1 dati personali Archives - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Posts from the ‘dati personali’ Category

14
Giu

Privacy – Privacy Manager o Data Protection Officer?

I criteri imposti prima dal D.Lgs. 196/2003 ed ora dal regolamento (UE) 2016/679 per il rispetto e la salvaguardia dei dati personali e sensibili sono particolarmente rigorosi.
Con l'entrata in vigore del Regolamento Europeo 2016/679, il Titolare del Trattamento, nonchè il rappresentante legale dell’azienda, ha l’obbligo di specificare mezzi e finalità con cui gestire i dati oggetto dei trattamenti che svolge. Generalmente tale compito viene delegato al collaboratore interno che il Titolare ritiene più idoneo: il Privacy Manager.
Il Privacy Manager è colui che in azienda si occupa di "compliance", dei servizi qualità o dei servizi informativi. Questa figura dirige, con l’aiuto di consulenti esterni, tutti gli aspetti legati alla protezione dei dati come la gestione delle nomine dei Responsabili e degli incaricati, della formazione interna rispetto alle tematiche privacy, delle informative per gli interessati, della predisposizione della privacy policy aziendale, etc.
Naturalmente la persona designata svolgere questo compito è necessario che il Privacy Manager abbia delle competenze sufficientemente avanzate in materia, acquisite tramite formazione specifica.
Il Data Protection Officer (Responsabile per la protezione dei dati), invece, è un professionista dotato di competenze sia giuridiche sia informatiche, di capacità di analisi dei processi e di risk management; fondamentale è che rimanga indipendente rispetto alla Direzione nello svolgimento delle proprie mansioni consulenziali.
Data Protection Officer   ha come principale responsabilità, quella di osservare e organizzare la gestione dei trattamenti di dati personali, nonché di proteggere gli stessi all’interno di un’azienda, affinché questi siano trattati nel rispetto delle normative privacy europee e nazionali.
Il Regolamento europeo GDRP 2016/679 stabilisce che il DPO debba essere nominato in casi specifici:
  • Se il trattamento è effettuato da un’autorità o da un organismo pubblico, fatta eccezione per le autorità giurisdizionali quando esercitino le loro funzioni giurisdizionali;
  • se i trattamenti svolti dal Titolare del trattamento o dal Responsabile comportano il monitoraggio regolare e sistematico degli interessati su larga scala;
  • se le attività principali del Titolare del trattamento o del Responsabile consistono nel trattamento su larga scala dei dati personali di cui all’articolo 9 (dati particolari/sensibili) o di dati relativi a condanne penali e a reati di cui all’articolo 10.
I nostri consulenti sono oggi Rpd/DPO in importanti Organizzazioni del Veneto e del Nord Est.
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it
29
Apr

A cosa serve il registro delle attività di trattamento dei Dati personali?

L’art. 30 del Regolamento (EU) n. 679/2016 (di seguito “RGPD”) prevede tra gli adempimenti principali del titolare e del responsabile del trattamento la tenuta del registro delle attività di trattamento.
E’ un documento contenente le principali informazioni (specificatamente individuate dall’art. 30 del RGPD) relative alle operazioni di trattamento svolte dal titolare e, se nominato, dal responsabile del trattamento (sul registro del responsabile, vedi, in particolare, il punto 6).
Costituisce uno dei principali elementi di accountability del titolare, in quanto strumento idoneo a fornire un quadro aggiornato dei trattamenti in essere all’interno della propria organizzazione, indispensabile per ogni attività di valutazione o analisi del rischio e dunque preliminare rispetto a tali attività.
Il registro deve avere forma scritta, anche elettronica, e deve essere esibito su richiesta al Garante.
Fonte: sito Garante Privacy - FAQ
Per consulenze in materia di Privacy, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it
23
Apr

Oltre a non incorrere in sanzioni molto onerose, che tipo di vantaggi comporta per una azienda la corretta applicazione del GDPR 2016/679?

