1 corsi d.lgs. 81 Archives - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Posts from the ‘corsi d.lgs. 81’ Category

13
Nov

ROA Radiazzioni Ottiche Artificiali? Quando è necessaria l’informazione e formazione dei lavoratori e attivare la sorveglianza sanitaria?

Per quanto riguarda l’esposizione a radiazione ottica non coerente si raccomanda di attivare l’informazione/formazione dei lavoratori quando la valutazione dei rischi non può concludersi con la cosiddetta “giustificazione” di non dover effettuare una valutazione dei rischi più dettagliata.

Relativamente alla radiazione laser, l’informazione/formazione ai lavoratori è dovuta quando si utilizzano sorgenti di classe diversa dalla 1.

Premesso che in ogni caso deve essere previsto un tempestivo controllo del Medico Competente ove si fosse riscontrata un’esposizione superiore ai valori limite, in considerazione del fatto che la sorveglianza sanitaria di cui all’art.218 del D. Lgs. 81/08 è effettuata con lo scopo di prevenire tutti gli effetti dannosi derivanti dall’esposizione, appare logico attivare gli accertamenti sanitari preventivi e periodici per quei lavoratori che, sulla base dei risultati della valutazione del rischio, debbano indossare DPI degli occhi o della pelle in quanto altrimenti potrebbero risultare esposti a livelli superiori ai valori limite di legge (nonostante siano state adottate tutte le necessarie misure tecniche di prevenzione, mezzi di protezione collettiva nonché misure, metodi o procedimenti di riorganizzazione del lavoro).

Con specifico riferimento alla radiazione ultravioletta e alla luce blu, possono essere messi in atto interventi mirati di sorveglianza sanitaria finalizzata alla prevenzione dei danni a lungo termine quando le esposizioni, anche se inferiori ai valori limite, si possono protrarre nel tempo (mesi, anni).

La sorveglianza sanitaria è di norma annuale.

Per quanto riguarda i soggetti particolarmente sensibili, che potrebbero essere esposti ad un rischio significativo anche a valori inferiori ai limiti di legge, saranno individuate dal Medico Competente la periodicità dei controlli sanitari e le misure protettive specifiche da mettere in atto in relazione alla tipologia ed entità dell’esposizione ed alle condizioni di suscettibilità individuale emerse dal controllo sanitario.

MODI S.r.l. organizza corsi aziendali per lavoratori che operano in presenza di Radiazioni Ottiche Artificiali.

Per visionare le FAQ ROA e approfondire l'argomento cliccare qui. 
Per le recensioni, opinioni espresse dai nostri Clienti e Allievi cliccare qui.

Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.


13
Nov

ROA Radiazzioni Ottiche Artificiali? Quando è necessaria l’informazione e formazione dei lavoratori e attivare la sorveglianza sanitaria?

Per quanto riguarda l’esposizione a radiazione ottica non coerente si raccomanda di attivare l’informazione/formazione dei lavoratori quando la valutazione dei rischi non può concludersi con la cosiddetta “giustificazione” di non dover effettuare una valutazione dei rischi più dettagliata. Relativamente alla radiazione laser, l’informazione/formazione ai lavoratori è dovuta quando si utilizzano sorgenti di classe diversa dalla 1. Premesso che in ogni caso deve essere previsto un tempestivo controllo del Medico Competente ove si fosse riscontrata un’esposizione superiore ai valori limite, in considerazione del fatto che la sorveglianza sanitaria di cui all’art.218 del D. Lgs. 81/08 è effettuata con lo scopo di prevenire tutti gli effetti dannosi derivanti dall’esposizione, appare logico attivare gli accertamenti sanitari preventivi e periodici per quei lavoratori che, sulla base dei risultati della valutazione del rischio, debbano indossare DPI degli occhi o della pelle in quanto altrimenti potrebbero risultare esposti a livelli superiori ai valori limite di legge (nonostante siano state adottate tutte le necessarie misure tecniche di prevenzione, mezzi di protezione collettiva nonché misure, metodi o procedimenti di riorganizzazione del lavoro). Con specifico riferimento alla radiazione ultravioletta e alla luce blu, possono essere messi in atto interventi mirati di sorveglianza sanitaria finalizzata alla prevenzione dei danni a lungo termine quando le esposizioni, anche se inferiori ai valori limite, si possono protrarre nel tempo (mesi, anni). La sorveglianza sanitaria è di norma annuale. Per quanto riguarda i soggetti particolarmente sensibili, che potrebbero essere esposti ad un rischio significativo anche a valori inferiori ai limiti di legge, saranno individuate dal Medico Competente la periodicità dei controlli sanitari e le misure protettive specifiche da mettere in atto in relazione alla tipologia ed entità dell’esposizione ed alle condizioni di suscettibilità individuale emerse dal controllo sanitario.

