1 Bandi e Concorsi Archives - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Posts from the ‘Bandi e Concorsi’ Category

4
Dic

SEMINARIO NAZIONALE AVVOCATI INAIL

 

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO A DIECI ANNI DAL D.LGS. N. 81/2008

SEMINARIO NAZIONALE AVVOCATI INAIL

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO A DIECI ANNI DAL D.LGS. N. 81/2008SEMINARIO NAZIONALE AVVOCATI INAIL Con il patrocinio del Consiglio nazionale forense SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO A DIECI ANNI DAL D.LGS. N. 81/2008 TUTELE UNIVERSALI E NUOVI STRUMENTI REGOLATIVI Roma, 12 – 14 dicembre 2018 Auditorium Inail PROGRAMMA DEI LAVORI MERCOLEDÌ 12 DICEMBRE 2018 14:00 Registrazione partecipanti 14:30 Saluti istituzionali SESSIONE DI DEONTOLOGIA: 16:00 - 19:00 - Equo compenso e Deontologia  AVV. MAURO VAGLIO, Presidente Consiglio  Ordine avvocati di Roma - I profili deontologici dell’esercizio della professione forense dell’avvocato dipendente. Difesa della pubblica amministrazione e interesse pubblico tutelato. Il ruolo del CNF ai fini della  attuazione dell’art. 23 della l.p.f.  AVV. DONATELLA CERÈ, Consigliere CNF - Lo status differenziato degli avvocati incardinati, la duplice natura: dipendenti e professionisti. Possibili forme di organizzazione dell’Ufficio legale degli enti: limiti al potere discrezionale.  CONS. AVV. STEFANO TOSCHEI, Consiglio di Stato GIOVEDÌ 13 DICEMBRE 2018 SESSIONE MATTUTINA: 9:30 - 13:00 Presiede: PROF.SSA SILVANA SCIARRA, Giudice della Corte Costituzionale RELAZIONE INTRODUTTIVA Dopo il d.lgs. 81/2008: salute e sicurezza in un decennio di riforme del diritto del lavoro PROF. PAOLO PASCUCCI, Università di Urbino Carlo Bo NUOVI SCENARI DEL LAVORO E NUOVE TUTELE PER LA SALUTE E LA SICUREZZA - Le trasformazioni nella struttura occupazionale  e nei processi produttivi  PROF. EMMANUELE PAVOLINI, Università di Macerata - Salute e sicurezza dei lavoratori della gig economy PROF.SSA FRANCESCA MALZANI, Università di Brescia POLITICHE DELLA PREVENZIONE E SISTEMI DI VIGILANZA - Competenze legislative e fonti di regolazione della sicurezza sul lavoro PROF. MARIO ESPOSITO, Università del Salento - La vigilanza sulla sicurezza sul lavoro tra razionalizzazione e coordinamento PROF. GAETANO NATULLO, Università del Sannio SESSIONE POMERIDIANA: 15:00 - 19:00 Presiede: AVV. RICCARDO D’ALIA, Avvocato generale  Inail L’ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DI PREVENZIONE AZIENDALE - La valutazione di tutti i rischi PROF. LUCIANO ANGELINI, Università di Urbino Carlo Bo - I “consulenti” del datore di lavoro PROF.SSA CHIARA LAZZARI, Università di Urbino Carlo Bo - Buone prassi in materia di sicurezza sul lavoro e art. 2087 c.c. PROF.SSA MARTINA VINCIERI, Università di Bologna - I modelli di organizzazione e di gestione della sicurezza sul lavoro. PROF. ALBERTO ANDREANI, Università di Urbino Carlo Bo - Le politiche del d.lgs. 81/2008 per la prevenzione: strumenti e criticità.  ING. ESTER ROTOLI, Direttore centrale prevenzione  Inail VENERDÌ 14 DICEMBRE 2018 SESSIONE MATTUTINA: 9:30 - 13:00  Presiede: DR. GIOVANNI PAURA, Direttore centrale  pianificazione e comunicazione Inail GLI APPARATI SANZIONATORI - La responsabilità penale personale e la sicurezza del lavoro: costanti e variabili. DOTT. BRUNO GIORDANO, Corte di Cassazione - La responsabilità amministrativa degli enti DOTT. SALVATORE DOVERE, Corte di Cassazione RAPPRESENTANZA E PARTECIPAZIONE - Rappresentanza dei lavoratori per la sicurezza e nuovi scenari del mondo del lavoro PROF. MARCO LAI, Università di Firenze TUTELA PREVENZIONISTICA E TUTELA ASSICURATIVA - L’universalizzazione delle tutele tra d.lgs. 81/2008 e d.P.R. 1124/1965 AVV. LUIGI LA PECCERELLA, Direttore responsabile della Rivista degli infortuni e delle malattie professionali Inail CONCLUSIONI DEL DIRETTORE GENERALE INAIL DOTT. GIUSEPPE LUCIBELLO
  MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
14
Nov

