1 LAVORI PUBBLICI Archives - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Posts from the ‘LAVORI PUBBLICI’ Category

9
Ago

Materiali da costruzione, in vigore le nuove regole

09/08/2017 – Oggi entrano in vigore le nuove regole sui prodotti da costruzione previste dal Dlgs 106/2017 che adegua la normativa nazionale alle disposizioni del Regolamento UE 305/2011.   Prodotti da costruzione: le responsabilità dei progettisti Il Dlgs stabilisce che il costruttore, il progettista, il direttore dei lavori, il direttore dell’esecuzione o il collaudatore debbano rispettare l’obbligo di impiego di prodotti da costruzione conformi al Regolamento UE.   Inoltre, prevede che “il progettista dell'opera che prescrive prodotti non conformi sia punito con l'ammenda da 2.000 euro a 12.000 euro” e che "qualora la prescrizione non conforme riguardi prodotti e materiali destinati ad uso strutturale o ad uso antincendio il professionista sia punito con l'arresto sino a tre mesi e con l'ammenda da 5.000 euro a 25.000 euro".     Materiali da costruzione:..
Continua a leggere su Edilportale.com

3
Ago

Arte negli edifici pubblici, approvate le nuove linee guida

03/08/2017 – E’ stato pubblicato il Decreto 15 maggio 2017 che aggiorna le Linee guida per l’arte negli edifici pubblici, previste dalla Legge 717/1949.   La norma, rivolta a tutte le Amministrazioni dello Stato, fornisce una puntuale interpretazione della legge, adattandone le prescrizioni alle attuali esigenze tecniche e progettuali delle opere pubbliche.   Le linee guida specificano le modalità con cui applicare la Legge che obbliga lo Stato, le regioni, le province, i comuni e tutti gli altri enti pubblici che provvedano all'esecuzione di “nuove costruzioni di edifici pubblici” e alla “ricostruzione di edifici pubblici, distrutti per cause di guerra” a destinare una quota variabile tra il 2% e lo 0,5% della spesa totale prevista nel progetto per la realizzazione di opere d'arte da inserire nell'ambito dell'edificio.   Sono esclusi i progetti di importo inferiore a un milione di euro, a prescindere..
Continua a leggere su Edilportale.com

3
Ago

Poli per l’infanzia, firmato il decreto da 150 milioni di euro

03/08/2017 – Via libera alla realizzazione dei Poli per l’infanzia. La Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Valeria Fedeli, ha firmato il decreto che ripartisce tra le Regioni i 150 milioni di euro di fondi Inail previsti dal D.lgs 65/2017 attuativo della Buona Scuola. Le risorse saranno utilizzate per il triennio 2018-2020 per il potenziamento del sistema integrato di educazione e di istruzione dalla nascita fino ai sei anni.    Poli per l’infanzia, 24 milioni alla Lombardia Ad accaparrarsi il maggior numero di risorse (24 milioni di euro) è stata la Lombardia, seguita da Campania e Lazio (14,5 milioni), veneto (13 milioni) e Sicilia (12 milioni). Scarica la Tabella con la ripartizione dei 150 milioni di euro   La distribuzione delle risorse tra le Regioni è stata effettuata sulla base della popolazione scolastica 0-6, secondo dati Istat, e sul numero di edifici..
Continua a leggere su Edilportale.com

3
Ago

Dal Miur 20 milioni di euro per 8 scuole innovative

03/08/2017 – Un passo in più verso le otto scuole innovative annunciate dal Ministero dell’istruzione, dell’Università e della Ricerca (Miur). La Ministra, Valeria Fedeli, ha firmato il decreto che consentirà la loro realizzazione con uno stanziamento di 20 milioni di euro, “anche attraverso il fondo immobiliare”.   I prototipi di Renzo Piano e Mario Cucinella Due delle otto scuole sono state progettate a titolo gratuito da due archistar. Un edificio del primo ciclo è stato ideato da Renzo Piano.   Ricordiamo che nel 2015 Renzo Piano ha pensato un civic center, sostenibile dal punto di vista energetico e dei materiali utilizzati, articolato in tre livelli: un piano terra con un giardino e la funzione di connessione con la città, un primo piano con le aule e un tetto con laboratori e attività in cui il bambino possa coltivare l’immaginario personale.    Mario Cucinella ha messo..
Continua a leggere su Edilportale.com

28
Lug

Edilizia scolastica, presentato il Fondo da 74 milioni di euro

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23128/07/2017 - Un fondo immobiliare territoriale, da circa 74 milioni di euro, per la riqualificazione o costruzione di nuovi edifici scolastici. È stato presentato nei giorni scorsi il progetto “Fondo immobiliare per l’edilizia scolastica e il territorio”, promosso da Anci, Agenzia del Demanio, Miur e Invimit. Fondo immobiliare per l’edilizia scolastica, il progetto pilota Nella fase iniziale il progetto coinvolgerà sei Comuni: Castel San Pietro Terme (Bo), Osimo (An), Isola Di Capo Rizzuto (Kr), Robbiate (Lc), Grumolo delle Abbadesse (Vi), e Monte Prandone (Ap). Una volta a regime dovrebbe però diventare un modello di rigenerazione urbana applicabile a tutti i Comuni. L’operazione si concretizzerà attraverso il sistema integrato di fondi immobiliari gestito da Invimit (società al 100% del Mef e capitalizzata interamente da Inail) e beneficerà dei contributi.. Continua a leggere su Edilportale.com
28
Lug