MODI S.r.l. organizza corsi aziendali per lavoratori che operano in presenza di Radiazioni Ottiche Artificiali.

Per visionare le FAQ ROA e approfondire l'argomento cliccare qui.  Per le recensioni, opinioni espresse dai nostri Clienti e Allievi cliccare qui.

Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.
 
11
Ott

DPI? Quali sono i criteri di scelta dei Dispositivi di Protezione Individuale per la protezione degli occhi e del viso da radiazioni ottiche?

Per proteggere i lavoratori dai rischi che possono provocare dei danni agli occhi e al viso, una volta identificati e valutati i rischi ed adottate tutte le misure concretamente attuabili per la loro eliminazione o riduzione, il datore di lavoro ha l’obbligo di adottare anche i dispositivi di protezione degli occhi e del viso più efficaci per contrastare i tipi di rischio presenti. Per la protezione di occhi e viso si utilizzano occhiali (con oculare doppio o singolo), maschere (del tipo a scatola o a coppa) e ripari facciali (per saldatura o altro uso). I DPI destinati a prevenire gli effetti acuti e cronici delle radiazioni sull’occhio devono poter assorbire la maggior parte dell’energia irradiata nelle lunghezze d’onda nocive.  Non devono alterare in modo eccessivo la trasmissione della parte non nociva dello spettro visibile, la percezione dei contrasti e la distinzione dei colori qualora le condizioni prevedibili d’impiego lo richiedano.  Le lenti inoltre non devono deteriorarsi o perdere le loro proprietà per effetto dell’irraggiamento emesso in normali condizioni di impiego. Tutti i dispositivi di protezione degli occhi e del viso da radiazioni ottiche appartengono almeno alla II categoria del D.Lgs. 475/1992 e pertanto comportano l’obbligo di una formazione specifica all’uso. I dispositivi di protezione degli occhi e del viso, oltre alla marcatura CE, devono avere obbligatoriamente la marcatura specifica sia dell’oculare che della montatura, entrambe rappresentate da una sequenza orizzontale di lettere e numeri che stanno ad indicare le capacità protettive e le caratteristiche delle due parti del dispositivo.  La nota informativa che accompagna il DPI contiene le spiegazioni che permettono di interpretare il significato della marcatura e si rivela particolarmente utile poiché la marcatura utilizza diversi codici alfanumerici stabiliti dalle norme tecniche specifiche. L’oculare presenta un codice alfanumerico prima del marchio di identificazione del fabbricante che, se funzionale alla riduzione dell’esposizione a radiazioni ottiche non coerenti, nella prima posizione presenta un numero di scala che identifica il tipo di protezione da radiazioni luminose.  Il numero di scala è una combinazione di numero di codice (che identifica la regione spettrale per la quale i filtri sono destinati) e numero di graduazione (che rappresenta la capacità del filtro di trattenere la radiazione incidente pericolosa), staccati da un trattino.  