1 Modelli organizzativi Archives - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Posts from the ‘Modelli organizzativi’ Category

6
Apr

L’adozione dell’applicazione di un modello di organizzazione, gestione e controllo in riferimento al D.Lgs. 231/01 comporta una serie di vantaggi significativi


Ricordiamo che l’adozione dell’applicazione di un modello di organizzazione, gestione e controllo in riferimento al D.Lgs. 231/01 comporta una serie di vantaggi significativi per la società o l’ente. Di seguito alcuni elencanti in ordine casuale:

  • accesso ai bandi di gara della P.A. e altri clienti generalmente di grandi dimensioni;
  • gestione aziendale trasparente e corretta;

  • un motivo di esclusione o di mitigazione della responsabilità dell’ente;

  • una garanzia di affidabilità nelle relazioni con i partner commerciali;

  • un punto di forza nel “rating della legalità”;

  • maggiore chiarezza organizzativa e bilanciamento tra poteri e responsabilità;

  • migliore cultura dei rischi e dei controlli sulle operazioni di business e di supporto in azienda;

  • adozione di molte norme di buona gestione che portano all’analisi e alla risoluzione di numerose problematiche tipiche delle organizzazioni;

  • maggior protezione dei soggetti in posizione apicale che possono dimostrare di aver fatto tutto quanto in loro potere per evitare determinati comportamenti o eventi;

  • rispetto di normative correlate, quali ad esempio quelle sulla salute la sicurezza nei luoghi di lavoro, sull’ambiente, sulla finanza.
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.


3
Apr

I reati contro la pubblica amministrazione, richiamati dall’art. 24 D.Lgs. 231/2001, comportino la responsabilità dell’ente anche se commessi a danno dell’Unione Europea.



Lo "Schema di decreto legislativo recante norme di attuazione della direttiva (UE) 2017/1371 relativa alla lotta contro la frode che lede gli interessi finanziari dell'Unione mediante il diritto penale”, approvato dal CdM lo scorso 24 gennaio, è stato trasmesso al Senato ed è ora all’esame delle Commissioni Giustizia e Bilancio per il relativo parere.

Il provvedimento ha un forte impatto sul D.Lgs. 231/2001, comportando l’introduzione nel catalogo dei reati presupposto delle seguenti fattispecie: frode nelle pubbliche forniture, ex art. 356 c.p.; frode ai danni del Fondo Europeo Agricolo di Garanzia e del Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo, ex art. 2, comma 1, L. 898/1986; peculato, ex art. 314, c.1. c.p. (esclusa l’ipotesi di uso momentaneo del bene); peculato mediante profitto dell’errore altrui, ex art. 316 c.p.; abuso d’ufficio (ex art. 323 c.p.).

Viene previsto, altresì, che i reati contro la pubblica amministrazione, richiamati dall’art. 24 D.Lgs. 231/2001, comportino la responsabilità dell’ente anche se commessi a danno dell’Unione Europea.

In attuazione della Direttiva PIF, è inserito un nuovo comma 1-bis all’art. 25-quinquesdecies, che dispone la punibilità delle persone giuridiche per le gravi frodi IVA (carattere transazionale ed evasione non inferiore a 10milioni di euro) in ipotesi di dichiarazione infedele (art. 4 D.Lgs. 74/2000), omessa dichiarazione (art. 5 D.Lgs. 74/2000) e indebita compensazione (art. 10-quater D.Lgs. 74/2000).

Viene poi previsto nel D.Lgs. 231/2001 un nuovo art. 25-sexiesdecies, rubricato "Contrabbando”, che prevede sanzioni pecuniarie e interdittive per i reati di cui al "Testo Unico delle disposizioni legislative in materia doganale” (D.P.R. 43/1973).

Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.

4
Set

Che cos’è il modello 231 e chi può adottarlo? A che esigenze devono rispondere i Modelli 231?

