1 regione veneto Archives - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Posts from the ‘regione veneto’ Category

3
Mar

Chi può ottenere informazioni sui tuoi dati? Il rischio di perdere il controllo delle informazioni e della sicurezza informatica.

 
La dimostrazione più evidente di come le nostre informazioni siano un bene preziosissimo arriva direttamente dall’Unione Europea, la quale si stima che i dati personali dei suoi 500 milioni di abitanti valgano circa l’8% del PIL Europeo.
I dati ”sensibili” sono raccolti e gestiti dalle aziende per esigenze di lavoro come per esempio le iniziative commerciali per promuovere la vendita di un prodotto o servizo. Per la fidelizzazione del Cliente sono usate molto spesso delle mail con l'invio di promozioni legate a qualche evento. Gli auguri di buon compleanno personalizzati legati a offerte e scontisitche ne sono un esempio anche in TV. Le aziende vivono una sorta di continua lotta finalizzata ad ottenere “informazioni” sul mercato, sui clienti, i concorrenti e i fornitori. I dati raccolti sono considerati dalle aziende un bene prezioso per il loro funzionamento che alimenta i processi produttivi.
L’incessante corsa alla raccolta di informazioni, agevolata dalla grande disponibilità di mezzi tecnologici, ha aumentato il rischio di perdere il controllo delle informazioni e quindi di sicurezza informatica e privacy.
La Società di Consulenza MODI S.r.l.  con sedi a  Mestre e Spinea (VE), informa le PMI che dal 25 Maggio 2016 è entrato in vigore il Regolamento europeo n. 679/2016 in materia di protezione dei dati personali che diventerà definitivamente applicabile in tutti i Paesi UE a partire dal 25 maggio 2018, data entro la quale ogni stato membro dovrà allineare la propria legge sulla privacy al nuovo regolamento. Si attendono quindi le decisioni del Garante Privacy in merito agli interventi di adeguamento alla normativa italiana che, ricordiamo, è il Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali D.Lgs. n. 196/2003 in vigore dal 1 gennaio 2004. Per informazioni 800300333 o contattateci!
27
Feb

Quanto è complesso tutelare il diritto alla PRIVACY? Quando entra in vigore il Regolamento europeo n. 679/16 in materia di protezione dei dati?

La Società MODI SRL ha ben chiara l'importanza della Privacy
Il DIRITTO ALLA PRIVACY nell’era di internet e della globalizzazione, è diventato il diritto all’identità personale. Tutelare questo diritto sta diventando giorno dopo giorno sempre più complesso, in quanto non è più possibile gestirlo con singole misure tecniche/legislative valide peraltro in modo diverso da nazione a nazione. Esso richiede una visione sovranazionale e complessiva della problematica, che consideri tutti i fattori specifici in gioco.
Occorre quindi seguire quello che gli addetti ai lavori chiamano un “approccio sistemico” , guardare cioè al processo di trattamento da tutelare come un componente che vive e si evolve all’interno di un sistema più ampio che è il sistema azienda, il quale a sua volta è inserito in un contesto ormai di dimensioni mondiali.
MODI S.r.l. di Mestre e Spinea (VE) avvisa le aziende che dal 25 Maggio 2016 è entrato in vigore il Regolamento europeo n. 679/2016 in materia di protezione dei dati personali che diventerà definitivamente applicabile in tutti i Paesi UE a partire dal 25 maggio 2018, data entro la quale ogni stato membro dovrà allineare la propria legge sulla privacy al nuovo regolamento. Si attendono quindi le decisioni del Garante Privacy in merito agli interventi di adeguamento alla normativa italiana che, ricordiamo, è il Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali D.Lgs. n. 196/2003 in vigore dal 1 gennaio 2004. Per informazioni 800300333 o contattateci!
 
