1 RISPARMIO ENERGETICO Archives - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Posts from the ‘RISPARMIO ENERGETICO’ Category

28
Set

Ecobonus e Bonus 50%, nel 2017 investimenti per 28 miliardi di euro

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23128/09/2017 – Gli interventi di riqualificazione energetica e ristrutturazione edilizia degli edifici continuano a registrare numeri da record anche nel 2017. È quanto emerge dal dossier predisposto dal servizio studi della Camera in collaborazione col Centro ricerche economiche sociali di mercato per l'edilizia e il territorio (Cresme). Ecobonus e ristrutturazioni, investiti più di 28 miliardi di euro Gli incentivi fiscali per il recupero edilizio e per la riqualificazione energetica hanno interessato dal 1998 al 2017 16 milioni di interventi, ossia il 62% del numero di famiglie italiane stimato dall’ISTAT pari a 25,9 milioni. Nello stesso periodo le misure di incentivazione fiscale hanno attivato investimenti pari a 264 miliardi di euro, di cui 229,4 miliardi hanno riguardato il recupero edilizio e 34,6 miliardi la riqualificazione energetica. Nel 2016 indica il volume di investimenti è stato pari a 28.243 milioni di euro, di cui.. Continua a leggere su Edilportale.com
27
Set

Sismabonus, Delrio: ‘proporremo la totale detraibilità della diagnosi sismica’

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23127/09/2017 – Totale detraibilità della diagnosi sismica degli edifici e miglioramento delle detrazioni per gli interventi di messa in sicurezza antisismica e efficientamento energetico degli edifici. Sono le novità che potrebbero approdare nella Legge di Bilancio secondo quanto anticipato dal Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, durante il convegno “Ecobonus e Sismabonus – La grande occasione per la sicurezza e l’efficienza energetica della casa” organizzato dall’Associazione nazionale costruttori edili (Ance). “Sismabonus ed Ecobonus – ha affermato Delrio - andranno migliorate con la legge di stabilità prossima, ma sono già disponibili: ci auguriamo che vengano utilizzate specialmente nelle zone sismiche a più alta pericolosità e in tutta Italia”. “Gli italiani – ha aggiunto - devono investire molto su questa misura che il Governo ha.. Continua a leggere su Edilportale.com
26
Set

Confartigianato: 2,8 milioni di italiani pronti a ristrutturare casa

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23126/09/2017 - Sono 2.771.000 i proprietari di immobili intenzionati ad effettuare nei prossimi 12 mesi un intervento di manutenzione sulla propria abitazione. Lo rivela un’analisi di Confartigianato sull’utilizzo degli incentivi fiscali per le ristrutturazioni edili e il risparmio energetico. Tra ottobre 2010 e luglio 2017 le famiglie italiane hanno speso 169,1 miliardi di euro, pari ad una media di 24,7 miliardi l’anno, per ristrutturare casa e per renderla più efficiente dal punto di vista energetico. La spesa rilevata nei dodici mesi tra giugno 2016 e luglio 2017 è aumentata dello 0,6% su base annua. In crescita soprattutto la richiesta di incentivi per gli interventi di risparmio ed efficienza energetica: nel 2016 sono state presentate 408.032 domande, per un spesa complessiva di 3,4 miliardi di euro, con un aumento del 21,5% del numero di domande rispetto al 2015. A livello.. Continua a leggere su Edilportale.com
19
Set

Ecobonus condomìni, attivo il portale Enea per i lavori sulle parti comuni

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23119/09/2017 -  Da oggi sarà possibile inviare all'ENEA, tramite il portale finanziaria 2017 , la documentazione relativa agli interventi realizzati su parti comuni di edifici condominiali che posseggano i requisiti per usufruire delle detrazione del 70 e 75%. Il portale era attivo da marzo per l’invio telematico della documentazione necessaria ad usufruire delle detrazioni fiscali del 65%, per gli interventi di riqualificazione energetica del patrimonio edilizio esistente terminati nel 2017. La documentazione da trasmettere all’ENEA sarà: - scheda tecnica redatta da un tecnico abilitato, con i dati di cui all’Allegato A al “decreto edifici” opportunamente modificato e integrato ; - scheda descrittiva dell’intervento (Allegato E”). I documenti certificheranno che l’intervento abbia rispettato i seguenti requisiti tecnici: - riguardi le parti comuni di edifici condominiali.. Continua a leggere su Edilportale.com
18
Set

Shopping centre, sempre più green e con architetture di impatto

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23118/09/2017 – Sono luoghi per lo shopping, comodi perché hanno ampi parcheggi e gallerie commerciali coperte e sempre climatizzate. Negli anni anche questi colossi stanno attuando scelte per essere più sostenibili, riducendo i consumi energetici. La concorrenza spinge inoltre a scelte architettoniche accattivanti, in grado di attrarre i clienti e rendere piacevole la permanenza all’interno. Il potenziale dei centri commerciali è enorme tanto che il ‘Consiglio Nazionale dei Centri Commerciali’ premia ogni anno gli shopping centre più virtuosi sul piano tecnico, della sostenibilità e della qualità architettonica. Vediamo qualche shopping centre che risponde a questi crtieri. Scalo Milano – Locate di Triulzi, Milano Inaugurato nel 2016, è nato su un’ex area industriale, dove sorgeva la vecchia fabbrica della Saiwa. La scelta architettonica ha voluto mantenere un legame con la storia.. Continua a leggere su Edilportale.com
18
Set

