1 ESTIMO Archives - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Posts from the ‘ESTIMO’ Category

4
Dic

Perizie immobiliari, ecco le nuove linee guida ABI

04/12/2018 – La valutazione degli immobili dovrà tener conto delle disposizioni in merito all’equo compenso dei periti, dei nuovi principi per hotel, centri commerciali e agroindustrie e dei criteri per calcolare l’impatto sul valore di mercato dell’efficienza energetica degli immobili. Queste le principali novità contenute nelle nuove Linee Guida ABI per le valutazioni degli immobili in garanzia delle esposizioni creditizie, aggiornate alla luce dell’ulteriore adeguamento ai più recenti standard europei e internazionali (Direttiva mutui e Circolare 285 della Banca d’Italia con riferimento ai requisiti di professionalità dei periti). La presentazione ufficiale del documento è avvenuta lo scorso 30 novembre, in occasione dell’evento annuale “Credito al credito”, organizzato da ABI. Valutazione immobiliari: le linee guida ABI Le nuove Linee Guida riportano una serie di principi,.. Continua a leggere su Edilportale.com   MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
4
Dic

Perizie immobiliari, ecco le nuove linee guida ABI

04/12/2018 – La valutazione degli immobili dovrà tener conto delle disposizioni in merito all’equo compenso dei periti, dei nuovi principi per hotel, centri commerciali e agroindustrie e dei criteri per calcolare l’impatto sul valore di mercato dell’efficienza energetica degli immobili.   Queste le principali novità contenute nelle nuove Linee Guida ABI per le valutazioni degli immobili in garanzia delle esposizioni creditizie, aggiornate alla luce dell’ulteriore adeguamento ai più recenti standard europei e internazionali (Direttiva mutui e Circolare 285 della Banca d’Italia con riferimento ai requisiti di professionalità dei periti).   La presentazione ufficiale del documento è avvenuta lo scorso 30 novembre, in occasione dell’evento annuale “Credito al credito”, organizzato da ABI.   Valutazione immobiliari: le linee guida ABI Le nuove Linee Guida riportano una serie di principi,..
Continua a leggere su Edilportale.com

21
Set

Per l’esproprio a favore dello Stato vale l’esenzione dalle imposte indirette

21/09/2018 – Quando l’espropriazione di beni è a favore del demanio dello Stato, a prescindere dalla qualifica dell'ente espropriante (Stato o concessionario delegato), è possibile applicare il regime di esenzione dalle imposte indirette, ovvero gli atti di trasferimento dei beni espropriati sono esenti da imposta di registro, imposte ipotecaria e catastale, imposta di bollo e tasse ipotecarie. A chiarirlo l'Agenzia delle Entrate nella Risoluzione n. 66/2018 con cui specifica anche che questo principio vale a condizione che gli atti di trasferimento vengano disposti a favore del demanio pubblico dello Stato, in quanto lo Stato stesso acquisisce, direttamente e immediatamente, la proprietà dei beni. Esproprio in favore del demanio: i chiarimenti dell’Agenzia L’Agenzia ha ricordato che l’articolo 57 del DPR 131/1986 stabilisce l'esenzione dall'imposta di registro per gli atti di esproprio e per gli.. Continua a leggere su Edilportale.com   MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
7
Ago

Planimetrie catastali, le istruzioni per consultarle

07/08/2018 – Quali procedure seguire per consultare o chiedere il rilascio di una planimetria catastale, anche se riferita a stadi non più attuali o a unità soppresse? A spiegarlo l’Agenzia delle Entrate tramite FiscoOggi. Planimetrie catastali: come consultarle Per la consultazione, la planimetria catastale può essere rilasciata soltanto su richiesta del proprietario, del possessore, di chi ha diritti reali di godimento sull’unità immobiliare, risultanti in catasto, o da loro delegati che utilizzano un modulo (di delega) per l’accesso, disponibile sul sito dell’Agenzia. Le planimetrie archiviate nella banca dati informatica, relative agli immobili presenti su tutto il territorio nazionale, possono essere richieste in qualsiasi ufficio provinciale-territorio, tramite lo sportello catastale decentrato presso i Comuni, oppure in modalità telematica tramite i servizi disponibili sul sito dell’Agenzia. Eventuali.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
2
Ago

Catasto, i Geometri chiedono di riaprire la discussione sulla riforma

02/08/2018 – Attuare al più presto la riforma del catasto dei fabbricati per correggere l’attuale fiscalità immobiliare che ha causato sperequazioni e iniquità. È la richiesta che il Presidente del Consiglio Nazionale Geometri (CNGeGL), Maurizio Savoncelli, rivolge al Governo tramite un articolo su Italia Oggi. Riforma catasto, Geometri: attuare la revisione del sistema estimativo Per Savoncelli la revisione del sistema estimativo mediante la lettura aggiornata del patrimonio immobiliare e l’introduzione di una banca dati dinamica (adeguata e rispondente alle variazioni del mercato immobiliare e aggiornabile in tempo reale) è la sola via per correggere sperequazioni e iniquità che caratterizzano gli attuali meccanismi della fiscalità immobiliare. Attualmente, infatti, la fiscalità immobiliare è ancorata al valore di rendite catastali calcolate secondo vecchi criteri, sulla.. Continua a leggere su Edilportale.com   MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
29
Giu

