1 nuovi reati Archives - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Posts from the ‘nuovi reati’ Category

14
Gen

Cosa introduce il D.lgs.231/01 e chi sono le Organizzazione che lo implementano?

Il Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231, ha introdotto per la prima volta nel nostro ordinamento la responsabilità in sede penale degli enti, che si aggiunge a quella della persona fisica che ha realizzato materialmente il fatto illecito.
L’ampliamento della responsabilità mira a coinvolgere nella punizione di taluni illeciti penali il patrimonio degli enti e, in definitiva, gli interessi economici dei soci, i quali, fino all’entrata in vigore della legge in esame, non pativano conseguenze dalla realizzazione di reati commessi, con vantaggio della società, da amministratori e/o dipendenti.
Il principio di personalità della responsabilità penale li lasciava, infatti, indenni da conseguenze sanzionatorie, diverse dall’eventuale risarcimento del danno.
Scopo, dunque, della norma è punire quelle società che si avvantaggiano dalla commissione di reati che possono avere un impatto negativo sulla collettività quali ad esempio i reati ambientali, i reati contro la Pubblica Amministrazione e i reati in violazione delle norme sulla tutela della salute e sicurezza sul lavoro.
Per evitare di essere condannate in sede penale, lo staff MOG 231 suggerisce agli enti di adottare un Modello di organizzazione, gestione e controllo in grado di costituire un esimente. Per informazioni utili consigliamo di visionare le risposte alle domande più frequenti "FAQ" da noi realizzate in merito a questo orgomento. Lo Staff di Mog231.it by MODI ® S.r.l. assume l'incarico di ODV (Organismo di Vigilanza).
Per consulenze sui sistemi di gestione Qualità, Ambiente Sicurezza, adempimenti Privacy, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.
29
Nov

Nuove definizione del Regolamento UE PRIVACY n. 679/2016

Il nuovo REGOLAMENTOGENERALE UE SULLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI N. 679/2016 è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea n. 119/2016 e il 4 Maggio 2016. Entrato in vigore: 25 Maggio 2016.
Nel nuovo Regolamento UE Privacy è eliminata la definizione di dati sensibili e di dati giudiziari. Ora si usa il termine "categorie particolari di dati personali.
Tra le nuove definizione del Regolamento UE PRIVACY n. 679/2016 troviamo: Categorie particolari di dati personali Dati relativi alla salute Dati genetici Dati biometrici Consenso dell’interessato Pseudonimizzazione
il Regolamento introduce degli obblighi organizzativi nuovi con riferimento ai ruoli e alle unzioni. 
Per esempio il Titolare deve attuare misure tecniche ed organizzative adeguate per garantire e dimostrare che il trattamento è effettuato conformemente al Regolamento.
Il nuovo regolamento generale UE sulle protezione dei dati personali n. 679/2016 sarà immediatamente applicabile senza necessità di recepimento. Il Garante privacy ha in corso una ricognizione normativa per verificare quali parti del Codice Privacy e quali provvedimenti generali del Garante resteranno ugualmente.
 
21
Lug

Nuovi reati MOG 231 – Modello Organizzativo Gestionale 231

La Società MODI S.r.l. informa che, per tutte le aziende del Veneto, si terrà un corso valido come aggiornamento per RSPP con rilascio di crediti formativi riguardo i nuovi reati ambientali introdotti dalla nuova Legge n. 68 del 22 Maggio 2015.
Con la Legge n. 68 del 22 maggio 2015 il legislatore ha voluto responsabilizzare ulteriormente le imprese. Ad oggi infatti le aziende che pongono in essere condotte criminose in ambito ambientale possono venire processate e condannate nell'ambito di un procedimento penale.
La Legge n. 68 ha in particolare esteso la responsabilità amministrativa delle persone giuridiche a nuovi reati ambientali ulteriori rispetto a quelli già introdotti dal D. Lgs. n. 121 del 7 luglio 2011.
Nel dettaglio i nuovi reati presupposto 231 nel "Mondo 231" sono:
- disastro ambientale anche colposo;
- traffico e abbandono di materiale ad alta radioattività;
- inquinamento ambientale anche colposo;
- associazione a delinquere e associazioni di tipo mafioso finalizzati a commettere taluno dei delitti contro l'ambiente previsti al TITOLO VI del LIBRO II Codice Penale.
In questa prospettiva di responsabilizzazione, non vanno sottovalutate le sanzioni pecuniarie e interdittive a carico dell'impresa responsabile di illecito, così come descritte dalla Legge n. 68. Si evidenzia infatti che le sanzioni pecuniarie possono arrivare sino a 1000 quote e sono ulteriormente applicabili le sanzioni interdittive di cui al D.lgs. 231/2001 (interdizione dall'esercizio dell'attività; sospensione o revoca delle autorizzazioni, licenze o concessioni funzionali alla commissione dell'illecito; divieto di contrattare con la pubblica amministrazione; esclusione da agevolazioni, finanziamenti, contributi o sussidi e l'eventuale revoca di quelli già concessi; divieto di pubblicizzare beni o servizi).
Per ricevere ulteriori informazioni contattateci al numero verde 800 300 333, visitate il nostro sito www.modiq.it o inviate una mail all'indirizzo modiconsulenzaeformazione@gmail.com