Occorre infine ricordare che la protezione complessiva del lavoratore si avvale spesso di DPI che non riguardano solo la protezione di occhi e volto. Ad esempio, nelle lavorazioni che comportano l’esposizione dell’operatore alle radiazioni emesse da archi elettrici, torce al plasma, ecc., la protezione si attua prescrivendo al lavoratore di utilizzare, oltre alle maschere munite di idonei filtri o agli elmetti provvisti di filtri elettronici a cristalli liquidi, i guanti da saldatore e indumenti resistenti al calore (es.: grembiule). I DPI oculari specifici per radiazioni laser devono essere utilizzati in tutte le zone pericolose dove è possibile il superamento dei valori limite di esposizione. La norma europea UNI EN 207 descrive i requisiti cui i filtri laser devono rispondere ed elenca i livelli protettivi possibili, indicati da un numero di graduazione espresso con il simbolo L, seguito da un numero da 1 a 10. Per ogni livello protettivo è indicato il fattore spettrale massimo di trasmissione per lunghezza d'onda, nonché le densità di potenza e/o di energia utilizzata per i test di prova; tali test vengono eseguiti per le varie tipologie di laser (a onda continua, pulsata, a impulsi giganti e a impulsi a modo accoppiato), ognuna contraddistinta da una lettera identificativa (rispettivamente D, I, R e M). Per calcolare il livello protettivo necessario ad un determinato laser, la norma tecnica sopra citata fornisce le formule necessarie ed una tabella di riferimento per poter eseguire gli opportuni calcoli; in alternativa, si consiglia di far riferimento ai fabbricanti di occhiali antilaser, fornendo tutte le caratteristiche del laser da cui ci si deve proteggere. Oltre al livello protettivo, ai fini della scelta del dispositivo idoneo, è necessario prendere in considerazione anche:
  • la trasmissione luminosa per avere la visione più nitida possibile;
  • il riconoscimento dei colori;
  • il campo visivo che deve essere il più vasto possibile.
Inoltre i protettori degli occhi devono restare aderenti al volto, permettendo comunque una ventilazione sufficiente per evitare l’appannamento. La montatura e i ripari laterali devono dare una protezione equivalente a quella assicurata dalle lenti. È comunque opportuno precisare che, anche indossando un occhiale protettivo, non si deve per nessun motivo fissare il raggio. Per quanto riguarda le operazioni di puntamento e allineamento del raggio laser esistono delle protezioni specifiche i cui requisiti sono indicati in un'altra norma tecnica, la UNI EN 208. Si tratta di occhiali che proteggono durante la regolazione di laser, con emissione nel campo spettrale visibile da 400 a 700 nm, in cui il raggio è visibile. 

MODI S.r.l. organizza corsi aziendali per lavoratori che operano in presenza di Radiazioni Ottiche Artificiali. 

Per visionare le FAQ e approfondire l'argomento cliccare qui.  Per le recensioni, opinioni espresse dai nostri Clienti e Allievi cliccare qui.

Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it
 
13
Giu

Corsi lavoratori, addetti al primo soccorso, antincendio, preposti e RSPP datore di lavoro sono scontati per tutte le edizioni estive!

