1 SGSL Archives - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Posts from the ‘SGSL’ Category

9
Dic

Chi effettua le valutazione dei rischi della sicurezza nei luogho di lavoro?

E’ una valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori presenti nell’ambito dell’organizzazione in cui essi prestano la propria attività, finalizzata ad individuare le adeguate misure di prevenzione e di protezione e ad elaborare il programma delle misure atte a garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di salute e sicurezza.
Per ridurre in modo significativo i rischi bisogna fare formazione al personale e effettuare una valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori presenti nell’ambito dell’organizzazione in cui essi prestano la propria attività, finalizzata ad individuare le adeguate misure di prevenzione e di protezione e ad elaborare il programma delle misure atte a garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di salute e sicurezza.
Il datore di lavoro per la sicurezza deve richiedere la collaborazione tecnica dell’RSPP e del medico competente
 
Le attività di competenza esclusivamente del datore di lavoro sono le seguenti:
  • la valutazione di tutti i rischi con la conseguente elaborazione del documento (DVR)
  • la designazione del responsabile del servizio di prevenzione e protezione dai rischi (RSPP)
Per consulenze in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, incarico di RSPP in esterno, realizzazione e mantenimento di Sistemi di Gestione Qualità, Ambiente e Sicurezza, transizione alla norma ISO 45001:2018, formazione obbligatoria lavoratori, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it
 
 
5
Nov

Da cosa deve essere garantito il rispetto della normativa in materia di igiene e sicurezza del lavoro?

 
Il rispetto della normativa in materia di igiene e sicurezza del lavoro, deve essere:
  • garantito dal controllo degli organismi interni all’attività lavorativa;
  • garantito dagli interventi ispettivi delle strutture pubbliche preposte alla vigilanza.
Alcune violazioni in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro costituiscono il presupposto per l’adozione del provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale, per esempio: mancata elaborazione del DVR Documento di Valutazione dei Rischi o del piano di Emergenza ed Evacuazione, mancata formazione ed addestramento, mancata costruzione del servizio di prevenzione e protezione e nomina del relativo responsabile, mancata elaborazione del piano operativo di sicurezza (POS).
Il datore di lavoro che non ottempera al provvedimento di sospensione, a causa di violazioni in materia di SSLL, è punito a seconda della violazione in oggetto con l’arresto fino a 6 mesi oppure con l’arresto da 3 a 6 mesi o con ammenda da 2.740€ a 7.014€
Per consulenze in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, incarico di RSPP in esterno, realizzazione e mantenimento di Sistemi di Gestione Qualità, Ambiente e Sicurezza, transizione alla norma ISO 45001:2018, formazione obbligatoria lavoratori, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.
28
Ott

Quali sono i compiti dell’INAIL Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni e le Malattie Professionali?

L’INAIL è ente pubblico sottoposto alla vigilanza del Ministero del Lavoro, del Tesoro e della Sanità, gestore dell’Assicurazione obbligatoria.
In particolare, secondo l’Art. 9 comma 4 del D.Lgs 81/08 l’INAIL svolge i seguenti compiti:
-    raccoglie e registra i dati relativi agli infortuni sul lavoro
-    concorre alla realizzazione di studi e ricerche sugli infortuni e sulle malattie correlate al lavoro
-    partecipa alla elaborazione della formazione tecnica in materia
-    eroga, previo trasferimento delle necessarie risorse da parte del Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali, le prestazioni del Fondo.
Con l’articolo 7 del Decreto Legge 78 del 31/05/2010 l’IPSEMA è stato soppresso e le relative funzioni sono state attribuite all’INAIL.
L’IPSEMA Istituito di Previdenza per il Settore Marittimo, era un ente pubblico previdenziale che aveva il compito di assicurare la tutela previdenziale, infortunistica e delle malattie professionali ai soli dipendenti del settore marittimo ed in parte della navigazione aerea.
Con l’articolo 7 del Decreto Legge 78 del 31/05/2010 l’ISPESL è stato soppresso e le relative funzioni sono state attribuite all’INAIL.
ISPESL Istituto Superiore Prevenzione E Sicurezza Lavoro, era l’organo tecnico-scientifico per la ricerca, sperimentazione, controllo, consulenza, assistenza, alta formazione, informazione e documentazione in materia di prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali, sicurezza sul lavoro e di promozione e tutela della salute negli ambienti di vita e si lavoro.
Per consulenze in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, incarico di RSPP in esterno, realizzazione e mantenimento di Sistemi di Gestione Qualità, Ambiente e Sicurezza, transizione alla norma ISO 45001:2018, formazione obbligatoria lavoratori, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.
 
 
28
Ott

Quali sono i compiti dell’INAIL Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni e le Malattie Professionali?