 
13
Gen

DALL’INAIL OLTRE 244 MILIONI DI EURO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

 
Pubblicato a fine anno 2016 il nuovo bando ISI per sostenere le imprese che intendono realizzare progetti di miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.
Sono ammessi a contributo:
1. Progetti di investimento;
2. Progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale;
3. Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto;
4. Progetti per micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività.
I destinatari del bando sono le imprese, anche individuali, iscritte alla Camera di Commercio Industria, Artigianato ed Agricoltura. Sono escluse quelle che erano già state ammesse a contributo con gli Avvisi Inail 2012, 2013, 2014 e 2015.
Le imprese potranno presentare un solo progetto e per una sola unità produttiva su tutto il territorio nazionale. I fondi a disposizione, pari a circa 244 milioni di euro, sono ripartiti in budget regionali e il contributo erogato è pari al 65% delle spese sostenute per la realizzazione del progetto, per un massimo di 130.000 euro (50.000 euro per i progetti di cui al punto 4).
La partecipazione al bando prevede tre fasi successive: inserimento online del progetto, inserimento del codice identificativo e invio del codice identificativo (click-day). Dal 19/04/2017 al 5/06/2017, le aziende interessate a partecipare e registrate nel portale Inail, avranno a disposizione un’applicazione per la compilazione on line della domanda, che consentirà di effettuare simulazioni per verificare il raggiungimento del punteggio “soglia” di ammissibilità e salvare la domanda inserita.
A partire dal 12/06/2017 inizierà la seconda fase: le imprese che hanno raggiunto la soglia minima di ammissibilità e salvato la domanda potranno accedere nuovamente alla procedura informatica ed effettuare il download del proprio codice identificativo.
Nella terza e ultima fase, denominata click-day, le imprese potranno inviare attraverso lo sportello informatico la domanda di ammissione al contributo, utilizzando il codice identificativo attribuito. I contributi sono a fondo perduto e vengono assegnati fino all’esaurimento delle risorse disponibili, secondo l’ordine cronologico di invio della domanda.
MODI S.r.l. fornisce assistenza alle Aziende relativamente ai progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale sia nella fase di ottenimento del finanziamento che di realizzazione dei progetti finanziati.
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.ite www.corsionlineitalia.it. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it
 
OLTRE 244 MILIONI DI EURO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO....continua a leggere su https://www.modiq.it/
 
OLTRE 244 MILIONI DI EURO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO....continua a leggere su https://www.modiq.it/
12
Gen

Consulenze riguardanti un sistema di gestione qualità ISO 9001:15 e ISO 14001:15

 
Lo staff di Consulenti di Organizzazione aziendale della Società MODI SRL con sedi in Mestre e Spinea Venezia  accompagnano l’Azienda Cliente durante tutto il percorso che va dalla prima fase (Analisi Ambientale Iniziale), sino all’ottenimento della certificazione ISO 14001:2015
Fasi di realizzazione di un progetto ISO 14001:2015
Analisi Ambientale Iniziale
è rivolta a classificare gli aspetti ambientali dell’Azienda, gli impatti ambientali derivanti dagli aspetti, la loro significatività e tutte le leggi, i regolamenti e le altre prescrizioni legali applicabili. Il risultato di tale attività è il documento “Analisi Ambientale Iniziale” con allegato il registro degli effetti ambientali. L’Analisi Ambientale Iniziale è l’elemento di partenza necessario per il successivo sviluppo dell’impianto documentale del Sistema di Gestione Ambientale.
Attuazione del Progetto
è la fase di attuazione operativa del Sistema di Gestione Ambientale. Attraverso una serie di incontri tra esperti in consulenza della MODI e il Responsabile della Direzione che farà intervenire, quando necessario, il personale dell’Azienda che verrà di volta in volta ritenuto più idoneo allo sviluppo degli argomenti specifici, viene realizzata la documentazione prevista e, di pari passo, vengono applicate le procedure ad essa connesse
Audit finale e assistenza in fase di certificazione
dopo il completamento dell’impianto documentale e la sua applicazione operativa, viene eseguito un audit finale che precede la verifica dell’organismo di certificazione. Oltre alla rilevazione di eventuali elementi critici, l’audit finale permette di qualificare il personale interno dell’Azienda per l’esecuzione degli audit del Sistema di Gestione Ambientale. Il progetto si conclude con l’affiancamento e l’assistenza al personale dell’Azienda durante le varie sessioni di verifica da parte dell’organismo di certificazione.
Per un primo contattato telefonare al numero verde 800300333 per un check-up iniziale gratuito. In sede d’incontro verranno rilevate e valutate le caratteristiche relative all’organizzazione e raccolti elementi utili per una proposta di consulenza
 