Conformità catastale, dal Notariato le indicazioni per orientarsi

29/06/2018 – Che ruolo ha la dichiarazione di conformità dei dati catastali e delle planimetrie allo stato di fatto nella contrattazione immobiliare? A spiegarlo il Notariato nel nuovo studio pubblicato. Conformità catastale: i problemi evidenziati dai Notai Partendo da alcune considerazioni relative alla contrattazione immobiliare, il Notariato spiega che, pur in presenza di molteplici norme volte a prescrivere l’inserimento di specifici elementi identificativi, il contratto immobiliare potrebbe comunque risultare carente di uno o più elementi. Il notaio chiamato a rogitare un atto di compravendita potrebbe essere, ad esempio, nell’impossibilità di indicare la natura, il Comune o i confini degli immobili oggetto dell’atto. Un contratto di compravendita potrebbe, quindi, risultare valido ove sia indicato semplicemente l’indirizzo ed il numero civico dell’immobile urbano. Conformità.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
4
Gen

Volture catastali e documento di successione, nuovi modelli dal 15 marzo 2018

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23104/01/2018 – Dal 15 marzo 2018 si utilizzeranno nuovi modelli telematici per la dichiarazione di successione e domanda di volture catastali. A stabilirlo il Provvedimento 305134 con cui l’Agenzia delle Entrate approva i nuovi modelli e fa slittare di un anno l’obbligo di presentare la documentazione online. Volture catastali e successioni, nuovi modelli dal 15 giugno 2018 I nuovi modelli sostituiranno quelli precedentemente approvati con Provvedimento del 15 giugno 2017 e potranno essere utilizzati dal 15 marzo 2018. Il nuovo modello di dichiarazione di successione recepisce le novità in materia di bonus prima casa e le agevolazioni relative agli immobili dichiarati inagibili a seguito degli eventi sismici che si sono verificati tra il 2016 e il 2017. Volture e successioni, formato cartaceo fino a dicembre 2018 Il Provvedimento stabilisce anche che fino al 31 dicembre 2018 sarà possibile presentare la dichiarazione.. Continua a leggere su Edilportale.com
3
Feb

Imbullonati: niente Imu per il 2016

03/02/2016 – Nel calcolo della rendita catastale di fabbriche o edifici produttivi non bisognerà più considerare i macchinari, i congegni, le attrezzature ed altri impianti funzionali ad uno specifico processo produttivo, ovvero i cosiddetti “imbullonati”, che dal 1 gennaio 2016 sono esentati dall'Imposta Municipale Unica (Imu). Lo prevede la Legge di Stabilità 2016 che ha introdotto questa novità per i fabbricati di categoria D ed E (unità immobiliari urbane a destinazione speciale e particolare come fabbriche, alberghi, teatri, edici produttivi ecc). Stima degli immobili imbullonati: i chiarimenti delle Entrate L’Agenzia delle Entrate nella circolare 2/E chiarisce che dal 1° gennaio 2016 nel processo estimativo di industrie, centrali o stazioni elettriche, non saranno più inclusi gli aerogeneratori, le turbine, i grandi trasformatori, gli altoforni, così come tutti gli impianti.. Continua a leggere su Edilportale.com     MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
19
Feb

Nuovo Catasto, ai professionisti l’autocertificazione non piace

19/02/2015 - Il nuovo Catasto lascia spazio all’autocertificazione dei dati inerenti agli immobili da parte dei proprietari. È quanto emerge dalla bozza di decreto legislativo sui nuovi criteri estimativi, che dovrebbe approdare domani in Consiglio dei Ministri. La misura preoccupa i professionisti dell’edilizia, che temono la possibilità di far passare sotto silenzio una serie di abusi, anche se la bozza di decreto del 22 dicembre 2014, prevede che l’Agenzia delle Entrate possa stipulare delle convenzioni con gli ordini e i collegi professionali per la realizzazione di rilevazioni e sopralluoghi. A ciò si aggiungono le proposte dei geometri per andare oltre le misure contenute nella riforma e arrivare ad un sistema trasparente e libero dal rischio di contenziosi. Le anticipazioni sulla riforma Le unità immobiliari ad uso abitativo saranno inserite nella categoria ordinaria O/1, mentre un successivo decreto del Ministero delle..
Continua a leggere su Edilportale.com

19
Feb

Nuovo Catasto, l’autocertificazione non piace ai progettisti

19/02/2015 - Il nuovo Catasto lascia spazio all’autocertificazione dei dati inerenti agli immobili da parte dei proprietari. È quanto emerge dalla bozza di decreto legislativo sui nuovi criteri estimativi, che dovrebbe approdare domani in Consiglio dei Ministri. La misura preoccupa i professionisti dell’edilizia, che temono la possibilità di far passare sotto silenzio una serie di abusi, anche se la bozza di decreto del 22 dicembre 2014, prevede che l’Agenzia delle Entrate possa stipulare delle convenzioni con gli ordini e i collegi professionali per la realizzazione di rilevazioni e sopralluoghi. A ciò si aggiungono le proposte dei geometri per andare oltre le misure contenute nella riforma e arrivare ad un sistema trasparente e libero dal rischio di contenziosi. Le anticipazioni sulla riforma Le unità immobiliari ad uso abitativo saranno inserite nella categoria ordinaria O/1, mentre un successivo decreto del Ministero delle..
Continua a leggere su Edilportale.com