1 RISPARMIO ENERGETICO Archives - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Posts from the ‘RISPARMIO ENERGETICO’ Category

19
Apr

Ristrutturazioni con risparmio energetico, cosa accade se non si inviano i dati all’Enea?

19/04/2019 – La trasmissione dei dati all’Enea degli interventi edilizi e tecnologici che beneficiano del bonus ristrutturazioni ma comportano anche risparmio energetico e/o utilizzo delle fonti rinnovabili, seppure obbligatoria per il contribuente, non fa venir meno, se non effettuata, il diritto al bonus, dal momento che non è prevista alcuna sanzione nel caso non si provveda all’adempimento.   A chiarirlo l’Agenzia delle Entrate nella Risoluzione 46/E del 18 aprile 2019, con cui risponde alla richiesta in merito alle conseguenze derivanti dalla mancata comunicazione dei dati sui lavori.   Lavori edilizi con risparmio energetico: la questione dell’invio dati all’Enea La ‘questione’ dell’invio dei dati all’Enea nasce con la Legge di Bilancio 2018 che ha introdotto l’obbligo di inviare all’Enea, a partire dal 1° gennaio 2018, una comunicazione legata alla detrazione del 50% sugli..
Continua a leggere su Edilportale.com

19
Apr

Ecobonus e sismabonus, chiarimenti sulla cessione del credito

19/04/2019 – La cessione del credito corrispondente alla detrazione “sismabonus+ecobonus” prevista per i lavori effettuati sui condomini può essere destinata anche a soci lavoratori artigiani di un’impresa edile sub-appaltatrice, in quanto soggetti collegati agli interventi agevolati.   A specificarlo l’Agenzia nella Risposta 109/2019.   Cessione del credito in condominio: il quesito Una società che ha acquisito da un condominio un credito fiscale derivante da detrazioni collegate a interventi di riduzione del rischio sismico e di riqualificazione energetica (sisma bonus + ecobonus) ha chiesto all’Agenzia se fosse possibile cedere il credito (nel limite di una sola ulteriore cessione successiva alla prima) ai soci lavoratori artigiani della impresa edile sub-appaltatrice.   A tal proposito, la società chiede di sapere se tali soci possono essere ricompresi “tra i soggetti collegati all’operazione,..
Continua a leggere su Edilportale.com

12
Apr

Colonnine di ricarica elettrica, ecco come fruire del bonus 50%

12/04/2019 - Il Ministero dello Sviluppo Economico ha pubblicato le regole applicative relative al bonus fiscale per l’acquisto e la posa in opera delle colonnine di ricarica delle auto elettriche. Le nuove norme sono contenute nel DM 20 marzo 2019 che disciplina l’ecobonus per i veicoli a basse emissioni di CO2 elettrici o ibridi. L’articolo 9 del DM è dedicato alle detrazioni fiscali per l’acquisto e la posa in opera di infrastrutture di ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica. Colonnine di ricarica elettrica, bonus 50% Ricordiamo che il comma 1039 dell’art. 1 della Legge di Bilancio 2019 ha introdotto una detrazione fiscale del 50% delle spese sostenute, inclusi i costi iniziali per la richiesta di potenza addizionale fino ad un massimo di 7 kW, per chi installa, dal 1° marzo 2019 al 31 dicembre 2021, infrastrutture di ricarica elettriche, anche nei condomìni. La detrazione va ripartita in 10.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
9
Apr

Pannelli solari, se montati su beni merce non godono dell’ecobonus

09/04/2019 – Una società che svolge attività di locazione immobiliare di beni propri o presi in leasing non può usufruire né dell’ecobonus né del super ammortamento per l’installazione di pannelli solari su uno dei beni aziendali perché manca il requisito della strumentalità. A precisarlo l’Agenzia delle Entrate nella Risposta 95/2019. Ecobonus: non vale per beni merce L’Agenzia ricorda che, in materia di detrazioni d’imposta per la riqualificazione energetica (ecobonus), è stato evidenziato come la norma istitutiva della detrazione per le spese relative all’installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda per usi domestici o industriali fosse finalizzata a incentivare il miglioramento delle prestazioni energetiche degli edifici esistenti attraverso la concessione di un beneficio “…che un’interpretazione sistematica consente di riferire.. Continua a leggere su Edilportale.com
5
Apr

Impianti termici, l’Enea spiega come fruire dell’ecobonus

05/04/2019 – È possibile fruire dell’ecobonus installando una nuova pompa di calore mantenendo, allo stesso tempo, la vecchia caldaia? L’Enea risponde a questo dubbio in alcune Faq relative all’Ecobonus 2019. Ecobonus 65%, i casi in cui si può mantenere la caldaia per l’acs Un contribuente ha chiesto all’Enea se fosse possibile mantenere la vecchia caldaia per la sola produzione di acqua calda (acs) e installare un sistema di pompe di calore per il riscaldamento, usufruendo dell’ecobonus. L’Enea ha risposto che “per usufruire di queste detrazioni, in linea generale, si dovrebbe smantellare il vecchio generatore”; tuttavia, dopo aver sentito il MiSE, per il quale l’obiettivo finale è il conseguimento dell’efficienza energetica, ritiene che il vecchio generatore possa anche non essere rimosso e assolvere unicamente alla produzione di acs. Per fruire dell’agevolazione,.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
4
Apr

Ecobonus, cosa cambia in caso di ‘ristrutturazione profonda’?

