1 RISPARMIO ENERGETICO Archives - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Posts from the ‘RISPARMIO ENERGETICO’ Category

2
Ago

Ecobonus, le imprese: ‘i nuovi limiti favoriranno lavoro nero e prodotti low cost’

02/08/2018 – Se fosse confermato, l’abbassamento dei tetti di costo per ogni tipologia di intervento agevolabile con l’ecobonus dimezzerà la percentuale reale delle detrazioni, favorirà i prodotti low cost e spingerà a tornerare al lavoro in nero. A lanciare l’allarme CNA Impianti e Finco che criticano la bozza di decreto con cui si vuole riformare l’ecobonus. Leggi i contenuti della bozza di decreto Riforma ecobonus: bocciati i nuovi limiti di spesa Secondo Guido Pesaro, Responsabile Nazionale CNA Installazione Impianti, “applicando i nuovi limiti di spesa la percentuale reale delle detrazioni si dimezzerebbe, senza contare gli altri effetti negativi, per i contribuenti, derivanti dal dover coprire direttamente la quota di costo degli interventi che eccede il massimale”. A fronte della minore convenienza degli incentivi, secondo CNA Impianti, ci sarà un graduale ritorno.. Continua a leggere su Edilportale.com   MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
1
Ago

Ecobonus, Rete Irene: ‘il nuovo decreto ridurrà gli edifici riqualificati’

01/08/2018 - È sotto la lente delle imprese la proposta di revisione dei requisiti tecnici degli interventi beneficiari dell’ecobonus e di introduzione di massimali di costo specifici per singola tipologia di intervento, avanzata nei giorni scorsi dal Ministero dello Sviluppo economico. La bozza di decreto - afferma Virginio Trivella, Coordinatore Comitato tecnico scientifico di Rete IRENE, il network di Imprese per la Riqualificazione ENergetica degli Edifici - “apre un importante passaggio legislativo che avrà un notevole impatto sulla capacità del meccanismo di incentivazione di produrre i suoi effetti in un settore, quello dell’edilizia, strategico per il Paese e di interesse per molte categorie professionali”. Secondo l’associazione, “sono apprezzabili alcune novità che potranno essere utili per favorire la diffusione degli interventi di riqualificazione energetica degli edifici profonda.. Continua a leggere su Edilportale.com     MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
27
Lug

Ecobonus, Rete Irene: ‘nuovi massimali del tutto incompatibili con i costi reali’

27/07/2018 - Il decreto che modificherà l’ecobonus “rischia di azzerare il mercato delle riqualificazioni energetiche”. Il contenuto del provvedimento “rappresenta un danno irreparabile per la nostra economia e pone l’Italia in pieno contrasto con le strategie e le politiche concordate a livello europeo”. La pensa così Manuel Castoldi, Presidente di Rete IRENE, il network di Imprese per la Riqualificazione ENergetica degli Edifici, dopo aver letto la bozza di decreto che sta circolando da qualche giorno. “Ci siamo purtroppo resi conto di quanto le istituzioni siano distaccate dalla realtà imprenditoriale, sociale e ambientale del nostro Paese”. “Il nostro non è un grido d’allarme, ma un profondo invito alle istituzioni affinché rivedano quanto stanno per emanare”. La bozza di decreto, ricordiamo, prevede la riduzione di alcuni limiti delle detrazioni complessive e l’introduzione.. Continua a leggere su Edilportale.com     MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
26
Lug

Efficienza energetica, Di Maio: ‘rilanceremo gli incentivi per il residenziale’

26/07/2018 - “Riteniamo necessario valutare soluzioni più efficaci ed efficienti per la promozione e l’incentivazione dell’efficienza energetica nel settore industriale, della piccola e media impresa e nel residenziale”. “Dobbiamo rilanciare gli strumenti di incentivazione al momento disponibili per le PMI e quelli per il settore residenziale”. Lo ha detto il ministro dello Sviluppo Economico, Luigi Di Maio, in occasione del convegno ‘Le rinnovabili al centro della transizione energetica’ organizzato a Roma da ANEV ed Elettricità Futura. Di Maio ha ricordato che nel Contratto di Governo, M5S e Lega si sono impegnati a “sostenere la green economy, l’economia circolare, la ricerca, l’innovazione e la formazione per lo sviluppo del lavoro ecologico e per la rinascita della competitività del nostro sistema industriale, con l’obiettivo di ‘decarbonizzare’ e ‘defossilizzare’.. Continua a leggere su Edilportale.com     MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
25
Lug

Conto Termico, dal GSE il nuovo catalogo apparecchi

20/12/2017 - Il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) ha pubblicato il nuovo Catalogo degli apparecchi domestici pre-qualificati per la produzione di energia termica che beneficiano degli incentivi del Conto Termico (DM 16 febbraio 2016). Il Catalogo è online nella specifica sezione del sito: Conto Termico > Documenti > Catalogo e sarà fruibile direttamente dal Portaltermico consentendo agli utenti di accedere direttamente al meccanismo incentivante tramite una procedura agevolata. Il Catalogo Apparecchi è articolato in 6 sezioni: 1. caldaie a condensazione 2. pompe di calore 3. caldaie a biomasse 4. solare termico 5. scaldacqua a pompa di calore 6. sistemi ibridi Il Catalogo sarà aggiornato periodicamente, pertanto, sarà possibile far richiesta di inclusione di nuovi o ulteriori prodotti nelle successive versioni dello stesso secondo le modalità che saranno rese note dal.. Continua a leggere su Edilportale.com   MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
25
Lug

