1 documento valutazione rischi Archives - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Posts from the ‘documento valutazione rischi’ Category

23
Mar

SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA STRADALE – UNI ISO 39001

SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA STRADALE - UNI EN ISO 3900:2016
La norma UNI ISO 39001 si occupa dei sistemi Road Traffic Safety che gestiscono la sicurezza del traffico stradale.
Rischio “in itinere”? Dal Rapporto Inail 2016 si evince che il 19% degli infortuni riconosciuti sul lavoro e avvenuto fuori dell’azienda. Anche la metà dei decessi accertati sul lavoro è avvenuto fuori dell’azienda.
Sulla base di tali dati emerge che la valutazione del rischio “in itinere” e la conseguente adozione di misure di prevenzione è fondamentale per aumentare il livello di sicurezza dei lavoratori.
Fino ad oggi il rischio “in itinere” è stato “subiìto” con un atteggiamento quasi fatalistico, con l’impressione che non potesse essere gestito o mitigato.
Anche se non valutato espressamente dei Documenti di Valutazione del Rischio, il rischio in itinere viene comunque percepito, e i Datori di implementano misure di prevenzione e mitigazione, quali un parco macchine verificato, adeguato e collaudato nei termini di legge, strumenti di gestione del parco auto, la formazione dei lavoratori.
Le organizzazioni più strutturate hanno inoltre sentito la necessità di dare sistematicità alla gestione delle misure di prevenzione e mitigazione implementando procedure  e protocolli dedicati alla sicurezza stradale, che sono entrate a far parte del capitolo “Controllo Operativo” di aziende certificate OHSAS 18001.
Lo standard certificabile UNI ISO 39001 è dal mese di maggio 2016 un utile "strumento" per la gestione del rischio in itinere.
I sistemi di gestione della sicurezza del traffico stradale sono utili per l’implementazione e promozzione dello sviluppo quali l’adozione di programmi della sicurezza degli spostamenti da e verso il luogo di lavoro.
Lo standard è strutturato nei 10 requisiti della High Level Structure dell’Annex SL, e si basa sull’analisi dei rischi e delle opportunità a supporto del processo decisionale della Direzione.
La norma è pertanto perfettamente integrabile con le altre norme che hanno la stessa struttura, ed ha il merito di approfondire un aspetto critico per la tutela della sicurezza dei lavoratori, aggiungendo un tassello fondamentale a valle della analisi di rischio: la gestione del rischio e delle misure di prevenzione e mitigazione.
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.  
2
Ott

Adotta un MOG 231 per l’esenzione dalla Responsabilità Amministrativa prevista dal D.lgs. 231/01.

Chi adotta un MOG 231 può godere dell`esenzione dalla Responsabilità Amministrativa prevista dal D.lgs. 231/01.
Cosa può fare MODI per Voi?
Partendo dalla Risk Analysis viene predisposto un modello Organizzativo conforme ai requisiti del D.Lgs. 231. L’obiettivo di MODI è quello di raggiungere al Cliente  tramite la personalizzazione del sistema, miglioramenti gestionali ed operativi e far applicare il Modello all'intera organizzazione, creando  un unico strumento con un sistema semplice e funzionale, dove siano presenti le regole aziendali (Sistema Integrato) e che risulti il punto di riferimento per l'azienda L’aiuto del Consulente MODI porta dei vantaggi? Ridurre al minimo la burocrazia interna in termini di documenti e procedure  è sicuramente un gran vantaggio, così come ottimizzare l'impegno dell'azienda in termini di tempo, risorse e costi durante l'intero arco della consulenza. MODI assume incarico di “membro” e partecipa agli OdV (Organismo di Vigilanza).
Generalmente un modello organizzativo è composta da una parte generale ed una parte speciale:
  •     la parte generale (comunicazioni e verifiche) deve descrivere ed elaborare i risultati della fase di risk assessement;
  •     la parte speciale (una per ogni area a rischio di reato) si costituisce delle procedure specifiche adottate per la gestione del rischio specifico (risk management) nelle aree individuate in fase di analisi.
Per garantire il rispetto dei requisiti della 231 deve essere predisposto il “disciplinare Interno” che dovrà essere approvato e reso pubblico all`interno dell`ente/azienda.
Per preventivi chiamare il numero verde 800300333 o scrivere a modiconsulenzaeformazione@gmail.com