 
Per le aziende, di qualsiasi ordine e grado, con l'applicazione del GDPR 2016/679 cambia radicalmente la visione generale che passa da un censimento dei trattamenti effettuati relativi alla privacy ad un vero e proprio Sistema Rischi dove,  con le medesime metodologie messe in campo per il trattamento, ad esempio dei rischi finanziari od operativi, si  riportano gli elementi della privacy ad elementi di rischio per il quale si devono fare attente misurazioni, mettere in atto politiche di riduzione del rischio, pianificare i costi che vanno ad impattare sul conto economico dell’impresa
La capacità di protezione dati è sinonimo di buona impresa, di competitività e buona reputazione.
Un'azienda che non è in grado di proteggere il proprio patrimonio informativo tendenzialmente tenderà a essere emarginata dal mercato perché da una parte sarà considerata vulnerabile ad attacchi informatici e furti di identità, dall'altra avendo indebolito le garanzie offerte su questo terreno ai clienti, risulterà meno competitiva.
Per consulenze e adeguamento della documentazione privacy, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.
17
Apr

Accountability – Regolamento Europeo privacy 2016/679.

 
Il Regolamento Europeo 2016/679 conosciuto anche come GDPR,  ha introdotto il principio dell’accountability (responsabilità verificabile), secondo cui tutti coloro che partecipano al trattamento dati devono essere consapevoli e responsabili e elaborare la documentazione di tutti i trattamenti effettuati.
L’informativa deve essere leggibile, comunicativa, accessibile, concisa e scritta in maniera chiara  e semplice e con un numero limitato di riferimenti normativi e fornita per iscritto (oralmente è consentita solo se l’interessato è d’accordo e la sua identità è comunque certificata da altri mezzi).  Per rendere l’informativa leggibile anche per coloro che non conoscono la lingua è possibile l’utilizzare delle icone.
Con GDPR 2016/679 il trattamento dei dati personali è possibile solo previo consenso dell’interessato.  Il consenso al trattamento dei dati deve essere libero, specifico, informato e inequivocabile ed è ritenuto valido se la volontà è espressa in modo non equivoco. La valutazione degli "mpatti privacy" per l’analisi dei rischi, permette di definire i gap per la corretta gestione degli stessi, stabilendo un piano per colmarli e controllando annualmente gli effetti degli interventi per ridurre i rischi.  A seguito della valutazione dell’impatto si deve redigere il Privacy Impact Assessment. La normativa privacy obbliga tutti gli enti pubblici e le aziende il cui "core business" coinvolge trattamenti di natura rischiosa o su larga scala la nomina di un responsabile per la protezione dei dati  DPO (Data Protection Officer). Il DPO è una figura manageriale con rinnovo periodico, e il Suo nominativo sarà comunicato al Garante. Il DPO deve avere requisiti e competenze elevate. Il DPO può essere un dipendente o un collaboratore con regolare contratto come quelli redatti da MODI SRL.
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it
 
3
Apr

Secondo il Regolamento UE Privacy 2016/679, chi è tenuto a redigere il Registro delle attività di trattamento?