Restate connessi! I corsi online sono operativi 24 ore su 24 tutta l'estate. Sono Francesca Quintavalle e in MODI® seguo la Clientela che ha esigenze formative in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Per questa estate, a grande richiesta, abbiamo programmato delle edizioni aggiuntive in aula a Mestre per la formazione e l’aggiornamento di tutti i lavoratori di aziende a rischio basso, medio e alto e per le altre figure della sicurezza come gli addetti primo soccorso, antincendio, rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza “RLS”, dirigenti, preposti, ecc. Con la presente Vi suggeriamo di richiedere un sopralluogo gratuito da parte di un nostro un tecnico della prevenzione per una verifica circa gli adempimenti in materia di (D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.) e per valutare le Vostre esigenze formative e documentali. Contattateci dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 19.00 al numero verde 800300333 o 041 5412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it 4 ore    Parte generale     09 luglio 2019 orario 14.00/18.00    € 60,00 anziché € 80,00 4 ore    Solo rischio specifico basso     12 luglio 2019 orario 14.00/18.00    € 60,00 anziché € 80,00 8 ore    Parte generale +Rischio basso    09 e 12 luglio 2019 orario 14.00/18.00    € 149,00 anziché € 160,00 8 ore    Solo rischio specifico medio    12 e 16 luglio 2019 orario 14.00/18.00    € 150,00 12 ore    Parte generale +Rischio medio    09, 12, 16 luglio 2019 orario 14.00/18.00     € 209,00 anziché € 230,00    12 ore    Solo rischio specifico alto 12, 16 e 19 luglio 2019 orario 14.00/18.00    € 220,00 16 ore    Parte generale +Rischio alto   09, 12, 16 e 19 luglio 2019 orario 14.00/18.00    € 289,00 anziché € 300,00 6 ore    Formazione Lavoratori AGGIORNAMENTO 09 luglio 2019 orario 14.00/18.00 e 12 luglio 2019 orario 14.00/16.00     € 89,00 anziché € 109,00 anche online a € 79,00  
24
Mag

Lavora in “SICUREZZA” e richiedi un sopralluogo gratis! Tecnici per la prevenzione disponibili e corsi super scontati – A giugno 2019 in aula a Mestre

10
Mag

FONDIMPRESA? MODI Srl di Venezia segue la Clientela interessata all’ottenimento dei contributi per la formazione.

MODI si propone per l'erogazione di corsi sulla "comunicazione efficace e la leadership". Nella comunicazione verbale tra esseri umani ogni singolo messaggio linguistico veicola molti significati, quindi viene svolto un vero e proprio lavoro di interpretazione in cui giocano un ruolo fondamentale il contesto, le emozioni e le conoscenze del destinatario. Comunicare significa: essere in contatto, collegare, trasmettere, esprimere il proprio pensiero, parlare, trasferire un’informazione. Questo è basilare in qualsiasi ambito aziendale ed in particolare in riferimento alle tematiche di tutela della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro e durante le attività di formazione dove si è in contatto con un numero elevato di lavoratori provenienti da realtà lavorative e personali differenti. Esistono varie forme di comunicazione, le principali sono: mimica, visiva e sonora. Un qualsiasi processo comunicativo è caratterizzato da un “mittente” e da un “ricevente”. La MODI S.r.l. organizza corsi di formazione "sull'arte della comunicazione". Questi corsi sono in aula a Mestre e/o a Spinea Venezia. Entrambe le sede sono facilmente raggiungibili con mezzi pubblici e dotate di parcheggio.
MODI segue la Clientela interessata all’ottenimento dei contributi per la formazione. Realizza i progetti formativi finanziati in linea con le priorità tematiche di Fondimpresa, come quelle riguardanti la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro o gli adempimenti privacy secondo il Regolamento Europeo GDPR 2016/679.
La Società di Consulenza e Formazione MODI individua, per conto del Cliente le migliori opportunità di contributi sulla base delle esigenze, sfruttando al meglio le risorse economiche disponibili e gestendo la pratica dalla fase di richiesta fino alla rendicontazione e all’ottenimento dell’importo finanziato.
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.
 