Lavoratori tra le nuvole: aspetti tecnici e prevenzionali dei lavori in alta montagna

 

Convegno Courmayeur e Aosta - martedì 11 e mercoledì 12 dicembre 2018

Lavoratori tra le nuvole: aspetti tecnici e prevenzionali dei lavori in alta montagna

aspetti tecnici e prevenzionali dei lavori in alta montagnaIl convegno è articolato in due giornate, l’11 e il 12 dicembre prossimi, e si svolgerà in due location differenti: la sala congressi Funivie Monte Bianco SkyWay a Courmayeur e la sala M. Ida Viglino Palazzo Regionale ad Aosta. Durante la prima giornata, che si aprirà con i saluti dei direttori regionali Inail di Aosta, Piemonte e Campania, Giuseppe Villani, Alessandra Lanza e Daniele Leone, è previsto l’intervento di Sergio Iavicoli, direttore del Dipartimento di medicina, epidemiologia, igiene del lavoro e ambientale dell’Istituto, che ripercorrerà i 150 anni di storia dei grandi tunnel delle Alpi, mentre a moderare i lavori, ci sarà Carlo De Petris, direttore del Dipartimento innovazioni tecnologiche e sicurezza degli impianti, prodotti e insediamenti antropici. La sessione si concluderà con le testimonianze di alcuni lavoratori della funivia Sky Way. La seconda giornata sarà focalizzata sui temi relativi alla sorveglianza sanitaria e alle patologie dei lavoratori di alta montagna. L’iscrizione all’evento è gratuita: è necessario inviare entro il 13 novembre la scheda allegata all’indirizzo email sottoindicato. Data Inizio: 11/12/2018

Data Fine: 12/12/2018 Sede Evento: Sala Congressi Funivie Monte Bianco SkyWay, Courmayeur e Sala M. Ida Viglino Palazzo Regionale, Aosta Provincia: AO Orario: 9.30 - 14.00, 10.00 - 14.00 Info Email Evento: l.ponsetti@inail.it Info Telefono Evento: 0165/277426 Lavoratori tra le nuvole: aspetti tecnici e prevenzionali dei lavori in alta montagnaLeggi news su Inail.it
  MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
8
Ago

proroghe per voucher digitalizzazione Pmi

 

Ministero dello Sviluppo Economico informa su alcune proroghe approvate riguardanti i voucher 2018

proroghe per voucher digitalizzazione Pmi

proroghe per voucher digitalizzazione PmiProrogato fino al 14 dicembre 2018 il termine per l’ultimazione delle spese progettuali connesse agli interventi di digitalizzazione dei processi aziendali e ammodernamento tecnologico. A seguito della proroga, le imprese assegnatarie del Voucher possono presentare la richiesta di erogazione, dopo aver provveduto al pagamento a saldo di tutte le spese, fino al 14 marzo 2019. Resta ferma la possibilità per le imprese di presentare le richieste di erogazione a partire dal 14 settembre 2018.


Cos'è

È una misura agevolativa per le micro, piccole e medie imprese che prevede un contributo, tramite concessione di un “voucher”, di importo non superiore a 10 mila euro, finalizzato all'adozione di interventi di digitalizzazione dei processi aziendali e di ammodernamento tecnologico. La disciplina attuativa della misura è stata adottata con il decreto interministeriale 23 settembre 2014.