Appalti, sotto il milione ok al massimo ribasso con procedura negoziata

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23128/07/2017 - I lavori di importo inferiore a un milione di euro possono essere affidati col criterio del massimo ribasso anche se si utilizza la procedura negoziata invece di quella ordinaria. Lo ha chiarito l’Autorità nazionale Anticorruzione per evitare il blocco dei piccoli lavori innescato dai dubbi sul Correttivo al Codice Appalti. Massimo ribasso, i dubbi delle Stazioni Appaltanti Il Codice Appalti rinnovato con il Correttivo approvato nel 2017 ha elevato da un milione a 2 milioni di euro la soglia al di sotto della quale le Stazioni Appaltanti possono affidare i lavori col criterio del massimo ribasso. L’innalzamento della soglia deve rispettare due condizioni: che l’affidamento avvenga con procedure ordinarie e che a base di gara sia posto il progetto esecutivo. Il Codice Appalti del 2016 consentiva il massimo ribasso fino a 1 milione di euro senza porre ulteriori condizioni, quindi le Stazioni.. Continua a leggere su Edilportale.com
27
Lug

Manutenzione delle strade, 170 milioni di euro alle province

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23127/07/2017 – Le province potranno presto effettuare interventi di manutenzione straordinaria sulla rete viaria nazionale. È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il DM 14 luglio 2017 che suddivide i 170 milioni di euro per il 2017 che il Governo ha stanziato per la manutenzione delle strade nelle Regioni a statuto ordinario. Le risorse, previste dalla Manovrina (DL 50/2017 convertito nella Legge 96/2017) sono state attribuite ad ogni ente in modo proporzionale ai chilometri lineari di strade gestite, alla popolazione residente e alla quota di chilometri lineari in superficie montana. Le province con lo stanziamento maggiore sono: Cuneo con circa 6 milioni di euro, Cosenza con quasi 6 milioni di euro, Salerno con quasi 5 milioni e Foggia con più di 4 milioni di euro. Continua a leggere su Edilportale.com
26
Lug

Bando Periferie, da CDP prestiti per avviare subito i 120 progetti

27/07/2017 – Cassa Depositi e Prestiti (CDP) si è impegnata a velocizzare la cantierizzazione dei 120 progetti di riqualificazione, previsti dal Bando Periferie, attraverso l’attivazione di un prestito ai Comuni beneficiari delle risorse statali.   Bando periferie: risorse per avviare subito i cantieri Il "Prestito Riqualificazione Periferie Urbane" di CDP, già attivo, permette agli enti beneficiari del ‘Bando Periferie’, di acquisire i fondi necessari per avviare immediatamente  e completare in tempi certi gli investimenti approvati, anticipando le risorse statali in attesa del loro effettivo incasso.   L’operazione coprirà un totale di 120 progetti per un controvalore complessivo di circa 3,8 miliardi di euro (2,1 miliardi finanziati da risorse statali e il resto da soggetti pubblici e privati).   In questo modo Comuni e città metropolitane potranno predisporre subito le gare per realizzare..
Continua a leggere su Edilportale.com

26
Lug

Case popolari, il 40% degli edifici in zona 1 non è antisismico

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23127/07/2017 - Il 40% degli edifici di edilizia residenziale pubblica italiani, localizzati in zone sismiche ad alto rischio, sono stati costruiti prima del 1980 e non rispondono agli attuali requisiti antisismici. Questo l’allarme lanciato da Federcasa nella ricerca “Patrimonio edilizio e rischio sismico. Necessità di conoscenza, possibilità d’intervento nell’ERP”, realizzata in collaborazione con l’Associazione Ingegneria Sismica Italiana (ISI) e presentata ieri a Roma alla presenza del Ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio. Rischio sismico: i dati sull’edilizia residenziale pubblica Lo studio ha permesso di raccogliere informazioni su un campione di 190.357 alloggi, per un totale di 20.448 edifici, che rappresentano il 30% del totale gestito nelle zone sismiche di riferimento (1, 2 e 3). L’8,4% degli edifici si trova nella zona sismica 1, il 38,1% nella 2 ed il restante 53,5% nella zona.. Continua a leggere su Edilportale.com
26
Lug

Impianti sportivi nelle periferie, a settembre altri 100 milioni di euro

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23126/07/2017 – A settembre partirà un nuovo bando da 100 milioni di euro per la realizzazione e il completamento di impianti sportivi nelle periferie, aperto anche alle società sportive dilettantistiche. ‘Sport e periferie’: la firma delle convenzioni A riferirlo il presidente dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani (Anci) Antonio Decaro ieri a Roma, a margine della giornata in cui, alla presenza del Ministro per lo sport Luca Lotti e del Presidente del CONI Giovanni Malagò, sono state firmate le convenzioni per 32 Comuni beneficiari del fondo ‘Sport e periferie’ che complessivamente finanzierà 183 interventi. Il Fondo è stato istituito dal Decreto Expo-Giubileo (DL 183/2015 convertito nella Legge 9/2016) con l’obiettivo di potenziare l’attività sportiva agonistica nazionale e lo sviluppo della relativa cultura in aree svantaggiate e zone periferiche urbane per rimuovere.. Continua a leggere su Edilportale.com