Sono tenuti a redigere il Registro delle attività di trattamento (v. art. 30, par. 1 e 2 del RGPD), tutti i titolari e i responsabili del trattamento dei dati personali delle persone fisiche. In ambito privato, i soggetti obbligati sono:
  • imprese o organizzazioni con almeno 250 dipendenti;
  • qualunque titolare o responsabile (incluse imprese o organizzazioni con meno di 250 dipendenti) che effettui trattamenti che possano presentare un rischio – anche non elevato – per i diritti e le libertà dell'interessato;
  • qualunque titolare o responsabile (incluse imprese o organizzazioni con meno di 250 dipendenti) che effettui trattamenti non occasionali;
  • qualunque titolare o responsabile (incluse imprese o organizzazioni con meno di 250 dipendenti) che effettui trattamenti delle categorie particolari di dati di cui all’articolo 9, paragrafo 1 RGPD, o di dati personali relativi a condanne penali e a reati di cui all’articolo 10 RGPD.
Rientrano nella categoria delle “organizzazioni” di cui all’art. 30, par. 5 anche le associazioni, fondazioni e i comitati. Sono tenuti all’obbligo di redazione del registro, ad esempio:
- esercizi commerciali, esercizi pubblici o artigiani con almeno un dipendente (bar, ristoranti, officine, negozi, piccola distribuzione, ecc.) e/o che trattino dati sanitari dei clienti (es. parrucchieri, estetisti, ottici, odontotecnici, tatuatori ecc.); - liberi professionisti con almeno un dipendente e/o che trattino dati sanitari e/o dati relativi a condanne penali o reati (es. commercialisti, notai, avvocati, osteopati, fisioterapisti, farmacisti, medici in generale); - associazioni, fondazioni e comitati ove trattino “categorie particolari di dati” e/o dati relativi a condanne penali o reati (i.e. organizzazioni di tendenza; associazioni a tutela di soggetti c.d. “vulnerabili” quali ad esempio malati, persone con disabilità, ex detenuti ecc.; associazioni che perseguono finalità di prevenzione e contrasto delle discriminazioni di genere, razziali, basate sull’orientamento sessuale, politico o religioso ecc.; associazioni sportive con riferimento ai dati sanitari trattati; partiti e movimenti politici; sindacati; associazioni e movimenti a carattere religioso); - il condominio ove tratti “categorie particolari di dati” (es. delibere per interventi volti al superamento e all’abbattimento delle barriere architettoniche ai sensi della L. n. 13/1989; richieste di risarcimento danni comprensive di spese mediche relativi a sinistri avvenuti all’interno dei locali condominiali).
Le imprese e organizzazioni con meno di 250 dipendenti obbligate alla tenuta del registro potranno comunque beneficiare di alcune misure di semplificazione, potendo circoscrivere l’obbligo di redazione del registro alle sole specifiche attività di trattamento sopra individuate (es. ove il trattamento delle categorie particolari di dati si riferisca a quelli inerenti un solo lavoratore dipendente, il registro potrà essere predisposto e mantenuto esclusivamente con riferimento a tale limitata tipologia di trattamento). Al di fuori dei casi di tenuta obbligatoria del Registro, anche alla luce del considerando 82 del RGPD, il Garante ne raccomanda la redazione a tutti i titolari e responsabili del trattamento, in quanto strumento che, fornendo piena contezza del tipo di trattamenti svolti, contribuisce a meglio attuare, con modalità semplici e accessibili a tutti, il principio di accountability e, al contempo, ad agevolare in maniera dialogante e collaborativa l’attività di controllo del Garante stesso.
Si invita altresì a consultare il documento interpretativo del 19 aprile 2018 del Gruppo ex art. 29 (Ora Comitato europeo per la protezione dei dati) reperibile al seguente link: http://ec.europa.eu/newsroom/article29/item-detail.cfm?item_id=624045
 
fonte: sito Garante Privacy
Per consulenze Privacy, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.
15
Gen

Consulenza per la Realizzazione di un Modello Organizzativo di Gestione e Controllo Privacy

 
Lo staff di consulenzaprivacyregolamentoue679.it by MODI SRL, eroga servizi di Consulenza per la Realizzazione di un Modello Organizzativo di Gestione e Controllo Privacy conforme al REGOLAMENTO (UE) 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati.
Eseguiamo Audit e Riesame del Sistema di Gestione dei Dati Personali "Privacy".
• Adeguamento a fronte di eventuali novità legislative o modifiche organizzative; • Audit per verificare lo stato di conformità aziendale al Sistema di Gestione dei Dati Personali "Privacy". • Relazione sullo stato di conformità aziendale in base a quanto emerso dall'Audit Interno; • Eventuale Revisione Documentale. Per consulenze Privacy, nomina in esterndo di un RDP/DPO, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.
31
Dic

Nel sito del Garante sul Registro delle attività del trattamento.

 
L’art. 30 del Regolamento (EU) n. 679/2016 prevede tra gli adempimenti principali del titolare e del responsabile del trattamento la tenuta del registro delle attività di trattamento. E’ un documento contenente le principali informazioni (specificatamente individuate dall’art. 30 del RGPD) relative alle operazioni di trattamento svolte dal titolare e, se nominato, dal responsabile del trattamento (sul registro del responsabile, vedi, in particolare, il punto 6). Può essere riportata nel registro qualsiasi altra informazione che il titolare o il responsabile ritengano utile indicare (ad es. le modalità di raccolta del consenso, le eventuali valutazioni di impatto effettuate, l’indicazione di eventuali “referenti interni” individuati dal titolare in merito ad alcune tipologie di trattamento ecc.).
Per consulenze, informazioni e documentazione Privacy, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.
 
25
Mag

Attenzione alla Privacy! Dal 25/05/2018 tutti in regola con il Nuovo Regolamento Europeo Privacy – GDPR 2018.