20
Dic

D.Lgs 231/01 – Modelli di Organizzazione e Gestione – RISPOSTE ALLE DOMANDE PIU’ FREQUENTI – FAQ

MOG231.it by MODI SRL si avvale di un team di professionisti specializzati in varie discipline specifiche e complementari con competenze legali, organizzative e di risk management in grado di offrire al Cliente un supporto efficace nel processo di adozione di un Modello di Organizzazione e Gestione ritagliato sulle caratteristiche dell’Impresa. Nel sito a disposizione documenti utili quali le FAQ ovvere le risposte alle domande più frequenti. Per informazioni telefonare al numero verde 800300333 ufficio Spinea 0415412700
faq risposta domande frequenti
15
Dic

Dgr 2120: obbligo adozione MOG231 per gli OdF che vogliono lavorare con la Regione Veneto

Gli OdF che vogliono lavorare con la Regione Veneto devono seguire quanto indicato nel Dgr 2120 del 30 dicembre 2015 e considerare che ora l'iter di accreditamento prevede per gli Odf e per gli  Enti accreditati ai  servizi al lavoro l'adozione di un modello organizzativo Dlgs 231 e la costituzione di un Organismo di Vigilanza. L'affidamento di incarico dei membri dell'ODV deve essere con personale qualificato e esterno ai vertici dell'organizzazione. Questa documentazione deve essere prodotta entro la fine del 2016. MODI SRL si offre per consulenze. Per iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari su questo tema, potete chiamare il numero verde 800300333 raggiungibile anche da mobile o visitare i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it e www.corsionlineitalia.it. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it
17
Nov

MODI SRL assume l’incarico di membro dell’Organismo di Vigilanza per le aziende con sede in Veneto e nel nord est.

   
Chi può assumere l'incarico di membro dell’Organismo di Vigilanza?
Per poter assolvere in modo esaustivo i propri delicati ed onerosi compiti di vigilanza l'ODV deve essere dotato, come specifica il D.Lgs. n. 231/2001 [articolo 6, 1° comma, lett. b) D. Lgs. n. 231/2001] di autonomi poteri di iniziativa e di controllo, ovvero di strumenti adeguati per poter verificare l'idoneità e la puntuale e completa attuazione delle procedure codificate per la prevenzione degli illeciti e in ciascuna delle aree di rischio individuate in seno all'ente.
Fondamentale risulta l'autonomia nei confronti degli organi di direzione ed amministrazione dell'ente che deve caratterizzare le fasi dell' “iniziativa” e del “controllo”.
 
Per quanto attiene alle aziende di piccole dimensioni, al fine di non gravare eccessivamente in termini economici sulle medesime, il legislatore consente di affidare i compiti demandati all’organismo di vigilanza direttamente all'amministratore della società o al socio responsabile della stessa, preoccupandosi in tal modo di non gravare sulla piccola impresa obbligandola a sopportare costi sicuramente eccessivi e non commisurati all’obiettivo della legge. E' però del tutto evidente, che da un punto di vista pratica, la capacità di vigilanza risulta notevolmente attenuata, anche per un evidente conflitto di interesse. Il corretto ed efficace svolgimento dei compiti di vigilanza affidati dalla Legge all'organismo di vigilanza (ODV) sono presupposti indispensabili e assolutamente inderogabili per l'esonero dalla responsabilità, sia che il reato sia stato commesso dai soggetti “apicali” sia che sia stato commesso dai soggetti sottoposti all'altrui direzione. Questo è il senso dell'art. 7, comma 4, del D.Lgs. 231/2001 il quale prevede che l'efficace attuazione del modello richiede, oltre all'istituzione di un sistema disciplinare, una sua verifica periodica, che ragionevolmente può essere attuata solo da parte dell'organismo a ciò appositamente dedicato. Maurizio Billi è il referente in Modi Srl Consulenza Formazione per i modelli di organizzazione e gestione D.lgs 231/2001 e assume anche il ruolo di ODV Organismo di Vigilanza. Contattando la segreteria organizzativa al numero verde 800300333 ci si può iscrivere al corso " MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE EX. D.LGS. 231/01.
Per ulteriori informazioni contattateci al numero verde gratuito anche da telefoni cellulari e smartphone 800300333, via e-mail mog231@gmail.como visitate il sito www.mog231.it.
16
Nov

Il corretto ed efficace svolgimento dei compiti di vigilanza affidati dal D.Lgs. 231/2001 all’organismo di vigilanza sono presupposti indispensabili e assolutamente inderogabili per l’esonero dalla responsabilità.

