1 BIM NEWS Archives - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Posts from the ‘BIM NEWS’ Category

23
Feb

ICMQ: Italferr società certificata BIM

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23123/02/2018 - Italferr ha conseguito la certificazione BIM (Building Information Modelling) per le attività di progettazione, procurement e direzione lavori. Si è infatti concluso con successo l’iter di verifica con ICMQ, società leader di certificazione nel settore delle costruzioni. Il processo di certificazione si è svolto nel rispetto della norma Uni Cei En Iso/Iec 17021-1 che definisce le regole di comportamento degli organismi che certificano i sistemi di gestione e secondo la “specifica tecnica” messa a punto da ICMQ secondo la High Level Structure, che Iso (l’ente di normazione a livello mondiale) ha definito per tutte le norme che trattano sistemi di gestione. L’audit di certificazione si è svolto in due fasi: la prima “introduttiva” in cui si è valutato lo stato di comprensione della specifica tecnica e il livello di preparazione dell’organizzazione ad affrontare la fase successiva;.. Continua a leggere su Edilportale.com
16
Feb

Il restauro di Palazzo Gulinelli a Ferrara, un progetto con approccio BIM

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23116/02/2018 - Riaprirà a giugno 2018, dopo un importante restauro, Palazzo Gulinelli a Ferrara, edificio storico di proprietà della Fondazione Opera don Cipriano Canonici Mattei, seriamente danneggiato dal terremoto del 2012. Il restauro del palazzo ha seguito criteri di sostenibilità e di ecocompatibilità (è in via di certificazione LEED secondo il protocollo GBC Italia HB - Historic Building) e per la sua progettazione è stato utilizzato un approccio BIM. Il progetto è stato curato dall’arch. Cristiano Ferrari e dall’ing. Eugenio Artioli e dallo Studio di Ingegneria e Architettura Ecosostenibile BINARIO LAB. Il BIM nel progetto di restauro di Palazzo Gulinelli Il progetto di restauro è stato affrontato mediante la progettazione integrata BIM (Building Information Modeling) realizzando un modello di informazioni che contiene non solo la rappresentazione tridimensionale dell’edifico.. Continua a leggere su Edilportale.com
15
Feb

Oice: le gare BIM sono più che triplicate in un anno

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23115/02/2018 - Nei bandi pubblici per servizi di ingegneria e architettura del 2017 il BIM compare solo nell’1,4% dei casi, una quota minima del complesso della domanda pubblica. Ma il 2017 è stato un anno di svolta perché i bandi BIM sono triplicati: si è passati infatti dalle 26 gare del 2016 alle 86 del 2017; erano invece solo 4 nel 2015. I dati arrivano dal Rapporto sulle gare BIM (Building Information Modeling) del 2017 predisposto dall’OICE, l’Associazione delle società di ingegneria e di architettura italiane aderente a Confindustria, analizzando 86 procedure di gara per opere pubbliche emesse nello scorso anno in Italia per servizi di ingegneria e architettura. Dal Rapporto, presentato ieri a Roma e illustrato dal Direttore Generale OICE Andrea Mascolini, emerge che le amministrazioni più attive sono state i Comuni, seguiti dalle Amministrazioni centrali e periferiche dello Stato, le Province e gli Ospedali. Quasi.. Continua a leggere su Edilportale.com
15
Feb

Il futuro dell’edilizia passa per il BIM

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23115/02/2018 - Negli ultimi anni l’edilizia è investita da un processo di rinnovamento che sta portando il settore delle costruzioni a un livello più elevato di efficienza. Grazie alle nuove tecnologie è possibile progettare e gestire l’intero ciclo di vita di edifici o infrastrutture attraverso dati digitali. Questa metodologia è conosciuta come Building Information Modelling (BIM) e sta operando un cambiamento culturale e dei processi che consente una maggiore conoscenza di tutti gli elementi che fanno parte di un progetto. Cos’è il BIM Non esiste una definizione universalmente accettata di BIM ma diverse fonti autorevoli hanno pubblicato definizioni esaustive in merito. Ad esempio il National BIM standard definisce il BIM come “la rappresentazione digitale delle caratteristiche fisiche e funzionali di una struttura, che crea una risorsa di conoscenza condivisa per ottenere informazioni sulla struttura stessa,.. Continua a leggere su Edilportale.com
13
Feb

Le Stazioni appaltanti gestiranno gare secondo le loro capacità

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23113/02/2018 – Qualificazione “a livelli” per le Stazioni Appaltanti. È una delle novità contenute nella bozza di dpcm sulla qualificazione delle Stazioni Appaltanti, messo a punto dal Governo e ora all’esame delle Regioni. Per evitare contenziosi in fase di gara, con contestuale aumento dei costi e allungamento dei tempi di realizzazione delle opere, l’articolo 38 del Codice Appalti (D.lgs. 50/2016) ha previsto che le Amministrazioni gestiscano procedure d’appalto commisurate alle proprie capacità organizzative. Le Stazioni Appaltanti dovranno quindi qualificarsi in base alla presenza di dipendenti con particolari qualifiche, sistemi di formazione e aggiornamento del personale, numero di gare bandite, adozione di misure per la prevenzione della corruzione, adozione di tecnologie telematiche e di sistemi per la sostenibilità ambientale, numero di contenziosi in atto. Lavori e servizi di ingegneria e architettura La.. Continua a leggere su Edilportale.com
12
Feb