22
Apr

MODI mette a disposizione le “Frequently Asked Questions – FAQ” perchè rappresentano uno strumento utile che permette di approfondire la conoscenze

Le FAQ vengono utilizzate in normali siti web sia con lo scopo di rispondere alle domande che si suppone un visitatore si ponga visitando il sito, sia per fornire uno strumento per la conoscenza di determinate informazioni e possono essere considerate attendibili in quanto sono controllate ed esposte con criterio dall’amministratore del sito.
Tra le FAQ più cliccate troviamo quelle relative al GDPR 679 (General Data Protection Regulation, GDPR) 2016/679 in vigore dal 24 maggio 2016 e che deve essere pienamente efficace ed applicato da tutti gli stati membri dell’UE dal 25 maggio 2018.
Queste faq sono scaricabili dal sito www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it.
MODI segue la Clientela interessata all’ottenimento dei contributi per la formazione. Realizza i progetti formativi finanziati in linea con le priorità tematiche di Fondimpresa, come quelle riguardanti la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro o gli adempimenti privacy secondo il nuovo Regolamento Europeo 2016/679.
MODI aiuta le aziende ad individuare le migliori opportunità sulla base delle esigenze, sfruttando al meglio le risorse economiche disponibili e gestendo la pratica dalla fase di richiesta fino alla rendicontazione e all’ottenimento dell’importo finanziato.
Per le recensioni, opinioni espresse dai nostri Clienti e Allievi cliccare qui.
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.
 
2
Apr

FONDIMPRESA? Organizziamo progetti formativi sulla “comunicazione” e l’evoluzione ai giorni nostri.

 
MODI si è specializzata in corsi sulla "comunicazione efficace e la leadership". La comunicazione è un bisogno dell'uomo. Gli umani fin dalla preistoria hanno sentito il bisogno di esprimere il proprio pensiero. Nell'era moderna comunicare in maniera efficace e persuasiva è diventata un arte. Ogni processo comunicativo è caratterizzato da un "mittente" e da un "ricevente" che possono essere vicini (comunicazione in presenza) o distanti nello spazio e nel tempo (comunicazione a distanza) e può essere di tipo visivo, sonoro o si può basare sulla mimica. Il passaggio alle metodologie moderne di comunicazione arriva grazie all'invenzione della stampa, che ha permesso di riprodurre e diffondere le informazioni in maniera più efficace e rapida, del telegrafo, della comunicazione senza fili, del segnale radio, della comunicazione telefonica, della fotografia, del cinema e della televisione fino ad arrivare alle attuali tecnologie internet che hanno reso ancor più veloci i collegamenti tra le persone. Dato che l’uomo dispone di apparati naturali di trasmissione e recezione del messaggio che non permettono la comunicazione a grandi distanze e di conservare l’informazione in modo stabile nel tempo ha la necessità di estendere la potenzialità di questi ultimi tramite apparati artificiali di comunicazione. Il concetto chiave delle scienze della comunicazione, infatti, lo ritroviamo nel termine “media” dal latino “medium” (mezzo) ed indica un complesso sistema costituito da un apparato tecnologico, dalle relazioni tra tale apparato e i processi cognitivi dell’uomo, dal rapporto tra apparati e linguaggi della comunicazione, dalla funzione che tale sistema assume nel contesto delle relazioni sociali. Le caratteristiche di un "media" dipendono dal collegamento che esso ha con diversi fattori della comunicazione come linguaggi, contenuti, modalità di emissione e di fruizione. Questo risulta importante perché il modo in cui l'uomo percepisce un messaggio dipende dalle caratteristiche tecniche dello strumento che ci fornisce il messaggio e la natura di tali strumenti rappresenta un fattore di trasformazione del pensiero, della cultura e anche della società. Esistono varie tipologie di media tra cui ritroviamo i monocodice (che veicolano messaggi codificati in un solo codice) e i pluricodice (hanno la capacità di veicolare messaggi prodotti mediante linguaggi diversi in cui si sovrappongono più codici) e a loro volta si differenziano in media verticali/unidirezionali (unico mittente e più destinatari che ricevono il messaggio e lo decodificano), media orizzontali (molteplicità di mittenti e destinatari che possono scambiarsi i ruoli, originando un processo comunicativo bidirezionale che assume la forma del dialogo) e media reticolari (caratterizzati da molti emittenti e destinatari che possono scambiarsi ruolo, e che sono in grado di comunicare con altri agenti realizzando una comunicazione con interazione collettiva).
Nel “VILLAGGIO GLOBALE” la comunicazione non rappresenta solo un fenomeno astratto in quanto i veicoli su cui viaggiano segnali e informazioni sono vere e proprie entità fisiche come vibrazioni sonore, correnti elettriche, flussi di energia etc. MODI segue la Clientela interessata all’ottenimento dei contributi per la formazione. Realizza i progetti formativi finanziati in linea con le priorità tematiche di Fondimpresa, come quelle riguardanti la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro o gli adempimenti privacy secondo il nuovo Regolamento Europeo 2016/679. Aiuta le aziende ad individuare le migliori opportunità sulla base delle esigenze, sfruttando al meglio le risorse economiche disponibili e gestendo la pratica dalla fase di richiesta fino alla rendicontazione e all’ottenimento dell’importo finanziato. Per le recensioni, opinioni espresse dai nostri Clienti e Allievi cliccare qui Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.
2
Apr