Cosa finanzia

Il voucher è utilizzabile per l'acquisto di software, hardware e/o servizi specialistici che consentano di:

  • migliorare l'efficienza aziendale;
  • modernizzare l'organizzazione del lavoro, mediante l'utilizzo di strumenti tecnologici e forme di flessibilità del lavoro, tra cui il telelavoro;
  • sviluppare soluzioni di e-commerce;
  • fruire della connettività a banda larga e ultralarga o del collegamento alla rete internet mediante la tecnologia satellitare;
  • realizzare interventi di formazione qualificata del personale nel campo ICT.

Gli acquisti devono essere effettuati successivamente alla pubblicazione sul sito web del Ministero del provvedimento cumulativo di prenotazione del Voucher adottato su base regionale.

Le agevolazioni

Ciascuna impresa può beneficiare di un unico voucher di importo non superiore a 10 mila euro, nella misura massima del 50% del totale delle spese ammissibili.

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
3
Lug

Bando Bric 2018

 

Pubblicato sul portale #Inail il nuovo Bando Bric 2018

Bando Bric 2018

bandoLa scadenza per inviare le proposte progettuali di durata biennale è fissata al 3 agosto prossimo. Reinserimento lavorativo, tutela assicurativa e prevenzione gli ambiti in cui sviluppare le proposte di ricerca in linea con il vigente Piano triennale di attività della ricerca. Per il 2018 stanziati oltre 4,5 milioni di euro
Con il Bando Bric 2018, Inail intende valorizzare e implementare la propria rete scientifica, mediante l’affidamento di progetti in collaborazione di durata biennale, per lo sviluppo di tematiche di ricerca nei tre ambiti core della mission istituzionale (il reinserimento lavorativo, la tutela assicurativa e la prevenzione), per il completamento degli obiettivi del Piano di attività di ricerca 2016/2018 e in una prospettiva integrata con la prossima pianificazione operativa triennale ai sensi del D.Lgs. 25 novembre 2016, n. 218.
Destinatari delle collaborazioni Enti di ricerca pubblici e i relativi dipartimenti, che siano dotati del relativo potere di rappresentanza nei rapporti con i Terzi secondo i rispettivi ordinamenti o in virtù di specifici atti di delega, istituti di ricovero e cura a carattere scientifico, università e dipartimenti universitari. Le risorse finanziarie  Per l’attivazione del sistema di collaborazioni è previsto un finanziamento, per l’esercizio 2018, pari ad € 4.550.000,00 a valere sulle risorse stanziate per la Missione ricerca nel bilancio di previsione dell’Inail. Presentazione delle proposte progettuali La domanda di partecipazione alla selezione deve essere presentata, pena l’esclusione, a firma del soggetto che abbia il potere di rappresentanza del Destinatario Istituzionale nei rapporti con i Terzi, o di un suo delegato, compilando il modulo di cui all’Allegato 1 ed inviata, tramite Posta Elettronica Certificata (PEC) all’indirizzo e-mail bandobric@postacert.inail.it, entro e non oltre le ore 24 del giorno 3 agosto 2018.
Un’apposita commissione per la valutazione tecnico-scientifica. Oltre alla verifica di ammissibilità delle proposte pervenute, i progetti saranno valutati dal punto di vista tecnico-scientifico, da una commissione composta da esperti interni qualificati. La graduatoria dei progetti finanziabili - con l’indicazione del relativo importo di finanziamento riconosciuto - sarà pubblicata sul sito istituzionale. Il finanziamento ripartito su due annualità. Le risorse riconosciute e assegnate a ogni progetto saranno ripartite su due annualità e lo stanziamento delle quote relative al secondo anno sarà subordinato all’esito positivo della verifica da parte dell’Istituto sulla disponibilità di bilancio per l’esercizio finanziario di competenza. È previsto un sistema di rendicontazione scientifico ed economico delle attività svolte per l’erogazione dei finanziamenti.
  MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
17
Giu

Avviso Manifestazione di Interesse per Sistemi di Imprese

 

FonARCom 15 giugno 2018 - Pubblicato il testo integrale dell'Avviso Manifestazione di Interesse per Sistemi di Imprese

