1 FOCUS Archives - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Posts from the ‘FOCUS’ Category

27
Lug

Attrezzature per lo sport e le attività outdoor, guida alla scelta

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23127/07/2017 – L'attività sportiva è considerata spesso come un valido strumento per rimuovere gli squilibri economico sociali e incrementare la sicurezza urbana nell’ambito della rigenerazione delle aree svantaggiate e delle zone periferiche urbane. D’altra parte, già nel Decreto 1444/1968 il verde pubblico (comprensivo anche di verde sportivo, aree attrezzate per lo sport, parchi e giardini) viene considerato come standard urbanistico minimo di cui tener conto nella redazione di un Piano regolatore. Nella pianificazione urbanista, quindi, si deve dedicare ampio spazio alle attrezzature per il verde e per lo sport, soprattutto nelle periferie. Attrezzature sportive: le azioni per promuoverle Il Governo, infatti, ha incentivato tali interventi attraverso bandi specifici e leggi. Ad esempio con la Legge 9/2016 (conversione del decreto Expo-Giubileo) è stato istituito il Fondo ‘Sport e Periferie’.. Continua a leggere su Edilportale.com
20
Lug

Strutture prefabbricate in cemento armato, guida alla scelta

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231 20/07/2017 – L’uso di strutture prefabbricate in calcestruzzo è una valida soluzione sia per i capannoni industriali che per l’edilizia residenziale. La prefabbricazione, sviluppatasi verso la metà dell’Ottocento insieme alla tecnologia di precompressione del calcestruzzo, prevede l’organizzazione industriale della produzione degli elementi (pilastri, travi, ecc) in appositi stabilimenti per poi essere trasportati in cantiere e assemblati. Strutture prefabbricate: cosa considerare Una struttura prefabbricata garantisce la razionalizzazione dei processi produttivi e il controllo di qualità e degli standard edilizi. Inoltre, offre numerosi vantaggi come: costi certi e ridotti rispetto all’edilizia normale (non è necessario l’allestimento e il disarmo delle casseforme), tempi brevissimi di realizzazione, smontaggio semplificato, riduzione degli scarti e riciclaggio degli elementi a fine vita. Tuttavia,.. Continua a leggere su Edilportale.com
13
Lug

Come illuminare gli spazi esterni

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23113/07/2017 – Con le calde serate estive, cresce la voglia di vivere al meglio gli spazi esterni come terrazzi, balconi e giardini; attraverso un’adeguata illuminazione è più facile viverli anche in assenza di luce solare. Illuminazione per esterni: la normativa Per illuminare gli ambienti esterni in modo non eccessivo e confortevole è necessario progettare accuratamente il sistema di illuminazione, cercando di limitare il più possibile l’inquinamento luminoso, ovvero quel fenomeno che avviene quando la luce emessa dai corpi illuminanti per esterni è rivolta verso l’alto e di conseguenza dispersa. Le leggi regionali contro l’inquinamento luminoso vietano in generale flussi luminosi con componenti che superano i 90°, tranne rare eccezioni (come per le zone archeologiche). Per ovviare a questo problema, i corpi illuminanti devono essere dotati di opportuni sistemi di schermatura (cut-off).. Continua a leggere su Edilportale.com
6
Lug

Serramenti in alluminio, una scelta di design

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23106/07/2017 – Nella progettazione di un edificio è di fondamentale importanza scegliere i serramenti adeguati che permettano il giusto contatto tra l’esterno e l’interno, assicurando luce e aria, proteggendo gli spazi interni dal freddo, dall’afa e dai malintenzionati e garantendo sicurezza, privacy ed efficienza energetica. Sia nel caso di una nuova costruzione sia in caso di ristrutturazione la scelta degli infissi è in grado di determinare la qualità architettonica e prestazionale dell’immobile. Le finestre, infatti, influiscono sulla luminosità degli spazi e sulla vivibilità degli ambienti. Serramenti in alluminio, perché sceglierli Tutte le finestre e le portefinestre devono avere caratteristiche tecnico-prestazionali precise e regolate dalla norma UNI EN 14351-1:2006 che stabilisce le modalità e le procedure per l’apposizione della marcatura CE. Tra i materiali che.. Continua a leggere su Edilportale.com
30
Giu

Scale per interni, guida alla scelta

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23130/06/2017 – Le scale non sono solo collegamenti strutturali verticali che permettono di superare un dislivello ma sono anche una scelta di stile che può determinare la composizione degli spazi. Per questo nella scelta di una scala, soprattutto per interni, bisogna considerare la tipologia più adatta alle proprie esigenze: in spazi piccoli si preferiranno quelle poco ingombranti, in ambienti molto grandi si possono inserire scale maestose, in mancanza di una struttura di sostegno si opterà per scale prefabbricate ecc. Scale: i criteri da rispettare in fase di progettazione Gli aspetti normativi, strutturali, ergonomici e di sicurezza per la progettazione delle scale sono regolati dalla Legge 13/1989 e dal DM 236/1989. Tuttavia bisogna sempre fare riferimento ai Regolamenti Edilizi Comunali, o rivolgersi ai dei tecnici abilitati, in quanto le norme comunali possono essere più restrittive di quelle nazionali. In.. Continua a leggere su Edilportale.com
30
Giu