FONDIMPRESA? Organizziamo progetti formativi sulla “comunicazione” e l’evoluzione ai giorni nostri.

 
MODI si è specializzata in corsi sulla "comunicazione efficace e la leadership". La comunicazione è un bisogno dell'uomo. Gli umani fin dalla preistoria hanno sentito il bisogno di esprimere il proprio pensiero. Nell'era moderna comunicare in maniera efficace e persuasiva è diventata un arte. Ogni processo comunicativo è caratterizzato da un "mittente" e da un "ricevente" che possono essere vicini (comunicazione in presenza) o distanti nello spazio e nel tempo (comunicazione a distanza) e può essere di tipo visivo, sonoro o si può basare sulla mimica. Il passaggio alle metodologie moderne di comunicazione arriva grazie all'invenzione della stampa, che ha permesso di riprodurre e diffondere le informazioni in maniera più efficace e rapida, del telegrafo, della comunicazione senza fili, del segnale radio, della comunicazione telefonica, della fotografia, del cinema e della televisione fino ad arrivare alle attuali tecnologie internet che hanno reso ancor più veloci i collegamenti tra le persone. Dato che l’uomo dispone di apparati naturali di trasmissione e recezione del messaggio che non permettono la comunicazione a grandi distanze e di conservare l’informazione in modo stabile nel tempo ha la necessità di estendere la potenzialità di questi ultimi tramite apparati artificiali di comunicazione. Il concetto chiave delle scienze della comunicazione, infatti, lo ritroviamo nel termine “media” dal latino “medium” (mezzo) ed indica un complesso sistema costituito da un apparato tecnologico, dalle relazioni tra tale apparato e i processi cognitivi dell’uomo, dal rapporto tra apparati e linguaggi della comunicazione, dalla funzione che tale sistema assume nel contesto delle relazioni sociali. Le caratteristiche di un "media" dipendono dal collegamento che esso ha con diversi fattori della comunicazione come linguaggi, contenuti, modalità di emissione e di fruizione. Questo risulta importante perché il modo in cui l'uomo percepisce un messaggio dipende dalle caratteristiche tecniche dello strumento che ci fornisce il messaggio e la natura di tali strumenti rappresenta un fattore di trasformazione del pensiero, della cultura e anche della società. Esistono varie tipologie di media tra cui ritroviamo i monocodice (che veicolano messaggi codificati in un solo codice) e i pluricodice (hanno la capacità di veicolare messaggi prodotti mediante linguaggi diversi in cui si sovrappongono più codici) e a loro volta si differenziano in media verticali/unidirezionali (unico mittente e più destinatari che ricevono il messaggio e lo decodificano), media orizzontali (molteplicità di mittenti e destinatari che possono scambiarsi i ruoli, originando un processo comunicativo bidirezionale che assume la forma del dialogo) e media reticolari (caratterizzati da molti emittenti e destinatari che possono scambiarsi ruolo, e che sono in grado di comunicare con altri agenti realizzando una comunicazione con interazione collettiva).
Nel “VILLAGGIO GLOBALE” la comunicazione non rappresenta solo un fenomeno astratto in quanto i veicoli su cui viaggiano segnali e informazioni sono vere e proprie entità fisiche come vibrazioni sonore, correnti elettriche, flussi di energia etc. MODI segue la Clientela interessata all’ottenimento dei contributi per la formazione. Realizza i progetti formativi finanziati in linea con le priorità tematiche di Fondimpresa, come quelle riguardanti la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro o gli adempimenti privacy secondo il nuovo Regolamento Europeo 2016/679. Aiuta le aziende ad individuare le migliori opportunità sulla base delle esigenze, sfruttando al meglio le risorse economiche disponibili e gestendo la pratica dalla fase di richiesta fino alla rendicontazione e all’ottenimento dell’importo finanziato. Per le recensioni, opinioni espresse dai nostri Clienti e Allievi cliccare qui Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.
22
Mar