Avviso Manifestazione di Interesse per Sistemi di Imprese

Avviso Manifestazione di Interesse per Sistemi di ImpreseAvviso Manifestazione di Interesse per Sistemi di Imprese 15 giugno 2018 - Pubblicato il testo integrale dell'Avviso Manifestazione di Interesse per Sistemi di Imprese
Il Consiglio di Amministrazione del Fondo ha deliberato, nella seduta del 5 giugno 2018, l'approvazione dell'Avviso per Manifestazione di Interesse per Sistemi di Imprese in formazione.
Modalità e termini di presentazione delle proposte: (primo termine di invio al Fondo della Manifestazione di Interesse, unitamente al Documento Programmatico condiviso dalle Parti Sociali) Finestra aperta solo ai fini della Manifestazione di Interesse 13 luglio 2018, ore 16.00
Per Sistemi di Impresa FonARCom (SDI) si intende un insieme di imprese, aderenti al Fondo, interconnesse tra di loro o con l'ambiente esterno tramite reciproche relazioni, coordinate tra loro allo scopo di perseguire comuni obiettivi formativi.
Il Sistema infatti, da un lato, consente all’azienda di intraprendere percorsi formativi che altrimenti le sarebbero preclusi in quanto individualmente sprovvista dei necessari requisiti e, dall’altro, di non snaturare la propria struttura societaria e di governance.
L’obiettivo della SDI è l’individuazione, tramite il soggetto mandatario, delle opportunità di collaborazione e di integrazione tra diverse aziende, sia all'interno della stessa filiera produttiva che anche tra aziende di settori diversi, al fine di ottenere importanti vantaggi comuni nell’ambito della formazione continua dei lavoratori.
Il Consiglio di Amministrazione del Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua FonARCom, nel corso della riunione del 05/06/2018:
Le richieste di Manifestazione di Interesse, da presentarsi secondo le modalità di cui al successivo punto 1.2, verranno verificate ed autorizzate in ordine di arrivo. A partire dal momento di autorizzazione il Soggetto Proponente potrà comunicare nell’apposita area del FARC Interattivo le aziende che aderiscono al Sistema di Imprese che lo stesso rappresenta. L’Avviso di Manifestazione di Interesse avrà vigenza dalla pubblicazione e avrà durata triennale salvo indicazione di proroga, o di un termine finale anticipato, che sarà stabilito dal CdA di FonARCom e comunicato tramite pubblicazione sul sito del Fondo.
MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231  
27
Apr

Rapporto nazionale pesticidi nelle acque – Edizione 2018

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231

Per partecipare a questo evento è necessario registrarsi

Rapporto nazionale pesticidi nelle acque - Edizione 2018

Per partecipare a questo evento è necessario registrarsiI pesticidi sono le sostanze chimiche utilizzate in agricoltura, ma anche in altri settori, per combattere organismi ritenuti dannosi. Come tali, tuttavia, rappresentano un rischio per gli ecosistemi e per l’uomo, che in seguito al loro uso possono essere esposti ai residui lasciati nell’ambiente. Il 10 maggio l’ISPRA presenta l’edizione 2018 del Rapporto nazionale pesticidi nelle acque, che raccoglie le informazioni delle indagini svolte nel biennio 2015-2016. Il Rapporto è realizzato dall’ISPRA sulla base dei dati forniti da Regioni e Agenzie regionali per la protezione dell’ambiente, con l’obiettivo di informare sulla qualità della risorsa idrica in relazione ai rischi derivanti dall’uso dei pesticidi. Nella tavola rotonda il tema dell’impatto dei pesticidi sull’ambiente verrà analizzato da differenti punti di vista: quello delle Istituzioni, preposte alla governance, degli utilizzatori e delle associazioni ambientaliste, con una particolare attenzione alle relazioni ambiente-salute. L’evento si inserisce nell’ambito delle iniziative che l’ISPRA sta sviluppando sul tema della sostenibilità ambientale, con l’obiettivo di una crescita della consapevolezza degli attori e dei decisori sui dati reali da cui è necessario partire per una ricomposizione del rapporto tra sviluppo e ambiente.