Scale per interni, guida alla scelta

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23130/06/2017 – Le scale non sono solo collegamenti strutturali verticali che permettono di superare un dislivello ma sono anche una scelta di stile che può determinare la composizione degli spazi. Per questo nella scelta di una scala, soprattutto per interni, bisogna considerare la tipologia più adatta alle proprie esigenze: in spazi piccoli si preferiranno quelle poco ingombranti, in ambienti molto grandi si possono inserire scale maestose, in mancanza di una struttura di sostegno si opterà per scale prefabbricate ecc. Scale: i criteri da rispettare in fase di progettazione Gli aspetti normativi, strutturali, ergonomici e di sicurezza per la progettazione delle scale sono regolati dalla Legge 13/1989 e dal DM 236/1989. Tuttavia bisogna sempre fare riferimento ai Regolamenti Edilizi Comunali, o rivolgersi ai dei tecnici abilitati, in quanto le norme comunali possono essere più restrittive di quelle nazionali. In.. Continua a leggere su Edilportale.com
23
Giu

Finestre per tetti piani, una scelta verso il risparmio energetico

23/06/2017 – Negli ultimi anni l’opinione pubblica e le politiche comunitarie hanno puntato sempre di più all'efficienza energetica nel settore delle costruzioni, soprattutto in ambito residenziale.   La Commissione Europea ha dato impulso a politiche e misure sempre più efficaci come dimostra la Direttiva 2010/31/CE che l’Italia ha recepito con i nuovi decreti entrati in vigore il 1° ottobre 2015 i quali stabiliscono, ad esempio, i requisiti minimi di chiusure opache e chiusure trasparenti (serramenti) in caso di interventi di nuova costruzione o riqualificazione energetica.   Risparmio energetico: il ruolo dei serramenti Nel bilancio energetico di un edificio, il 10-20% delle dispersioni è dovuto alle superfici trasparenti. La soluzione per ridurre le dispersioni termiche non è certo quella di eliminare le finestre dagli immobili, che anzi sono fondamentali per garantire un buon comfort abitativo ma..
Continua a leggere su Edilportale.com

23
Giu

Finestre per tetti piani, una scelta verso il risparmio energetico

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23122/06/2017 – Negli ultimi anni l’opinione pubblica e le politiche comunitarie hanno puntato sempre di più all'efficienza energetica nel settore delle costruzioni, soprattutto in quello residenziale. La Commissione Europea, infatti, ha dato impulso a politiche e misure sempre più efficaci in questo settore come dimostra la Direttiva 2010/31/CE che l’Italia ha recepito con i nuovi decreti entrati in vigore il 1° ottobre 2015 che stabiliscono, ad esempio, i requisiti minimi di chiusure opache e chiusure trasparenti (serramenti) in caso di interventi di nuova costruzione o riqualificazione energetica. Risparmio energetico: il ruolo dei serramenti Nel bilancio energetico di un edificio, il 10-20% delle dispersioni è dovuto alle superfici trasparenti. Ovviamente la soluzione per ridurre le dispersioni termiche non è quella di eliminare le finestre dagli immobili, che anzi sono fondamentali per migliorare.. Continua a leggere su Edilportale.com
15
Giu

Tetto piano, superficie da sfruttare all’insegna della luminosità

15/06/2017 – L’architettura delle coperture si sta modificando rispetto al passato, coniugando sempre più estetica e tecnologia, al fine di realizzare costruzioni belle e funzionali. Questa tendenza è particolarmente evidente nella diffusione del tetto piano in ambienti in cui in precedenza il tetto a falda era il favorito.   Coperture: tetto piano Vs tetto a falda Per molto tempo, in architettura, il tetto a falda ha avuto un ruolo da protagonista nelle coperture. Il tetto a falda è nato dall’esigenza di proteggere l’uomo da pioggia e neve, offrendo la soluzione costruttiva più semplice per raggiungere tale scopo.   Infatti, le regioni che hanno adoperato maggiormente questa tipologia costruttiva sono quelle nordiche, caratterizzate non solo da climi più soggetti a precipitazioni ma caratterizzati anche dall’elevata presenza di materiali adatti alla tipologia costruttiva del tetto a falda, come il legno.                                                                                                        Progetto..
Continua a leggere su Edilportale.com

15
Giu

Tetto piano, superficie da sfruttare all’insegna della luminosità

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23115/06/2017 – L’architettura delle coperture si sta modificando rispetto al passato, coniugando sempre più estetica e tecnologia, al fine di realizzare costruzioni belle e funzionali. Questa tendenza è particolarmente evidente nella diffusione del tetto piano in ambienti in cui in precedenza il tetto a falda era il favorito. Coperture: tetto piano Vs tetto a falda Per molto tempo, in architettura, il tetto a falda ha avuto un ruolo da protagonista nelle coperture. Il tetto a falda è nato dall’esigenza di proteggere l’uomo da pioggia e neve, offrendo la soluzione costruttiva più semplice per raggiungere tale scopo. Infatti, le regioni che hanno adoperato maggiormente questa tipologia costruttiva sono quelle nordiche, caratterizzate non solo da climi più soggetti a precipitazioni ma caratterizzati anche dall’elevata presenza di materiali adatti alla tipologia costruttiva del tetto a falda, come il legno. Progetto.. Continua a leggere su Edilportale.com