Il corretto ed efficace svolgimento dei compiti di vigilanza affidati dalla Legge all'organismo di vigilanza (ODV) sono presupposti indispensabili e assolutamente inderogabili per l'esonero dalla responsabilità, sia che il reato sia stato commesso dai soggetti “apicali” sia che sia stato commesso dai soggetti sottoposti all'altrui direzione. Questo è il senso dell'art. 7, comma 4, del D.Lgs. 231/2001 il quale prevede che l'efficace attuazione del modello richiede, oltre all'istituzione di un sistema disciplinare, una sua verifica periodica, che ragionevolmente può essere attuata solo da parte dell'organismo a ciò appositamente dedicato.
Per quanto attiene alle aziende di piccole dimensioni, al fine di non gravare eccessivamente in termini economici sulle medesime, il legislatore consente di affidare i compiti demandati all’organismo di vigilanza direttamente all'amministratore della società o al socio responsabile della stessa, preoccupandosi in tal modo di non gravare sulla piccola impresa obbligandola a sopportare costi sicuramente eccessivi e non commisurati all’obiettivo della legge. E' però del tutto evidente, che da un punto di vista pratica, la capacità di vigilanza risulta notevolmente attenuata, anche per un evidente conflitto di interesse.
I principali requisiti che l'organismo di Vigilanza 231 deve possedere sono l’autonomia ed indipendenza, onorabilità e professionalità.
Maurizio Billi e Matteo Scomparin sono i referenti in Modi Srl Consulenza Formazione per i modelli di organizzazione e gesrione D.lgs 231/2001 e assumono anche il ruolo di ODV Organismo di Vigilanza. Contattando la segreteria organizzativa al numero verde 800300333 ci si può iscrivere al seminario del 21/03/16 Dgr 2120.
Per ulteriori informazioni contattaci via e-mail mog231@gmail.como visitate il sito www.mog231.it.
15
Nov

Servizi utili al datore di lavoro per la gestione della sua impresa erogato da MODI – Qualità, Ambiente, Sicurezza, Modelli Organizzativi 231, ruolo in ODV e Rspp in esterno

Ci siamo fatti in quattro per offrire alla nostra Clientela servizi di consulenza che possano aiutarli a gestire l'azienda a 360 gradi. La salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, i modelli organizzativi, il ruolo di RSPP in esterno, ODV, i sistemi di gestione QUALITA', AMBIENTE, SICUREZZA, gli adempimenti Privacy, l'Haccp, la forrmazione online. Tra i più richiesti i servizi più utili al datore di lavoro per la gestione della sua impresa come la realizzazione e il mantenimento di Sistemi di gestine Qualità, Ambiente, Sicurezza, Modelli Organizzativi 231, ruolo in ODV e Rspp in esterno. Per un sopralluogo gratuito visionare i nostri siti www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it e www.mog231.it. Per informazioni telefonare gratis anche da mobile al numero verde 800300333.
15
Nov

Servizi utili al datore di lavoro per la gestione della sua impresa erogato da MODI – Qualità, Ambiente, Sicurezza, Modelli Organizzativi 231, ruolo in ODV e Rspp in esterno

Ci siamo fatti in quattro per offrire alla nostra Clientela servizi di consulenza che possano aiutarli a gestire l'azienda a 360 gradi. La salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, i modelli organizzativi, il ruolo di RSPP in esterno, ODV, i sistemi di gestione QUALITA', AMBIENTE, SICUREZZA, gli adempimenti Privacy, l'Haccp, la forrmazione online. Tra i più richiesti i servizi più utili al datore di lavoro per la gestione della sua impresa come la realizzazione e il mantenimento di Sistemi di gestine Qualità, Ambiente, Sicurezza, Modelli Organizzativi 231, ruolo in ODV e Rspp in esterno. Per un sopralluogo gratuito visionare i nostri siti www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it e www.mog231.it. Per informazioni telefonare gratis anche da mobile al numero verde 800300333.