1 rischio elettromagnetico Archives - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Posts from the ‘rischio elettromagnetico’ Category

5
Dic

Cosa prevede la direttiva sui campi elettromagnetici?

 
Il 29 giugno 2013 è entrata in vigore la direttiva sulle disposizioni minime di sicurezza e di salute relative all’esposizione dei lavoratori ai rischi derivanti dagli agenti fisici - campi elettromagnetici (direttiva 2013/35/UE). Nel 2016, con Decreto Legislativo n. 159 del 1 agosto 2016, viene data attuazione alla Direttiva 2013/35/UE sulle disposizioni minime di sicurezza e di salute relative all'esposizione dei lavoratori ai rischi derivanti dagli agenti fisici (campi elettromagnetici). Tale direttiva abroga la direttiva 2004/40/CE ed è entrata in vigore a partire dal 2 settembre 2016 apportando modifiche dirette al Decreto Legislativo 81/2008. La direttiva 2013/35/UE prevedeva che ogni stato membro della Comunità europea recepisse formalmente (entro il 1° luglio 2016) i limiti di esposizione ai campi elettromagnetici e le prescrizioni sulle misure di sicurezza. Il Decreto Legislativo 159/2016 apporta modifiche dirette al Capo IV (artt. da 206 a 212) del Titolo VIII del Decreto Legislativo 81/2008 prevede la definizione di misure più specifiche per assicurare un’adeguata protezione dei lavoratori, garantendo inoltre l’efficacia delle misure di protezione dei lavoratori esposti a campi elettromagnetici attraverso l’impostazione di valori limite adeguati (indicati nell’Allegato XXXVI al Decreto Legislativo 81/2008, che è stato integralmente sostituito) e fornendo ai datori di lavoro informazioni per la gestione del rischio. MODI S.r.l. con sedi nelle città di Mestre e Spinea Venezia organizza corsi e seminari su questo specifico argomento e esegue con i propri tecnici qualificati le valutazioni sul rischio da esposizione a campi elettromagnetici. Per visionare le FAQ e approfondire l'argomento cliccare qui.
MODI S.R.L. in qualità di Centro di Formazione AIFOS organizza nelle aule corsi di Mestre, Spinea, Marghera Venezia, corsi per RSPP Datori di Lavoro. A distanza e cioè con i corsi online gli RSPP Datore di Lavoro possono seguire i corsi di aggiornamento obbligatorio da farsi ogni 5 anni. Vasta offerta formativa anche per lavoratori, dirigenti, preposti, addetti al primo soccorso, antincendio, incaricati uso attrezzature di lavoro (gru, carrelli, PLE, ecc.).
Per le recensioni, opinioni espresse dai nostri Clienti e Allievi cliccare qui.
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.  
24
Ott

Cerchi un corso per lavoratori che svolgono attività in ambienti confinati o sospetti di inquinamento? spazio confinato

Sono spesso mortali gli incidenti che avvengono in "ambienti confinati o sospetti di inquinamento" e coinvolgono generalmente più lavoratori. Eseguire lavori all'interno delle botti per fermentazione di vino, silos, cunicoli, condotte, cisterne o vasche è estremamente pericoloso. Come si può ridurre il rischio legato agli ambienti confinati? L’esposizione al rischio può essere ridotta attraverso l’esecuzione del lavoro con metodologie che evitino l’accesso e l’esecuzione dello stesso nell’ambiente confinato. La pianificazione del lavoro e/o il differente approccio possono ridurre la necessità di lavorare negli spazi confinati. Ulteriore elemento di valutazione è verificare se il lavoro da eseguire, così come programmato, è realmente necessario, o si potrebbe:
  • modificarlo in modo da non entrare nello spazio confinato;
  • effettuarlo all’esterno, ad esempio utilizzando videocamere manovrate a distanza per le attività di ispezione interne dei recipienti.
È necessaria una corretta identificazione, classificazione e valutazione del rischio presente negli "Spazi Confinati" prima di eseguire qualsiasi tipo di intervento. La formazione e la prevenzione è il primo passo per ridurre gli infortuni sul lavoro in ambienti confinati e non. Nel valutare il rischio negli ambienti con sospetto d’inquinamento è necessario effettuare un'analisiprecisa e attenta delle attrezzature minime da adottare come per esempio per gli interventi di pronto soccorso (art. 4 del D.M. 388/03) che potrebbe rendere necessario dotarsi di un defibrillatore con conseguente formazione all'uso da parte della squadra di primo soccorso. L'attuale D.P.R. 177/11 non è per nulla esaustivo e chiaro nel dare risposte agli operatori della sicurezza che devono affrontare queste tematiche. Per visionare le FAQ e approfondire l'argomento cliccare qui. Per le recensioni, opinioni espresse dai nostri Clienti e Allievi cliccare qui
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari sugli "ambienti confinati" o sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro intesa a 360° chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.
10
Ott

Cos’è un campo elettromagnetico e cosa prescrive il D.Lgs. 81/2008 e s.m.i in merito all’esposizione a campi elettromagnetici?