Il Modello di organizzazione, gestione e controllo disciplinato dal D.Lgs. 231/2001 consiste in un insieme di procedure, disposizioni organizzative, regole di condotte e codici comportamentali volti a prevenire la commissione dei reati da parte dei soggetti apicali o subordinati dell'azienda.
Il Modello 231 è importante perchè, oltre ad avere una funzione preventiva, presenta un'efficacia esimente, in quanto consente alla società che lo adotta efficacemente di ottenere in sede penale l'esclusione della responsabilità, evitando l'irrogazione delle sanzioni.
I Modelli 231 devono rispondere alle seguenti esigenze:
a) individuare le attività nel cui ambito possono essere commessi i rearti;
b) prevedere specifici protocolli diretti a programmare la formazione  e l'attuazione delle decisioni dell'ente in relazione ai reati da prevenire;
c) individuare le modalità di gestione delle risorse finanziarie idonee ad impedire la commissione dei reati;
d) prevedere obblighi di informazioni nei confronti dell'organismo deputato a vigilare sul funzionamento e l'osservanza dei modelli,
e) introdurre un sistema disciplinare idoneo a sanzionare il mancato rispetto delle misure indicate nel Modello.
I Modelli 231 possono essere applicati da enti forniti di personalità giuridica e società e associazioni anche prive di personalità giuridica (società per azioni, società in accomandita per azioni, le società a responsabilità limitata, società per azioni con partecipazione dello Stato o di enti pubblici, società cooperative, fondazioni, società sportive, enti pubblici economici).

Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it
12
Mag

Che novità ha introdotto la L. 179/2017 sul Whisleblowing?

La legge n. 179 del 30 novembre 2017 ("Disposizioni per la tutela degli autori di segnalazioni di reati o irregolarità di cui siano venuti a conoscenza nell'ambito di un rapporto di lavoro pubblico o privato") si pone quale obiettivo la tutela del soggetto che effettua la segnalazione di un illecito non soltanto nell'ambito del rapporto di lavoro pubblico ma anche di quello privato.
Tale normativa ha inciso nel D.lgs. 231/2001 avendone apportato un'intergrazione all'art. 6 del succitato Decreto.
I Modelli 231, infatti, a seguito della L. 179/2017 devono prevedere:
a) uno o più canali che consentano ai soggetti apicali e subordinati dell'azienda di presentare, a tutela dell'integrità dell'ente, segnalazioni circostanziate di condotte illecite, rilevanti ai sensi del presente decreto e fondate su elementi di fatto precisi e concordanti, o di violazioni del Modello di organizzazione e gestione dell'ente, di cui siano venuti a conoscenza in ragione delle funzioni svolte, tali canali garantiscono la riservatezza dell'identità del segnalante nella attività di gestione della segnalazione; b) almeno un canale alternativo di segnalazione idoneo a garantire, con modalità informatiche, la riservatezza dell'identità del segnalante; c) il divieto di atti di ritorsione o discriminatori, diretti o indiretti, nei confronti del segnalante per motivi collegati, direttamente o indirettamente, alla segnalazione; d) nel sistema disciplinare, sanzioni nei confronti di chi viola le misure di tutela del segnalante, nonchè di chi effettua con dolo e colpa grave segnalazioni che si rivelano infondate.
Inoltre, ai sensi della L. 179/2019 il licenziamento ritorsivo o discriminatorio del soggetto segnalante è nullo. Sono altresì nulli il mutamento di mansioni, nonchè qualsiasi altra misura ritorsiva o discriminatoria adottata nei confronti del segnalante.
Per le recensioni cliccare alla pagina DICONO DI NOI.
Per consulenze sui sistemi di gestione qualità, ambiente e sicurezza, modelli organizzativi D.lgs. 231/01, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.
 
11
Dic

La norma UNI EN ISO 37001:2016 riflette le buone prassi internazionali e può essere utilizzata in tutte le giurisdizioni.