04/04/2019 – In caso di ‘ristrutturazione profonda’ di un immobile non tutti gli interventi generalmente agevolati dall’ecobonus, godono della piena detraibilità. Ad evidenziarlo l’Enea in una Faq in cui un contribuente chiedeva se, nel caso di ristrutturazione radicale di un immobile, fosse possibile beneficiare dell’ecobonus per un nuovo impianto termico a pompa di calore e per pannelli solari termici. Ristrutturazioni profonde ed ecobonus L’Enea ricorda che l’allegato 3 del DLgs 28/2011 recita: “Nel caso di edifici nuovi o edifici sottoposti a ristrutturazioni rilevanti, gli impianti di produzione di energia termica devono essere progettati e realizzati in modo da garantire il contemporaneo rispetto della copertura, tramite il ricorso ad energia prodotta da impianti alimentati da fonti rinnovabili, del 50% dei consumi previsti per l’acqua calda sanitaria” e di varie percentuali “della.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
2
Apr

Efficientamento energetico dei locali commerciali, FI propone di ‘superare l’equo canone’

02/04/2019 – Superamento della normativa sull'equo canone nelle locazioni commerciali a fronte di ristrutturazioni con risparmio energetico da parte dei proprietari. Questo l’obiettivo del disegno di legge 1007 presentato da Forza Italia per promuovere interventi energetici anche nel settore non residenziale e, allo stesso tempo, favorire la crescita delle attività commerciali. Efficientamento energetico: le misure per il non residenziale Il ddl concede la possibilità al proprietario del locale non residenziale che realizzi un intervento di efficientamento energetico (riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento; migliora­mento termico mediante coibentazioni, pavimentazioni, finestre ed infissi; installa­zione di pannelli solari; sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale), di derogare alla Legge 392/1978 che regola i rapporti contrattuali fondamen­tali per l’esercizio dell’attività.. Continua a leggere su Edilportale.com   MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
25
Mar

Bonus Casa, i requisiti da rispettare quando si sostituiscono le finestre

25/03/2019 – Se si sostituiscono gli infissi bisogna rispettare requisiti tecnici differenti a seconda della detrazione fiscale che si vuole utilizzare tra bonus ristrutturazione ed ecobonus. A specificarlo l’Enea nelle Faq relative al bonus casa. Sostituzione finestre: i requisiti per il bonus ristrutturazione Se si sostituiscono gli infissi, o un qualsiasi intervento di efficienza energetica, l’Enea ricorda che per accedere alle detrazioni fiscali, anche quelle previste per le ristrutturazioni edilizie (50%,) è necessario rispettare dei requisiti tecnici, anche se differenti rispetto a quelli previsti per l’accesso alle detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica. Per il bonus ristrutturazione i requisiti tecnici da rispettare sono quelli previsti dal DM 26 giugno 2015 “Requisiti Minimi” o dalla legge regionale sostitutiva e riguardano sia l’involucro che gli impianti. SCARICA LA GUIDA DI EDILPORTALE.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
22
Mar

Impianti fotovoltaici, i casi in cui trasmettere la pratica Enea

22/03/2019 – L’installazione di impianti fotovoltaici rientra tra gli interventi di risparmio energetico agevolati con il bonus ristrutturazione per cui è necessario inviare la documentazione all’Enea. Molti contribuenti, però, si sono chiesti se sia necessario trasmettere anche i dati degli eventuali sistemi di accumulo di energia elettrica a servizio degli stessi impianti o per il loro ampiamento. L’Enea ha risposto a questi dubbi nelle nuove Faq sugli interventi che accedono al bonus casa. Sistemi di accumulo per impianti fotovoltaici Per gli impianti fotovoltaici che accedono alle detrazioni fiscali del “Bonus Casa” è necessario trasmettere anche i dati degli eventuali sistemi di accumulo di energia elettrica a servizio degli stessi impianti? L’Enea risponde che non è necessario per gli interventi con data di fine lavori entro il 31 dicembre 2018. Diventa necessario per gli interventi.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
21
Mar

Ecobonus 65%, da Enea chiarimenti sui sistemi di termoregolazione evoluti

21/03/2019 – In un impianto di riscaldamento centralizzato destinato ad una pluralità di utenze, nel caso di sostituzione dei generatori di calore con generatori a condensazione aventi efficienza stagionale maggiore o uguale al 90% si possono installare i sistemi di termoregolazione evoluti delle classi V, VI e VII e quindi fruire dell’aliquota del 65%? La domanda si trova nelle nuove Faq a cui l’Enea dà risposta. Ecobonus 65% e sistemi di termoregolazione evoluti Secondo l’Enea non è possibile installare i sistemi di termoregolazione evoluti ed usufruire dell’ecobonus 65% nel caso prospettato. Per prima cosa, infatti, l’Enea spiega che i sistemi di regolazione evoluti delle classi V, VI VIII sono destinati ad apparecchi di riscaldamento modulanti e agiscono “modulando l’uscita dall’apparecchio di riscaldamento”. Dalle definizioni di questi sistemi di regolazione evoluti.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231