Quando 10 maggio 2018 dalle 09:00 alle 13:00 Dove Roma - Auditorium MATTM Per partecipare a questo evento è necessario registrarsi Registrati

 
24
Apr

Revisione delle patenti di abilitazione per l’impiego dei gas tossici

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231

DECRETO 20 febbraio 2018

Revisione delle patenti di abilitazione per l'impiego dei gas tossici rilasciate o revisionate nel periodo 1° gennaio - 31 dicembre 2013

gazzetta(GU Serie Generale n.93 del 21-04-2018)

IL DIRETTORE GENERALE della prevenzione sanitaria

Visto il regio decreto 9 gennaio 1927, n. 147, recante «Approvazione del regolamento speciale per l'impiego dei gas tossici» e successive modificazioni, in particolare l'art. 35; Vista la legge 23 dicembre 1978, n. 833, recante «Istituzione del servizio sanitario nazionale» e successive modificazioni, in particolare, l'art. 7, comma 1, lettera c), che demanda alle Regioni l'esercizio delle funzioni amministrative concernenti i controlli sulla produzione, detenzione, commercio ed impiego dei gas tossici; Visto il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 concernente «Norme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche»; Visto l'art. 16 del richiamato decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, recante «Funzioni dei dirigenti di uffici dirigenziali generali», in particolare, il comma 1, lettera d), a tenore del quale: «adottano gli atti e i provvedimenti amministrativi ed esercitano i poteri di spesa e quelli di acquisizione delle entrate rientranti nella competenza dei propri uffici, salvo quelli delegati ai dirigenti»; Visto il decreto dirigenziale 6 febbraio 2017, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 63, del 16 marzo 2017, ultimo in materia, concernente la revisione generale delle patenti di abilitazione alle operazioni relative all'impiego di gas tossici, rilasciate o revisionate nel periodo 1° gennaio - 31 dicembre 2012; Considerato che ai sensi del suindicato regio decreto 9 gennaio 1927, n. 147, l'«utilizzazione, custodia e conservazione» dei gas tossici sono subordinati al conseguimento di apposita autorizzazione rilasciata dalla preposta Autorita' competente sanitaria; Considerato che gli addetti all'impiego di gas tossici devono essere persone di accertata idoneita' fisica e morale e di riconosciuta professionalita' attestata dalla patente di abilitazione di cui al Capo VII, del summenzionato regio decreto 9 gennaio 1927, n. 147, rubricato «Patente di abilitazione alle operazioni relative all'impiego di gas tossici», il cui rilascio comporta il superamento di un esame articolato in prove orali e pratiche, come previsto dal medesimo regio decreto; Tenuto conto che la patente di abilitazione alle operazioni relative all'impiego di gas tossici e' soggetta a revisione periodica quinquennale ai sensi del richiamato, art. 35, del regio decreto 9 gennaio 1927, n. 147 e puo' essere revocata quando vengono meno i presupposti del suo rilascio ai sensi dell'art. 36, del medesimo regio decreto e decade se non e' rinnovata in tempo utile; Ritenuto necessario dover procedere alla revisione delle patenti di abilitazione alle operazioni relative all'impiego di gas tossici rilasciate o revisionate nel periodo 1° gennaio - 31 dicembre 2013;

Decreta:

Art. 1

1. Per i motivi in premessa ed ai sensi e per gli effetti dell'art. 35, del regio decreto 9 gennaio 1927, n. 147, e' disposta la revisione delle patenti di abilitazione alle operazioni relative all'impiego dei gas tossici rilasciate o revisionate nel periodo 1° gennaio - 31 dicembre 2013.