 
La norma UNI EN ISO 37001:2016 riflette le buone prassi internazionali e può essere utilizzata in tutte le giurisdizioni.
È applicabile alle PMI "piccole, medie" e "grandi" organizzazioni in tutti i settori, compresi i settori pubblico, privato e non-profit.
 I rischi di corruzione per un'Organizzazione variano a seconda di fattori quali come per esempio la dimensione dell'organizzazione, i luoghi e settori in cui opera, la natura, l'entità e la complessità delle sue attività.
La norma ha degli allegati che forniscono una guida per l'attuazione dei requisiti del documento.
La conformità alla ISO 37001 non può dare la garanzia che all’interno dell’Organizzazione non si sono verificati episodi di corruzione o che non se ne possano verificare in futuro,  in quanto non è possibile eliminare completamente il rischio di corruzione.
La certificazione ISO 37001:2016 può comunque aiutare le ditte che la ottengono ad  attuare misure ragionevoli e proporzionate volte a prevenire, rilevare e rispondere alla corruzione.
Chiamando i consulenti MODI SRL di Venezia ti sarà possobile adottare un sistema di gestione anticorruzione a norma ISO 37001:2016 contenendo i tempi e i costi della consuelenza.
La Società di Consulenza e Formazione MODI SRL con sede in Mestre, Marghera, Spinea e Venezia è il partner ideale se desideri implementare un modello Organizzativo 231, la norma ISO 37001, un sistema di gestione qualità, ambiente, sicurezza, anche tra loro integrati. Chiama MODI Info 800300333 www.consulenzacertificazioneiso37001.it.
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it.
16
Ott

Il pericolo di “corruzione” porta incertezze in chi esercita attività commerciali. Adottare un sistema di gestione anti-corruzione a norma ISO 37001:2016.

Il pericolo di "corruzione" porta incertezze in chi esercita attività commerciali.
La corruzzione aumenta il costo dei beni e dei servizi, diminuisce la qualità dei prodotti e dei servizi.
La corruzione può portare alla perdita di vite umane e di proprietà, distrugge la fiducia nelle istituzioni e interferisce con l’efficiente funzionamento dei mercati.
Chiama MODI SRL di Venezia e adotta un sistema di gestione anti-corruzione a norma ISO 37001:2016.
La Società di Consulenza e Formazione MODI SRL con sede in Mestre, Marghera, Spinea e Venezia è il Partnere giusto se desideri implementare un modello Organizzativo 231, la norma ISO 37001, un sistema di gestione qualità, ambiente, sicurezza, anche tra loro integrati. Chiama MODI Info 800300333 www.consulenzacertificazioneiso37001.it
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it
 
9
Ott

A distanza di due anni dalla pubblicazione della norma ISO 37001:2016 quante sono le aziende certificate?

I governi hanno fatto progressi nell'affrontare la corruzione attraverso accordi internazionali o mediante leggi nazionali.
A distanza di due anni dalla pubblicazione della  norma ISO 37001:2016 (Anti-bribery management systems — Requirements with guidance for use) le Organizzazioni hanno sentito la responsabilità di contribuire attivamente alla lotta contro la corruzione?
Una piccola parte di esse si, e si è certificata. Altre invecee hanno iniziato ad adottare un "sistema di gestione anti-corruzione a norma ISO 37001:2016".
Contribuisci alla lotta contro la corruzione!
La Società di Consulenza e Formazione MODI SRL con sede in Mestre, Marghera, Spinea e Venezia è il partner ideale se desideri implementare un modello Organizzativo 231, la norma ISO 37001, un sistema di gestione qualità, ambiente, sicurezza, anche tra loro integrati.
Chiama MODI per  informazione al numero verde 800300333 e naviga nel sito internet www.consulenzacertificazioneiso37001.it
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it.
 
5
Ott

Certificarsi a norma UNI EN ISO 37001:2016? Una politica anti-corruzione è una componente di una politica globale di conformità.

