1 FOCUS FINESTRE PER TETTI PIANI Archives - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Posts from the ‘FOCUS FINESTRE PER TETTI PIANI’ Category

23
Giu

Finestre per tetti piani, una scelta verso il risparmio energetico

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23122/06/2017 – Negli ultimi anni l’opinione pubblica e le politiche comunitarie hanno puntato sempre di più all'efficienza energetica nel settore delle costruzioni, soprattutto in quello residenziale. La Commissione Europea, infatti, ha dato impulso a politiche e misure sempre più efficaci in questo settore come dimostra la Direttiva 2010/31/CE che l’Italia ha recepito con i nuovi decreti entrati in vigore il 1° ottobre 2015 che stabiliscono, ad esempio, i requisiti minimi di chiusure opache e chiusure trasparenti (serramenti) in caso di interventi di nuova costruzione o riqualificazione energetica. Risparmio energetico: il ruolo dei serramenti Nel bilancio energetico di un edificio, il 10-20% delle dispersioni è dovuto alle superfici trasparenti. Ovviamente la soluzione per ridurre le dispersioni termiche non è quella di eliminare le finestre dagli immobili, che anzi sono fondamentali per migliorare.. Continua a leggere su Edilportale.com
23
Giu

Finestre per tetti piani, una scelta verso il risparmio energetico

23/06/2017 – Negli ultimi anni l’opinione pubblica e le politiche comunitarie hanno puntato sempre di più all'efficienza energetica nel settore delle costruzioni, soprattutto in ambito residenziale.   La Commissione Europea ha dato impulso a politiche e misure sempre più efficaci come dimostra la Direttiva 2010/31/CE che l’Italia ha recepito con i nuovi decreti entrati in vigore il 1° ottobre 2015 i quali stabiliscono, ad esempio, i requisiti minimi di chiusure opache e chiusure trasparenti (serramenti) in caso di interventi di nuova costruzione o riqualificazione energetica.   Risparmio energetico: il ruolo dei serramenti Nel bilancio energetico di un edificio, il 10-20% delle dispersioni è dovuto alle superfici trasparenti. La soluzione per ridurre le dispersioni termiche non è certo quella di eliminare le finestre dagli immobili, che anzi sono fondamentali per garantire un buon comfort abitativo ma..
Continua a leggere su Edilportale.com

15
Giu

Tetto piano, superficie da sfruttare all’insegna della luminosità

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23115/06/2017 – L’architettura delle coperture si sta modificando rispetto al passato, coniugando sempre più estetica e tecnologia, al fine di realizzare costruzioni belle e funzionali. Questa tendenza è particolarmente evidente nella diffusione del tetto piano in ambienti in cui in precedenza il tetto a falda era il favorito. Coperture: tetto piano Vs tetto a falda Per molto tempo, in architettura, il tetto a falda ha avuto un ruolo da protagonista nelle coperture. Il tetto a falda è nato dall’esigenza di proteggere l’uomo da pioggia e neve, offrendo la soluzione costruttiva più semplice per raggiungere tale scopo. Infatti, le regioni che hanno adoperato maggiormente questa tipologia costruttiva sono quelle nordiche, caratterizzate non solo da climi più soggetti a precipitazioni ma caratterizzati anche dall’elevata presenza di materiali adatti alla tipologia costruttiva del tetto a falda, come il legno. Progetto.. Continua a leggere su Edilportale.com
15
Giu

Tetto piano, superficie da sfruttare all’insegna della luminosità

15/06/2017 – L’architettura delle coperture si sta modificando rispetto al passato, coniugando sempre più estetica e tecnologia, al fine di realizzare costruzioni belle e funzionali. Questa tendenza è particolarmente evidente nella diffusione del tetto piano in ambienti in cui in precedenza il tetto a falda era il favorito.   Coperture: tetto piano Vs tetto a falda Per molto tempo, in architettura, il tetto a falda ha avuto un ruolo da protagonista nelle coperture. Il tetto a falda è nato dall’esigenza di proteggere l’uomo da pioggia e neve, offrendo la soluzione costruttiva più semplice per raggiungere tale scopo.   Infatti, le regioni che hanno adoperato maggiormente questa tipologia costruttiva sono quelle nordiche, caratterizzate non solo da climi più soggetti a precipitazioni ma caratterizzati anche dall’elevata presenza di materiali adatti alla tipologia costruttiva del tetto a falda, come il legno.                                                                                                        Progetto..
Continua a leggere su Edilportale.com

8
Giu

Come diffondere la luce naturale in spazi bui e locali ciechi

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23108/06/2017 – Come immaginiamo l’ambiente ideale in cui abitare, lavorare e relazionarsi? Di solito come uno spazio ben illuminato e areato con numerose finestre che si aprono verso l’esterno. La luce solare, infatti, riempie, modella e valorizza gli ambienti e migliora anche le prestazioni lavorative, il benessere abitativo e il valore immobiliare di un immobile. Spesso, però, si pensa (erroneamente) che l’unico apporto di luce naturale debba provenire dai serramenti verticali posti lungo le pareti dell’immobile, dimenticando che in molte circostanze (nei casi di attici, ville o abitazioni indipendenti e locali commerciali) si ha a disposizione una ‘quarta parete potenzialmente illuminante’, ovvero la copertura. Sfruttare il tetto per illuminare gli ambienti Le potenzialità che i tetti possiedono nei confronti della luce vengono dimenticate perché dalla nascita dell’architettura le coperture.. Continua a leggere su Edilportale.com
8
Giu

Come diffondere la luce naturale in spazi bui e locali ciechi

08/06/2017 – Come immaginiamo l’ambiente ideale in cui abitare, lavorare e relazionarsi? Di solito come uno spazio ben illuminato e areato con numerose finestre che si aprono verso l’esterno.   La luce solare, infatti, riempie, modella e valorizza gli ambienti e migliora anche le prestazioni lavorative, il benessere abitativo e il valore immobiliare di un immobile.   Spesso, però, si pensa (erroneamente) che l’unico apporto di luce naturale debba provenire dai serramenti verticali posti lungo le pareti dell’immobile, dimenticando che in molte circostanze (nei casi di attici, ville o abitazioni indipendenti e locali commerciali) si ha a disposizione una ‘quarta parete potenzialmente illuminante’, ovvero la copertura.   Sfruttare il tetto per illuminare gli ambienti Le potenzialità che i tetti possiedono nei confronti della luce vengono dimenticate perché dalla nascita dell’architettura le coperture..
Continua a leggere su Edilportale.com