Sismabonus ed ecobonus, tutte le regole per la cessione del credito

25/07/2018 – L’Agenzia delle Entrate con la circolare 17/E/2018 ha spiegato come cedere il credito corrispondente al Sismabonus e ha fornito qualche chiarimento in più sulla cessione dell’Ecobonus. Le spiegazioni vanno a sommarsi a quelle contenute nella Circolare 11/E/2018 dello scorso maggio. Sismabonus, la cessione della detrazione Ricalcando il meccanismo della cessione del credito definito per l’Ecobonus, l’Agenzia delle Entrate ha ricordato che è possibile cedere il credito corrispondente al Sismabonus per le spese sostenute dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2021 relative ad interventi per l’adozione di misure antisismiche realizzati sulle parti comuni degli edifici condominiali situati nelle zone a rischio sismico 1, 2 e 3 (ex opcm 3274/2003). La cessione del credito corrispondente al Sismabonus è possibile anche per gli interventi di demolizione e ricostruzione, realizzati in zona sismica.. Continua a leggere su Edilportale.com   MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
23
Lug

Ecobonus, i pavimenti danno diritto all’agevolazione?

23/07/2018 – Quando il rifacimento di un pavimento dà diritto alla detrazione per il risparmio energetico? A spiegarlo l’Agenzia delle Entrate tramite la posta di Fisco Oggi. Ecobonus: quando ne fruiscono i pavimenti L’Agenzia ha spiegato che il rifacimento del pavimento fruisce dell’ecobonus quanto rientra tra le strutture opache orizzontali che contribuiscono al risparmio energetico dell’involucro degli edifici esistenti. Si deve, quindi, trattare di pavimenti verso locali non riscaldati o verso l’esterno; tra questi rientrano anche i pavimenti contro terra. Infine, le Entrate specificano che è necessario che il pavimento rispetti i requisiti di trasmittanza termica previsti dal DM 11 marzo 2008 come modificato dal DM 26 gennaio 2010 e gli ulteriori adempimenti posti a carico del contribuente per beneficiare della detrazione. SCARICA LA GUIDA DI EDILPORTALE ALL’ECOBONUS Ecobonus.. Continua a leggere su Edilportale.com   MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
23
Lug

Ristrutturazioni con risparmio energetico, a breve l’invio dei dati all’Enea

23/07/2018 – Presto sarà operativo il sito Enea dedicato alla trasmissione dei dati degli interventi edilizi e tecnologici che comportano risparmio energetico e/o utilizzo delle fonti rinnovabili. Lo comunica l’Enea spiegando che è terminata la fase di realizzazione del sito che è attualmente in fase di test prima della messa online definitiva. Bonus ristrutturazioni: il termine per inviare i dati L’Enea ha anche spiegato che il termine dei 90 giorni dalla data di fine dei lavori per la trasmissione ad ENEA dei dati per gli interventi già ultimati decorrerà dalla data di apertura del sito. Con l’apertura del sito, fa sapere l’Enea, saranno definiti e pubblicati anche i dettagli operativi. Ristrutturazioni: invio dati se c’è risparmio energetico Ricordiamo che la Legge di Bilancio 2018 ha introdotto l’obbligo di inviare all’Enea una comunicazione.. Continua a leggere su Edilportale.com   MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
20
Lug

Ecobonus, le detrazioni fiscali potrebbero subire tagli pesanti

20/07/2018 – Le detrazioni fiscali per gli interventi di efficientamento energetico degli edifici potrebbero subire pesanti tagli. Se le novità contenute in una bozza di decreto che sta circolando in queste ore saranno confermate, i rimborsi relativi ad alcuni lavori saranno nettamente inferiori rispetto al passato.   Il Ministero dello Sviluppo Economico, per attuare quanto previsto dalla legge di Bilancio 2018, da diversi mesi sta ipotizzando di ridurre alcuni limiti delle detrazioni complessive e di introdurre dei massimali specifici di costo parametrati ai metri quadri o alla potenza degli impianti installati.   La Legge di Bilancio 2018 ha già ridotto dal 65% al 50% alcuni bonus. Si tratta di quelli per l’acquisto e posa in opera di finestre comprensive di infissi, acquisto e posa in opera di schermature solari, sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a biomassa e caldaie a condensazione con..
Continua a leggere su Edilportale.com

18
Lug

Ecobonus, cosa succede se l’intestatario della scheda Enea è diverso da quello del bonifico?

18/07/2018 – Per poter usufruire dell’Ecobonus sugli interventi di riqualificazione energetica degli edifici sono necessari una serie di adempimenti. Tra questi il pagamento delle spese con bonifico bancario o postale e l’invio all’Enea della documentazione sui lavori eseguiti. Può capitare che l’intestatario del bonifico non coincida con quello dei documenti inviati all’Enea. In questi casi, ha spiegato l’Agenzia delle Entrate rispondendo ai dubbi di un contribuente, non bisogna fare confusione e ricordare che la detrazione fiscale spetta a chi ha effettivamente sostenuto le spese per la riqualificazione energetica. Ecobonus e intestazione dei documenti I soggetti che possono fruire della detrazione Irpef per gli interventi finalizzati al risparmio energetico sono indicati nella scheda informativa da trasmettere all’Enea. Nel caso in cui non vi sia coincidenza tra il nominativo riportato nella scheda informativa.. Continua a leggere su Edilportale.com   MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231