Attenzione alla Privacy! Dal 25/05/2018 tutti in regola con il Nuovo Regolamento Europeo Privacy 2016/679 GDPR 2018.
Il nostro Servizio di "Assitenza Privacy Aziendale" si rivolge a qualunque soggetto giuridico (privato) che effettui trattamento di dati personali.
La norma riguarda praticamente chiunque. E' sufficiente un'attività che, per esempio, abbia un elenco di dipendenti, stagisti, clienti, collaboratori, consulenti e fornitori con l'obiettivo di mettere l'Azienda in conformità con la nuova normativa. Il servizio di Consulenza proposto da MODI SRL si sviluppa in tre fasi di intervento: 1. Check Up iniziale della durata minima di mezza giornata, per la verifica dei trattamenti di dati personali effettuati nell’ambito dei flussi informativi gestiti e soggetti alla normativa privacy (dati personali trattati, finalità del trattamento, dispositivi utilizzati, personale incaricato, soggetti esterni coinvolti); 2. Redazione e Consegna del Manuale contenente le procedure e i modelli di documenti necessari agli adempimenti documentali e tecnici da mettere in atto per adempiere alle prescrizioni normative sulla privacy;
3.    Formazione di base del personale e del Responsabile Aziendale del Trattamento per la messa in opera del Sistema di Gestione Data Protection.
Per consulenze privacy per l'applicazione del Regolamento Europeo 2016/679, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari specifici in materia di privacy chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.
24
Apr

Che cosa si intende per dato sensibile e dato giudiziario secondo il DGPR 679/2016 Privacy?

 Che cosa si intende per dato sensibile e dato giudiziario secondo il DGPR 679/2016 Privacy?
Per dato giudiziario si intendono i dati personali idonei a rivelare provvedimenti di cui all’articolo 3, comma 1, lettere da a) a o) e da r) a u), del d.P.R. 14 novembre 2002, n. 313, in materia di casellario giudiziale, di anagrafe delle sanzioni amministrative dipendenti da reato e dei relativi carichi pendenti, o la qualità di imputato o di indagato ai sensi degli articoli 60 e 61 del codice di procedura penale.
I dati sensibile invece sono quei dati personali idonei a rivelare l’origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, l’adesione a partiti, sindacati, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, nonché i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale.
Contattando la segreteria organizzativa al numero verde 80030033 (gratis anche da mobile) è possibile richiedere un appuntamento per un preventivo di consulenza personalizzato.
Non aspettate l’ultimo momento per adeguare il Vostro impianto documentale al GDPR REGOLAMENTO 2019/679 PRIVACY!
Per la consultazione del Regolamento 679/16, slide, video, materiali, faq ecc., lo staff di Consulenza Privacy Regolamento UE 679/2016 by MODI S.r.l. ha messo a disposizione per gli interessati anche un sito internet dedicato www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it.
12
Apr

Regolamento GDPR 2016/679? Tutti i professionisti dovranno adeguarsi alle nuove regole in materia di trattamento dati personali

L'applicazione del regolamento 2016/679 sulla protezione dei dati personali delle persone fisiche non dipende dalle dimensioni dell’azienda/organizzazione, ma dalla natura delle sue attività e si applica a ogni azienda o enti che trattano dati personali nell’ambito delle attività di una delle sue filiali stabilite nell’UE, indipendentemente dal luogo in cui i dati sono trattati.
Le aziende con più di 250 dipendenti devono tenere un registro delle loro attività di trattamento e nominare un DPO.
Ogni Azienda anche piccola o media impresa (PMI) che tratta i dati personali deve rispettare il regolamento UE 2016/679.  Se il trattamento dei dati personali non è una parte essenziale di un'attività e quest’ultima  non crea rischi per le persone, alcuni obblighi del GDPR non si applicheranno come ad esempio, la nomina di responsabile della protezione dei dati). Per "attività essenziale" si intende che l’elaborazione di dati personali delle persone fisiche  costituisce una parte fondamentale dell’attività del titolare o del responsabile del trattamento.
 
Una delle più importanti novità del GDPR consiste nella responsabilizzazione (in inglese “accountability”) di titolari e responsabili.
I titolari e responsabili devono adottare comportamenti proattivi e tali da dimostrare la concreta adozione di misure finalizzate ad assicurare l’applicazione del regolamento.
Pertanto viene affidato ai titolari il compito di decidere autonomamente le modalità, le garanzie e i limiti del trattamento dei dati personali, nel rispetto delle disposizioni normative e alla luce di alcuni criteri specifici indicati nel regolamento.
MODI si propone alle PMI del Veneto per le attività di Consulenza necessarie ad adottare il Regolamento UE 679.
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.