Il presente decreto sara' inviato agli organi di controllo per la registrazione e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Roma, 20 febbraio 2018 Il direttore generale: D'Amario

GU n.93 21 aprile 2018 Decreto 20 febbraio 2018GU n.93 21 aprile 2018 Decreto 20 febbraio 2018

 
20
Apr

Ingegneri e Architetti: l’Agenzia delle Entrate assume 118 Funzionari tecnici

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231

Si tratta di assunzioni a tempo indeterminato nel profilo professionale di Funzionario

Ingegneri e Architetti: l'Agenzia delle Entrate assume 118 Funzionari tecnici

Si tratta di assunzioni a tempo indeterminato nel profilo professionale di FunzionarioPotranno essere compilate e inviate telematicamente entro le 23.59 del 17 maggio 2018 le domande di partecipazione al bando di selezione per l’assunzione a tempo indeterminato di 118 unità per la terza area funzionale, fascia retributiva F1, profilo professionale funzionario tecnico. I funzionari selezionati saranno destinati agli uffici dell’Agenzia delle Entrate per le attività relative ai servizi catastali, cartografici, estimativi e dell’osservatorio del mercato immobiliare. Le domande dovranno essere compilate e inviate attraverso la piattaforma www.118ft.it dal 17 aprile 2018 sino alle 23.59 del 17 maggio 2018. Posti disponibili

Il numero dei posti è così ripartito:     Abruzzo, n. 5 posti;     Basilicata, n. 2 posti;     Calabria, n. 4 posti;     Campania, n. 1 posto;     Emilia Romagna, n. 12 posti;     Friuli Venezia Giulia, n. 4 posti;     Lazio, n. 4 posti;     Liguria, n. 2 posti;     Lombardia, n. 26 posti;     Marche, n. 3 posti;     Molise, n. 3 posti;     Piemonte, n. 15 posti;     Puglia, n. 1 posto;     Sardegna, n. 6 posti;     Sicilia, n. 3 posti;     Toscana, n. 8 posti;     Trento, n. 1 posto;     Umbria, n. 2 posti;     Veneto, n. 12 posti;     Direzione Centrale Servizi estimativi e Osservatorio mercato immobiliare, n. 2 posti;     Direzione Centrale Servizi catastali, cartografici e di pubblicità immobiliare, n. 2 posti. Requisiti di ammissione Alla procedura possono partecipare coloro che, alla data di scadenza del termine per la presentazione delle domande, sono in possesso dei seguenti requisiti:     diploma di laurea (DL) in ingegneria o architettura o diplomi di laurea equipollenti per legge, ovvero laurea specialistica (LS) o laurea magistrale (LM) equiparate, conseguiti presso un’università o altro istituto universitario statale o legalmente riconosciuto; alla procedura selettiva possono partecipare anche coloro che sono in possesso di titolo di studio conseguito all’estero o di titolo estero conseguito in Italia, riconosciuto equipollente ad una delle lauree sopra indicate ai fini della  partecipazione ai pubblici concorsi secondo la vigente normativa; possono partecipare altresì coloro per i quali la procedura per il riconoscimento della suddetta equipollenza sia in corso, purché dimostrino di aver presentato la relativa richiesta, ai sensi delle disposizioni vigenti in materia, entro il termine ultimo di presentazione della domanda di partecipazione al presente concorso;     iscrizione alla sezione A dell’Albo di ingegnere o di architetto;     cittadinanza italiana;     posizione regolare nei riguardi degli obblighi militari;     godimento dei diritti politici e civili;     idoneità fisica all’impiego. Prove selettive La procedura di selezione prevede le seguenti fasi:     prova oggettiva attitudinale;     prova oggettiva tecnico-professionale;     tirocinio teorico-pratico integrato da una prova finale orale. E-learning_13.pngScarica Bando  
21
Mar