Cos’è un campo elettromagnetico e cosa prescrive il D.Lgs. 81/2008 e s.m.i in merito all’esposizione a campi elettromagnetici? Un campo elettromagnetico è un fenomeno fisico che consiste nell’esistenza contemporanea di un campo elettrico e di un campo magnetico, è generato localmente da una qualunque distribuzione di carica elettrica variabile nel tempo e si propaga sotto forma di onde elettromagnetiche.
Ogni qual volta si verifica una variazione di campo elettrico o di campo magnetico si genera nello spazio un campo elettromagnetico che si propaga a partire dalla sorgente.
Il capo IV Titolo VIII del D.Lgs. 81/2008 prescrive che il datore di lavoro valuti e, quando necessario, calcoli i livelli dei campi elettromagnetici (da 0 Hz a 300 GHz) ai quali sono esposti i lavoratori; in particolare le disposizioni riguardano la protezione dai rischi per la salute e sicurezza dovuti agli effetti nocivi a breve termine derivanti dalla circolazione di correnti indotte e dall’assorbimento di energia, e da correnti di contatto.
MODI S.r.l. con sede nelle città di Mestre e Spinea Venezia organizza corsi e seminari su questo specifico argomento e esegue con i propri tecnici qualificati le valutazioni sul rischio da esposizione a campi elettromagnetici.
Per visionare le FAQ e approfondire l'argomento cliccare qui.
Per le recensioni, opinioni espresse dai nostri Clienti e Allievi cliccare qui.
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.
5
Mar

Quando diventa obbligatoria la valutazione dell’esposizione ai campi elettromagnetici e chi sono i soggetti a rischio esposizione?

 
Quando diventa obbligatoria la valutazione dell’esposizione ai campi elettromagnetici e chi sono i soggetti a rischio esposizione? La valutazione dell’esposizione ai campi elettromagnetici, limitatamente alle disposizioni generali, è obbligatoria dal 15 maggio 2008, la data di entrata in vigore del Testo Unico della Sicurezza. Le disposizioni e il rispetto dei valori limite e di azione previsti dal Decreto Legislativo n. 159 in modifica del Capo IV del Titolo VIII del D.Lgs. 81/2008 sono entrate in vigore a partire dal 2 agosto.
Secondo la definizione dell’art.2, comma 1, lettera f), della legge 36/2001, la legge quadro sulla protezione dai campi elettromagnetici, per esposizione si intende “ogni tipo di esposizione dei lavoratori e delle lavoratrici che, per la loro specifica attività lavorativa, sono esposti a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici”. Sono quindi da intendersi esposizioni di carattere professionale quelle strettamente correlate e necessarie alle finalità del processo produttivo. Le esposizioni indebite a sorgenti non correlate con la specifica attività dei lavoratori che non ricadono sotto la gestione del datore di lavoro devono essere contenute, a carico dei gestori, entro i limiti vigenti per la tutela della popolazione. MODI S.r.l. con sedi nelle città di Mestre e Spinea Venezia organizza corsi e seminari su questo specifico argomento e esegue con i propri tecnici qualificati le valutazioni sul rischio da esposizione a campi elettromagnetici.
Per visionare le FAQ e approfondire l'argomento cliccare qui. Per le recensioni, opinioni espresse dai nostri Clienti e Allievi cliccare qui. Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.  
25
Lug

CAMPI ELETTROMAGNETICI – entrati in vigorei limiti di esposizione europei dal 1 luglio 2016.

Entrati  in vigorei limiti di esposizione europei dal 1 luglio 2016.
Ogni datore di lavoro deve effettuare una valutazione per tutti i rischi ai quali i lavoratori possono essere esposti durante la propria attività, campi elettromagnetici compresi.
La mancata valutazione comporta le seguenti sanzioni:
  • Arresto da 3 a 6 mesi o ammenda da € 2.500,00 a € 6.400,00 (art. 219 c. 1 lett. a).
  • Arresto da 3 a 6 mesi o ammenda da € 2.000,00 a € 4.000,00 (art. 219 c. 1 lett. b).
ma non saranno sanzionabili gli eventuali inadempimenti a specifici articoli del ns. D.Lgs 81/08, Titolo VIII, Capo IV
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero verde 800300333 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.ite www.corsionlineitalia.it. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it
19
Lug

Valutazione del Rischio da Campi Elettromagnetici

Qual è il processo di valutazione del rischio elettromagnetico?
La valutazione del rischio si può organizzare in questo modo: censimento, cioè identificazione, determinazione del tipo di radiazione emessa e delle modalità di emissione, collocazione materiale in azienda. Individuazione di quelle eventualmente giustificabili sulla base della loro classificazione che non richiedono una valutazione del rischio approfondita. Identificazione dei compiti lavorativi che espongono gli addetti al rischio e individuazione degli addetti che ne risultano esposti. Identificazione delle aree potenzialmente soggette a divieto di accesso. Calcolo delle grandezze fisiche che risulta necessario valutare in corrispondenza degli organi bersaglio. Valutazione dell’esposizione e confronto normativo. Definizione dell'eventuale programma di azione (bonifica).
Per un sopralluogo gratuito in azienda e consulenza, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero verde 800300333 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.ite www.corsionlineitalia.it. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it