevederlo lo Schema di decreto che istituisce la ‘Banca dati degli operatori economici’, in attuazione dell’art. 81 del Nuovo Codice degli Appalti (Dlgs 50/2016), che ha ottenuto parere favorevole dal Consiglio di Stato. Gare, la gestione dei requisiti dall'AvcPass alla BDOE Dopo la consultazione che ha raccolto i contributi degli attori coinvolti nel processo di costruzione della nuova banca dati, il MIT ha inviato al Consiglio di Stato lo schema di decreto (composto da 11 articoli) con cui si regolamenta il nuovo sistema per il controllo telematico dei requisiti di gara. Lo schema di decreto prevede che, entro il 30 giugno, il MIT pubblichi sul proprio sito istituzionale: le specifiche.. Continua a leggere su Edilportale.com
9
Mar

Appalti, la Sardegna approva la legge

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231 09/03/2018 – La Sardegna ha approvato la legge sugli appalti che introduce il concetto di qualità architettonica e prevede la costituzione di una società, interamente a capitale pubblico, per la progettazione di opere pubbliche di interesse regionale. Appalti in Sardegna: le novità della Legge La Legge consente di supportare le piccole imprese, di snellire l’attuazione delle opere pubbliche e, per la prima volta, introduce il concetto di qualità architettonica delle opere. Inoltre, prevede la costituzione di una società, interamente a capitale pubblico, per lo studio, la realizzazione e la gestione di opere pubbliche di interesse regionale in Sardegna. Secondo dell’assessore dei Lavori Pubblici, Edoardo Balzarini, “questa novità sopperirà alle carenze degli uffici tecnici regionali e darà la possibilità, anche con una più attenta attività di esternalizzazione dei.. Continua a leggere su Edilportale.com
10
Nov

Appalti sui beni culturali, nuove norme in vigore dall’11 novembre

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23110/11/2017 – Entra in vigore domani 11 novembre il Regolamento per gli appalti pubblici di lavori riguardanti i beni culturali tutelati (DM 154/2017), predisposto in attuazione all’articolo 146, comma 4 del Codice dei Contratti Pubblici (Dlgs 50/2016). Il provvedimento si riferisce nello specifico alle gare, pubbliche o private, che riguardano le attività di scavo archeologico (comprese le indagini archeologiche subacquee), i lavori di monitoraggio, manutenzione e restauro su immobili sottoposti a tutela e il monitoraggio, la manutenzione e il restauro di beni culturali mobili e superfici decorate di beni architettonici. Appalti beni culturali: le novità per la qualificazione delle imprese Con il nuovo decreto il Ministero dei Beni Culturali (Mibact) alleggerisce alcuni requisiti per qualificarsi nelle gare su immobili tutelati; ad esempio sul fronte dei requisiti di idoneità tecnica prescrive che, per partecipare all'appalto,.. Continua a leggere su Edilportale.com
12
Ott

Appalti pubblici, UE: ‘sviluppare strategie di professionalizzazione’

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23112/10/2017 – Definire una politica di professionalizzazione degli appalti pubblici, migliorare la formazione delle risorse umane e promuovere lo sviluppo e l'adozione di strumenti informatici in grado di semplificare e migliorare il funzionamento dei sistemi di appalti. Questi gli obiettivi delineati dalla Raccomandazione UE 2017/1805, pubblicata Gazzetta Ufficiale dell’Ue del 7 ottobre, relativa alla costruzione di un'architettura per la professionalizzazione degli appalti pubblici. Appalti pubblici: definire la politica di professionalizzazione Secondo l’UE, gli Stati membri dovrebbero sviluppare e attuare strategie a lungo termine di professionalizzazione degli appalti pubblici, adattate alle loro esigenze, risorse e struttura amministrativa. Tali strategie devono rivolgersi a tutti i soggetti che partecipano alle procedure di appalto e devono essere applicate in coordinamento con le altre politiche in tutto il settore pubblico.. Continua a leggere su Edilportale.com
10
Ott

Appalti, in arrivo le nuove regole per i beni culturali

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23110/10/2017 – In arrivo la nuove regole per la partecipazione alle gare d’appalto, pubbliche o private, che riguardino le attività di scavo archeologico (comprese le indagini archeologiche subacquee), i lavori di monitoraggio, manutenzione e restauro su immobili sottoposti a tutela e il monitoraggio, la manutenzione e il restauro di beni culturali mobili e superfici decorate di beni architettonici. E’ stato, infatti, registrato alla Corte dei Conti, dopo il via libera del Consiglio di Stato, il DM 374/2017 del Ministero dei Beni culturali predisposto in attuazione all’articolo 146, comma 4 del Codice dei Contratti Pubblici (Dlgs 50/2016). La qualificazione per i lavori sui beni culturali Il DM specifica che le imprese che partecipano ad appalti su beni culturali devono dimostrare il possesso della qualifica specifica (ad esempio la OG2 relativa al Restauro e manutenzione dei beni immobili sottoposti a tutela, la OS25 relativa a scavi archeologici,.. Continua a leggere su Edilportale.com