Punto Impresa Digitale Contributi a favore delle imprese

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231

Punto Impresa Digitale Contributi a favore delle imprese

BANDO VOUCHER DIGITALI I4.0 MISURA A Anno 2018

bandoLa Camera di commercio di Cuneo ha approvato il progetto “Punto Impresa Digitale” (PID), al fine di promuovere la diffusione della cultura e della pratica digitale nelle micro, piccole e medie imprese, di tutti i settori economici attraverso: la diffusione della “cultura digitale” tra le MPMI della circoscrizione territoriale camerale; l’innalzamento della consapevolezza delle imprese sulle soluzioni possibili offerte dal digitale e sui loro benefici; il sostegno economico alle iniziative di digitalizzazione in ottica Impresa 4.01 implementate dalle aziende del territorio in parallelo con i servizi offerti dai costituendi PID. Con il presente Bando, si intendono finanziare, tramite l’utilizzo di contributi a fondo perduto (voucher), Progetti indirizzati all’introduzione delle tecnologie di cui al comma 3 del presente articolo per le spese di consulenza e di formazione, i cui obiettivi e modalità realizzative siano condivisi da più imprese, presentati secondo quanto specificato nella parte generale del presente Bando e nella “Scheda Misura A” allegata. Le risorse complessivamente stanziate a disposizione dei soggetti beneficiari ammontano a euro 100.000,00 interamente a carico della Camera di commercio. I voucher avranno un importo massimo di euro 5.000,00, oltre la premialità di cui al successivo art. 13 del presente Bando, relativo al rating di legalità. Possono beneficiare delle agevolazioni di cui al presente Bando le microimprese, le piccole imprese e le medie imprese come definite dall’Allegato I al Regolamento n. 651/2014/UE della Commissione europea, aventi sede legale e/o unità locali – almeno al momento della liquidazione del contributo – in provincia di Cuneo e in regola con l’iscrizione al Registro Imprese e con il pagamento del diritto annuale. Le domande dovranno essere inviate esclusivamente mediante l’utilizzo della procedura telematica (completamente gratuita), con firma digitale, attraverso lo sportello on line “Contributi alle imprese”, all’interno del sistema Webtelemaco di Infocamere – Servizi e-gov, dal 01/04/2018 al 15/06/2018. Non saranno considerate ammissibili altre modalità di trasmissione delle domande di ammissione ai voucher. Non saranno considerate ammissibili altre modalità di trasmissione delle domande di ammissione al voucher. La trasmissione telematica delle domande può avvenire direttamente da parte del titolare/legale rappresentante dell’impresa o a cura di un soggetto delegato.

E-learning_12.pngScarica Bando

 
19
Mar

Voucher digitalizzazione, online l’elenco delle imprese ammissibili

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231

È disponibile online l'elenco, consultabile per regione

Voucher digitalizzazione, online l’elenco delle imprese ammissibili

Voucher digitalizzazione, online l’elenco delle imprese ammissibiliÈ disponibile online l'elenco, consultabile per regione, delle imprese alle quali risulta assegnabile il Voucher per la digitalizzazione delle PMI. decreto direttoriale 14 marzo 2018

Nell'elenco non è indicato l'importo del Voucher concedibile, in quanto il Ministero, considerato che il riparto delle risorse oggi disponibili tra le oltre 90.000 domande presentate condurrebbe all'assegnazione di un'agevolazione sensibilmente inferiore a quella richiesta dalla singola impresa, sta verificando la possibilità di integrare la copertura finanziaria dell'intervento.

In ogni caso, da domani le imprese possono cominciare ad effettuare le spese programmate nei progetti di digitalizzazione e di ammodernamento tecnologico presentati.

Con un successivo decreto si provvederà a pubblicare l'elenco delle imprese per le quali le previste verifiche sulle dichiarazioni rilasciate all'atto della domanda si saranno concluse positivamente e a indicare l'importo del Voucher assegnato a ciascuna impresa, determinato sulla base delle risorse finanziarie che sarà stato possibile destinare complessivamente all'intervento.

Considerato l’elevato interesse che l’intervento agevolativo ha suscitato nelle imprese, facendo registrare, nel periodo di apertura dello sportello agevolativo , un volume pari a circa n. 91.500 domande di agevolazione, corrispondente a un ammontare di agevolazioni richieste pari a circa 625 milioni di euro;

Considerato che, risultando le richieste agevolative delle imprese significativamente superiori alla dotazione finanziaria prevista per l’intervento, l’applicazione del riparto di cui all’articolo 8, comma 5, del decreto interministeriale 23 settembre 2014 comporta l’attribuzione di un Voucher pari in media a circa il 16 percento dell’ammontare richiesto dalle imprese e che, pertanto, al fine di incrementare, per quanto possibile, l’importo dell’agevolazione concedibile, il Ministero dello sviluppo economico sta svolgendo i necessari approfondimenti per verificare la possibilità di destinare all’intervento agevolativo ulteriori risorse finanziarie;

disponibile online l'elencodisponibile online l'elenco