De Castillia 23: iniziati i lavori della nuova sede UnipolSai

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23112/02/2018 - Sono partiti i lavori della nuova sede operativa di UnipolSai Assicurazioni disegnata da Progetto CMR, il complesso De Castillia 23, che sorgerà nel quartiere Isola di Milano. Il progetto riporta in vita un vecchio edificio rimasto per anni incompiuto e abbandonato, riconsegnando quindi alla città di Milano un luogo all’altezza dell’innovazione e della contemporaneità che caratterizza il contesto circostante. La soluzione architettonica proposta si configura come un intervento a 360 gradi, che mira non soltanto a rivoluzionare gli aspetti puramente estetici dell’edificio, ma che va anche e soprattutto a incrementarne la funzionalità, le prestazioni energetiche e l’efficienza complessiva dell’immobile. Il futuro complesso di UnipolSai sarà costituito complessivamente da due corpi di fabbrica di 53 e 15 metri di altezza. Una delle scelte più importanti fatte dalla committenza e che caratterizza il.. Continua a leggere su Edilportale.com
7
Feb

FICO Eataly World: un’avventura firmata Politecnica

07/02/2018 - Inaugurato a Bologna lo scorso 15 novembre 2017, FICO Eataly World, è il più grande parco agroalimentare al mondo dedicato alla biodiversità e all’arte della trasformazione del prodotto made in Italy. L'imponente progetto porta la firma di Politecnica , una fra le maggiori società di progettazione integrata italiane, che ne ha curato la progettazione esecutiva delle opere civili, strutturali e impiantistiche necessarie per la realizzazione, fino alle valutazioni tecniche urbanistiche. L'avventura di Politecnica parte da lontano, in quanto il parco dell’agroalimentare è stato sviluppato riconvertendo in una struttura versatile e modulabile l’immobile del CAAB (Centro Agro Alimentare Bologna), un’opera di oltre 100.000 metri quadrati progettata negli anni Novanta proprio dallo stesso studio per dare continuità alla tradizione commerciale bolognese. Il progetto in..
Continua a leggere su Edilportale.com

29
Gen

Appalti pubblici, in vigore il Decreto BIM

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23129/01/2018 - È in vigore il Decreto BIM che stabilisce le modalità e i tempi di introduzione dei metodi e degli strumenti elettronici di modellazione per l’edilizia e le infrastrutture. L’obbligatorietà del BIM L’entrata in vigore del decreto non coincide però con quella dell’obbligatorietà del BIM, che seguirà invece la tempistica indicata dal decreto. A partire dall’entrata in vigore del decreto, l’utilizzo dei metodi e degli strumenti elettronici specifici è invece facoltativo per le nuove opere e per interventi di recupero, riqualificazione o varianti. L’obbligo dell’utilizzo di metodi e strumenti elettronici di modellazione decorre: - dal 1° gennaio 2019 per le opere di importo da 100 milioni di euro; - dal 2020 per i lavori complessi oltre i 50 milioni di euro; - dal 2021 per i lavori complessi oltre i 15 milioni di euro; - dal 2022 per le.. Continua a leggere su Edilportale.com
24
Gen

Il BIM per la gestione del patrimonio immobiliare

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23124/01/2018 - Dal 2009 tutte le amministrazioni pubbliche hanno l’obbligo di trasmettere al Ministero dell’Economia e delle Finanze l’elenco identificativo dei propri beni immobiliari e mobiliari, ai fini della redazione del rendiconto patrimoniale delle Amministrazioni pubbliche a valori di mercato e, quindi, di una corretta gestione e alienazione di tale patrimonio. L’obbligo è stato introdotto dall’art. 2 comma 222 della Legge 191/2009 e normato dall’art. 2 del Dlgs 118/2011 “Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle regioni e degli enti locali e dei loro organismi”. L’attività di restituzione digitale (completa rappresentazione grafica e informativa del manufatto) del patrimonio immobiliare è caratterizzata da complessità, varietà e abbondanza delle informazioni da gestire e rende necessaria l’attuazione di procedure.. Continua a leggere su Edilportale.com
19
Gen

BIM, Assobim: ‘ci faremo parte attiva per promuoverlo’

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23119/01/2018 - È di qualche giorno fa la pubblicazione del Decreto BIM, licenziato dal Governo a dicembre 2017, che stabilisce le modalità e i tempi di adozione degli strumenti di modellazione per il settore dell’edilizia e delle infrastrutture. L’entrata in vigore ufficiale del Decreto è prevista per il 29 gennaio 2018, termine che non coincide con l’obbligatorietà del BIM che scatterà nel 2019 per le opere di importo superiore a 100 milioni di Euro e verrà invece esteso al complesso dei lavori pubblici nel 2025. È tuttavia possibile, per le stazioni appaltanti che abbiano ottemperato agli adempimenti preliminari, poter utilizzare il BIM per le nuove opere e per interventi di riqualificazione e rigenerazione. “Come Assobim siamo, ovviamente, molto felici dell’entrata in vigore del Decreto che finalmente apre la strada alla digitalizzazione del settore dell’ambiente costruito. - ha dichiarato.. Continua a leggere su Edilportale.com