1 FOCUS Archives - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Posts from the ‘FOCUS’ Category

1
Ago

Rivestimenti in pietra, ispirazioni

01/08/2019 – La pietra è tra i materiali da costruzione più ‘antichi’ disposizione dell’uomo ma conserva, ancora oggi, un grande pregio architettonico. Tale materiale, sia nella versione naturale che artificiale, si trova spesso nei rivestimenti esterni degli edifici ma viene anche utilizzata per pavimenti e rivestimenti interni. Elementi in pietra naturale per facciate Tra i rivestimenti in gres porcellanato effetto pietra ci sono i ROCK STYLE di Panaria Ceramica, superfici ceramiche essenziali ma curate che, grazie alle elevate caratteristiche tecniche, creano ambienti caldi ed accoglienti dalla forte personalità. Tra i rivestimenti per facciate c’è il sistema RÖFIX StoneEtics® 103 Pietra naturale che consente di montare la parete in pietra, fino a un peso di 103 kg/m², su materiali isolanti in EPS, lana di roccia, PUR e sughero fino uno spessore massimale di 200 mm. Quando.. Continua a leggere su Edilportale.com   MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
25
Lug

Ponteggi per l’edilizia

25/07/2019 – Per la realizzazione o la ristrutturazione di un qualsiasi edificio è necessario montare delle strutture provvisionali (ponteggi) reticolari e multipiano. I ponteggi possono essere realizzati in legno o metallo; generalmente, però, la maggior parte di quelli in commercio è in acciaio. Indipendentemente dal materiale di cui sono fatti, i ponteggi devono assicurare alcuni requisiti standard di sicurezza. Infatti, devono garantire: la sicurezza delle persone che vi lavorano; la sicurezza di tutti i lavoratori che collaborano all’opera edile (protezione dalla caduta verso l’esterno); la sicurezza del pubblico (protezione dai pericoli provenienti dal cantiere); la qualità e l’efficienza del lavoro sul ponteggio.   La scelta, il montaggio, l’uso e lo smontaggio devono essere eseguiti nel pieno rispetto del Dlgs 81/2008 e del libretto a corredo di ogni ponteggio..
Continua a leggere su Edilportale.com

25
Lug

Ponteggi per l’edilizia

25/07/2019 – Per la realizzazione o la ristrutturazione di un qualsiasi edificio è necessario montare delle strutture provvisionali (ponteggi) reticolari e multipiano. I ponteggi possono essere realizzati in legno o metallo; generalmente, però, la maggior parte di quelli in commercio è in acciaio. Indipendentemente dal materiale di cui sono fatti, i ponteggi devono assicurare alcuni requisiti standard di sicurezza. Infatti, devono garantire: la sicurezza delle persone che vi lavorano; la sicurezza di tutti i lavoratori che collaborano all’opera edile (protezione dalla caduta verso l’esterno); la sicurezza del pubblico (protezione dai pericoli provenienti dal cantiere); la qualità e l’efficienza del lavoro sul ponteggio. La scelta, il montaggio, l’uso e lo smontaggio devono essere eseguiti nel pieno rispetto del Dlgs 81/2008 e del libretto a corredo di ogni ponteggio.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
18
Lug

Solai, guida alla scelta

18/07/2019 – In un manufatto edile, le componenti strutturali devono garantire sicurezza, durabilità e robustezza. Tra le strutture portanti che compongono un edificio ci sono i solai, strutture bidimensionali piane caricate ortogonalmente al proprio piano che ripartiscono i carichi sulle travi della struttura di elevazione dell'edificio. Il solaio generalmente è composto da una parte portante, che può essere realizzata in legno, in calcestruzzo armato o in acciaio, e da una parte con funzione di alleggerimento, con pignatte in laterizio o pani di polistirolo. I solai possono essere parzialmente prefabbricati (a travetti precompressi, a travetti tralicciati, a lastre precompresse, a lastre tralicciate-Predalles) o completamente prefabbricati. Tra i materiali più utilizzati per i solai ci sono il legno, acciaio e laterizio. Solai alveolari e lastre autoportanti in cemento armato e precompresso Tra i solai a lastra c’è.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
11
Lug

Rivestimenti metallici per facciate, ispirazioni

11/07/2019 – Le facciate degli edifici spesso sono impreziosite da rivestimenti esteticamente attraenti ma anche funzionali e protettivi. Tra i rivestimenti utilizzati per le facciate ci sono quelli metallici che sono suddivisi in diverse tipologie come: scandole, laminati, lamiere, pannelli, tele e tessuti e reti stirate. Generalmente i materiali più utilizzati sono: acciaio, alluminio, rame e zinco. Rivestimenti metallici per facciate I materiali che si utilizzano per una facciata devono avere alcune proprietà ricorrenti come: flessibilità creativa, durevolezza, resistenza ai raggi UV, alla pioggia e alle condizioni climatiche avverse, resistenza al fuoco certificata, facile manutenzione, riparabilità e prestazioni strutturali affidabili. Ad esempio, la flessibilità del materiale sarà particolarmente importante se si ha intenzione di realizzare facciate.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
4
Lug