Le Frequently Asked Questions, conosciute con la sigla FAQ, sono letteralmente le “domande poste frequentemente”. MODI S.R.L. le crea per scopi didattici e le divulga nel web.

 
Rappresentano una serie di risposte redatte dall'autore, in risposta alle domande che gli vengono poste, o che ritiene gli verrebbero poste, più frequentemente dagli utilizzatori di un certo servizi in modo da sciogliere i dubbi dei nuovi utenti.
Le FAQ sono frequentemente utilizzate nei siti web, dove vengono in genere raccolte in una pagina disponibile a tutti e facilmente raggiungibile. Nel sito web: www.corsionlineitalia.it sono a disposizione le FAQ con le risposte alle domande sulla validità della formazione a distanza per i corsi sicurezza nei luoghi di lavoro;
Nel dominio: www.mog231.it nelle FAQ si risponde ai quesiti sui modelli organizzativi D.lgs. 231/01, sugli ODV ecc.
All’indirizzo: www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it si trovano le Frequently Asked Questions – FAQ con specifiche dettagliate sul nuovo GDRP Regolamento Europeo Privacy 2016/679;
Nel sito internet: www.consulenzasicurezzaveneto.it sono a disposizione le Frequently Asked Questions – FAQ con specifiche sugli obblighi e le scadenze inerenti la materia salute e sicurezza nei luoghi di lavoro a cui un datore di lavoro deve fare attenzione;
Nel portale principale: www.modiq.it, sono caricate le FAQ su tutti i servizi di consulenza che eroghiamo in particolare sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, sullo stress lavoro correlato, rischio rumore, vibrazioni, fondimpresa ecc; ma anche sui sistemi di gestione Qualità ISO 9001:2015, ISO 14001:2015, Sicurezza dalla OHSAS 18001 alla nuova ISO 45001, sull’applicazione della legge 231/01, 196/2008 ecc.
Nel sito www.consulenzacertificazioneiso37001.it sono scaricabili le risposte alle domande riguardanti la norma ISO 37001 “Anti-bribery management systems” che si identifica uno standard di gestione con il proposito di aiutare le organizzazioni nella lotta contro la corruzione, istituendo una cultura di integrità, trasparenza e conformità. MODI segue la Clientela interessata all’ottenimento dei contributi per la formazione. Realizza i progetti formativi finanziati in linea con le priorità tematiche di Fondimpresa, come quelle riguardanti la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro o gli adempimenti privacy secondo il nuovo Regolamento Europeo 2016/679.
MODI aiuta le aziende ad individuare le migliori opportunità sulla base delle esigenze, sfruttando al meglio le risorse economiche disponibili e gestendo la pratica dalla fase di richiesta fino alla rendicontazione e all’ottenimento dell’importo finanziato.
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti e-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.  Per le recensioni, opinioni espresse dai nostri Clienti e Allievi cliccare qui.