Edifici green, valgono di più e si vendono più in fretta

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23118/09/2017 - Gli immobili green valgono di più. Ad affermarlo sono gli istituti di ricerca Scenari Immobiliari e Johnson Controls, che durante la venticinquesima edizione del Forum Scenari hanno presentato il primo osservatorio sulla sostenibilità in edilizia. I vantaggi dell’edilizia green Il documento “Il costruito per gli uomini del domani; osservatorio sulla sostenibilità ambientale: focus sull’efficienza energetica e sulla sicurezza” spiega che un investimento in un’operazione immobiliare sostenibile comporta incrementi di costi di costruzione o di ristrutturazione fra il 5 e il 10% del totale, ma consente di realizzare incrementi di valore (tra il 2 e il 10%), canoni sensibilmente superiori (tra il 2 e l’8%) e forte diminuzione dei tempi di vendita (da 8 a 4 mesi). Ma non solo, perchè i vantaggi riguardano ogni fase del ciclo di vita del dell’immobile. Investire in edifici efficienti, prima.. Continua a leggere su Edilportale.com
15
Set

Ecobonus per privati e condomìni, le Entrate aggiornano la Guida

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23115/09/2017 – Come usufruire delle agevolazioni per il risparmio energetico, sia per le singole unità immobiliari sia per le parti comuni degli edifici condominiali, e come trasferire il credito di incapienti e condomini. Queste le informazioni che l’Agenzia delle Entrate fornisce nella guida aggiornata alle agevolazioni per il risparmio energetico in cui distingue tra le regole in vigore per le spese sostenute fino al 31 dicembre del 2016 e le novità in vigore dal primo gennaio del 2017 e fino al 2021. Ecobonus condomini Tra le novità, le Entrate segnalano le detrazioni più elevate per gli interventi di riqualificazione energetica di parti comuni degli edifici condominiali attraverso i quali si raggiungono determinati indici di prestazione energetica. In particolare, la detrazione, da ripartire sempre in 10 rate annuali di pari importo, spetta nelle seguenti misure: 1) 70%, se gli interventi riguardano l’involucro dell’edificio.. Continua a leggere su Edilportale.com
8
Set

FER non fotovoltaiche, GSE: al 31 luglio richiesti incentivi per 5,395 miliardi di euro

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23108/09/2017 - Arrivano dal Gestore dei Servizi Energetici (GSE) i periodici aggiornamenti dei contatori relativi agli incentivi agli impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili non fotovoltaiche e al Conto Termico. Rinnovabili non fotovoltaiche Lo scorso 31 luglio il contatore degli incentivi alle fonti rinnovabili non fotovoltaiche ha raggiunto quota 5,395 miliardi di euro, avvicinandosi così al tetto 5,8 miliardi di euro fissato dalla normativa. Il GSE rileva il significativo incremento di piccoli impianti che hanno fatto richiesta di incentivazione in accesso diretto ai sensi del DM 23 giugno 2016 e segnala una lieve diminuzione del contatore (-45 milioni di euro), principalmente a seguito del leggero rialzo del prezzo di riferimento dell’energia elettrica. Nel contatore rientrano gli oneri di incentivazione riguardanti gli impianti CIP 6 (quota rinnovabile), l’incentivo sostitutivo dei Certificati.. Continua a leggere su Edilportale.com
6
Set

Alto Adige, in vigore le nuove direttive CasaClima

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23106/09/2017 - Sono in vigore dal 1° settembre le nuove direttive tecniche per il recupero energetico dell’edilizia esistente elaborate da CasaClima, l’Agenzia altoatesina per l’Energia. La Direttiva ‘Edifici esistenti & Risanamento’ In virtù dell’esperienza maturata negli ultimi anni sui temi dell’edilizia di qualità, l’Agenzia CasaClima ha riunito e standardizzato in un’unica Direttiva le diverse disposizioni tecniche per il recupero energetico dell’esistente. La Direttiva Tecnica ‘Edifici esistenti & Risanamento’ è il documento di riferimento in Provincia Autonoma di Bolzano per la certificazione CasaClima di edifici esistenti o risanati secondo la tabella 1. Le disposizioni della Direttiva Tecnica si applicano agli interventi la cui richiesta di certificazione è posteriore alla data di entrata in vigore della stessa (1° settembre 2017). In fase.. Continua a leggere su Edilportale.com
4
Set

Caldo e afa, gli antichi li sconfiggevano a impatto zero

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23104/09/2017 – L’estate caldissima, con temperature da record, che si sta concludendo ha reso indispensabili sistemi per il raffrescamento degli ambienti. L’uso di condizionatori deve fare però i conti con le bollette e le emissioni inquinanti, rivelandosi alla fine una scelta non sempre sostenibile. Un aiuto potrebbe arrivare dall’antichità. Soluzioni geniali che hanno saputo sfruttare le condizioni climatiche dei luoghi. Vediamo qualche esempio. Torri del vento Si trovano in Iran, prevalentemente nella zona della città di Yazd, caratterizzata da un clima caldo e arido. Sono alte circa 30 metri e hanno la funzione di generare correnti d’aria in grado di contrastare il caldo. Funzionano asportando aria calda dall'interno dell'edificio durante il giorno e immettendo aria fresca dall'esterno durante la notte. Vasche di acqua sotterranee umidificano e raffreddano ulteriormente l’aria. Foto: 123rf.com Muro.. Continua a leggere su Edilportale.com