Antifurto e controllo, i sistemi di protezione attiva

04/07/2019 – Sistemi d’allarme wireless, impianti domotici per il controllo a distanza e rilevatori di gas sono solo alcuni dei sistemi di protezione attiva che si possono installare nella propria abitazione per la protezione da ladri o eventi accidentali. Dopo aver analizzato nello scorso focus i sistemi di protezione passiva (porte blindate, tapparelle rinforzate, inferriate, ecc), in questo analizzeremo i vantaggi e le caratteristiche di quelli di protezione attiva. Come rendere sicura l’abitazione: sistemi di protezione attiva Coloro che vogliono ridurre drasticamente i rischi d’intrusione possono scegliere di installare (in alternativa o in aggiunta ai sistemi di sicurezza meccanici) un sistema di antifurto, anche con controllo da remoto, che indichi la presenza del ladro o il suo tentativo di effrazione. Gli impianti antifurto sono costituiti generalmente da una centrale che regola le varie funzionalità del.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
27
Giu

Antieffrazione, i sistemi di protezione passiva

27/06/2019 – La sicurezza della propria abitazione da furti è una questione che sta assumendo sempre più importanza; per questo sia in fase di progettazione che di ristrutturazione i sistemi antieffrazione assumono un ruolo di rilievo. Si può optare per sistemi di protezione passiva (porte blindate, tapparelle rinforzate, inferriate, ecc), o sistemi di protezione attiva (sistemi d’allarme wireless, impianti domotici per il controllo a distanza, sensori biometrici, alle chiavi elettroniche). In questo focus analizzeremo il primo sistema e nel prossimo i sistemi d’allarme. Progettare la sicurezza in casa Prima di progettare adeguatamente il sistema di protezione di cui dotare l’abitazione, è necessario individuare i “punti d’ingresso” più deboli, corsia privilegiata per i ladri, e una volta individuati cercare i sistemi migliori per proteggerli. Ad esempio, chi abita ai piani.. Continua a leggere su Edilportale.com

20
Giu

Coppi e tegole per la protezione delle coperture

20/06/2019 – Tra i materiali utilizzati per la protezione dei tetti ci sono coppi, tegole e scandole che, pur essendo prodotti con una lunga tradizione alle spalle, si rinnovano costantemente per rispondere alle esigenze del mercato. Tegole e coppi: dalla tradizione all’innovazione Tegole e coppi, utilizzati già dagli antichi romani, sono tra le più longeve coperture per tetti. Sono caratterizzati da una superficie cilindrica che viene tagliata parallelamente all'asse del cilindro. Esistono diverse tipologie di tegole; ad esempio la tegola portoghese, dalla forma che accosta il semicilindro tipico dei coppi a una superficie piana che facilita l’aggancio alla tegola vicina. Le portoghesi sono ottime per i tetti spioventi, perché permettono l’eliminazione dell’acqua piovana. Oltre alle tegole portoghesi, ci sono le tegole canadesi, le marsigliesi, in cemento e in PVC. Le tegole canadesi sono resistenti.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
13
Giu

Tettoie e pergolati, ispirazioni per attrezzare gli spazi esterni

13/06/2019 – Molto spesso chi possiede grandi terrazzi o ampi giardini ha intenzione di realizzare strutture esterne, come tettoie e pergole, per attrezzare meglio lo spazio esterno. Questo genere di strutture, però, richiede spesso delle autorizzazioni che variano a seconda del tipo di struttura che si installa e del contesto in cui è inserito il manufatto. Realizzare tettoie e pergolati: la normativa Poiché le autorizzazioni per la costruzione di pergolati, pensiline, tettoie e verande variano da Comune a Comune, è bene consultare il Regolamento Edilizio del proprio Comune e richiedere la consulenza di un tecnico abilitato per il proprio caso specifico. A livello nazionale ci sono alcune norme che hanno fornito delle linee guida in questo senso, anche se le Regioni possono ampliare o ridurre l’ambito applicativo delle disposizioni. Il Regolamento edilizio tipo che contiene le 42 definizioni uniformi.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
30
Mag

Condizionatori, guida alla scelta

30/05/2019 – Quando si decide di acquistare un condizionatore per raffrescare la casa, è necessario valutare le caratteristiche del locale da climatizzare (dimensioni, numero di pareti esposte, numero di finestre e porte-finestre, numero di persone che vi abitano) per stabilire tipo e potenza del climatizzatore. Climatizzatori: come funzionano Un impianto di climatizzazione è un sistema tecnologico che permette di regolare la temperatura e l'umidità degli ambienti interni di un locale. Generalmente l’impianto è costituito da due elementi: unità interna per l’aspirazione dell’aria e per il suo raffrescamento (ed eventualmente riscaldamento nel caso di pompe di calore) e l’unità esterna per l’espulsione all’esterno dell’aria calda sottratta all’interno. Esistono climatizzatori che sono solo in grado di raffreddare l'ambiente ma non di riscaldarlo,.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231