Certificarsi alla norma UNI EN ISO 37001:2016? Una politica anti-corruzione è una componente di una politica globale di conformità.
Con l'adozione della norma ISO 37001:2016  (Anti-bribery management systems — Requirements with guidance for use) le Organizzazioni hanno la possibilità di contribuire attivamente alla lotta contro la corruzione. Un modello Organizzativo 231 e la ISO 37001 sono integrabili tra loro.
Chiama la Società di Consulenza e Formazione MODI SRL con sede in Mestre, Marghera, Spinea e Venezia se desideri implementare un modello Organizzativo 231, la norma ISO 37001, un sistema di gestione qualità, ambiente, sicurezza, anche tra loro integrati. Chiama MODI al numero verde 800300333 www.consulenzacertificazioneiso37001.it
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it.
 
15
Gen

Le Organizzazioni che hanno adottato un Modello Organizzativo D.lgs. 231/01, dovranno adeguarsi alla LEGGE 30 novembre 2017, n. 179

 
Le Organizzazioni che hanno adottato un Modello Organizzativo D.lgs. 231/01, dovranno adeguarsi alla LEGGE 30 novembre 2017, n. 179  dal titolo “Disposizioni per la tutela degli autori di segnalazioni di reati o irregolarità di cui siano venuti a conoscenza nell'ambito di un rapporto di lavoro pubblico o privato. (17G00193) (GU n.291 del 14-12-2017)”.
Tutte le Organizzazioni con un MOG231 dovranno aggiornarlo ai nuovi requisiti OBBLIGATORI previsti da questa legge in quanto è entrata in vigore il 29/12/2017.
Lo staff di Mog231.it by MODI SRL si propone alle aziende per assisterle nell'adeguamento documentale del loro Modello Organizzativo 231.
Chiama MODI SRL Venezia e adotta un sistema di gestione anti-corruzione a norma ISO 37001:2016.
La Società di Consulenza e Formazione MODI SRL con sede in Mestre, Marghera, Spinea e Venezia è il partner ideale se desideri implementare un modello Organizzativo 231, la norma ISO 37001, un sistema di gestione qualità, ambiente, sicurezza, anche tra loro integrati.
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it.
15
Gen

La Legge 30 novembre 2017 n. 179 “Tutela del dipendente o collaboratore che segnala illeciti nel settore privato”, apporta modifiche al decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 (norme generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche) e al D.Lgs. n. 231/2001(per il settore privato)

La Legge 30/11/2017 n. 179  "Tutela del dipendente o collaboratore che segnala illeciti nel settore privato", apporta modifiche al decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 (norme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche) e al D.Lgs. n. 231/2001(per il settore privato).
Il 29 dicembre 2017 è entrato in vigore il provvedimento riferito alla LEGGE 30 NOVEMBRE 2017 N. 179  "WHISTLEBLOWING". Le disposizioni prevedono la "tutela" dei lavoratori pubblici e privati che segnalano reati o irregolarità di cui siano venuti a conoscenza nell’ambito di un rapporto di lavoro pubblico o privato.
La Legge 30 NOVEMBRE 2017 N. 179  "WHISTLEBLOWING" modifica l’art. 54-bis del Decreto Legislativo 165/2001 e l'articolo 6 del Decreto Legislativo 231/2001 sul tema del cd. whistleblowing.
La LEGGE  30 NOVEMBRE 2017 N. 179  "WHISTLEBLOWING" va applicata da tutte le Organizzazioni anche private, che hanno liberamente già adottato un MOG231 Modello Organizzativo D.lgs. 231/2001 responsabilità amministrati Enti.
Lo staff di MODI SRL con questo post si propone alle aziende che hanno già addottato un MOG231 per affianarli nell'adeguamento del loro Modello così come indicato nella Legge 179. Per  infomazioni www.mog231.it e numero verde 800300333.