L’INAIL è ente pubblico sottoposto alla vigilanza del Ministero del Lavoro, del Tesoro e della Sanità, gestore dell’Assicurazione obbligatoria.
In particolare, secondo l’Art. 9 comma 4 del D.Lgs 81/08 l’INAIL svolge i seguenti compiti:
-    raccoglie e registra i dati relativi agli infortuni sul lavoro
-    concorre alla realizzazione di studi e ricerche sugli infortuni e sulle malattie correlate al lavoro
-    partecipa alla elaborazione della formazione tecnica in materia
-    eroga, previo trasferimento delle necessarie risorse da parte del Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali, le prestazioni del Fondo.
Con l’articolo 7 del Decreto Legge 78 del 31/05/2010 l’IPSEMA è stato soppresso e le relative funzioni sono state attribuite all’INAIL.
L’IPSEMA Istituito di Previdenza per il Settore Marittimo, era un ente pubblico previdenziale che aveva il compito di assicurare la tutela previdenziale, infortunistica e delle malattie professionali ai soli dipendenti del settore marittimo ed in parte della navigazione aerea.
Con l’articolo 7 del Decreto Legge 78 del 31/05/2010 l’ISPESL è stato soppresso e le relative funzioni sono state attribuite all’INAIL.
ISPESL Istituto Superiore Prevenzione E Sicurezza Lavoro, era l’organo tecnico-scientifico per la ricerca, sperimentazione, controllo, consulenza, assistenza, alta formazione, informazione e documentazione in materia di prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali, sicurezza sul lavoro e di promozione e tutela della salute negli ambienti di vita e si lavoro.
Per consulenze in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, incarico di RSPP in esterno, realizzazione e mantenimento di Sistemi di Gestione Qualità, Ambiente e Sicurezza, transizione alla norma ISO 45001:2018, formazione obbligatoria lavoratori, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.
 
 
19
Ago

Cosa si propone il D.lgs 81/2008?

Con l’entrata in vigore del D.lgs 81/08 si è proceduto a delineare e istituire un vero e proprio sistema istituzionale della prevenzione, dedicando il Capo II del decreto proprio al sistema istituzionale.
Il D.lgs 81/2008 propone un sistema di gestione della sicurezza e della salute in ambito lavorativo prevenivo e permanente attraverso: -    l’individualizzazione dei fattori e delle sorgenti di rischi;
-    la riduzione, che deve tendere al minio del rischio;
-    il continuo controllo delle misure preventive messe in atto;
-    l’elaborazione di una strategia aziendale che comprenda tutti i fattori di una organizzazione
Il decreto inoltre ha definito in modo chiaro le responsabilità e le figure in ambito aziendale per quanto concerne la sicurezza e la salute dei lavoratori.
Con l’entrata in vigore del D.lgs 81/08 si è proceduto a delineare e istituire un vero e proprio sistema istituzionale della prevenzione, dedicando il Capo II del decreto proprio al sistema istituzionale.
Il datore di lavoro è tenuto ad adottare nell’esercizio dell’impresa le misure che, secondo la particolarità del lavoro, l’esperienza e la tecnica, sono necessarie a tutelare l’integrità fisica e la personalità morale dei prestatori di lavoro.
Per consulenze in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, incarico di RSPP in esterno, realizzazione e mantenimento di Sistemi di Gestione Qualità, Ambiente e Sicurezza, transizione alla norma ISO 45001:2018, formazione obbligatoria lavoratori, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it
 
 
19
Ago

Cosa si propone il D.lgs 81/2008?

Con l’entrata in vigore del D.lgs 81/08 si è proceduto a delineare e istituire un vero e proprio sistema istituzionale della prevenzione, dedicando il Capo II del decreto proprio al sistema istituzionale.
Il D.lgs 81/2008 propone un sistema di gestione della sicurezza e della salute in ambito lavorativo prevenivo e permanente attraverso: -    l’individualizzazione dei fattori e delle sorgenti di rischi;
-    la riduzione, che deve tendere al minio del rischio;
-    il continuo controllo delle misure preventive messe in atto;
-    l’elaborazione di una strategia aziendale che comprenda tutti i fattori di una organizzazione
Il decreto inoltre ha definito in modo chiaro le responsabilità e le figure in ambito aziendale per quanto concerne la sicurezza e la salute dei lavoratori.
Con l’entrata in vigore del D.lgs 81/08 si è proceduto a delineare e istituire un vero e proprio sistema istituzionale della prevenzione, dedicando il Capo II del decreto proprio al sistema istituzionale.
Il datore di lavoro è tenuto ad adottare nell’esercizio dell’impresa le misure che, secondo la particolarità del lavoro, l’esperienza e la tecnica, sono necessarie a tutelare l’integrità fisica e la personalità morale dei prestatori di lavoro.
Per consulenze in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, incarico di RSPP in esterno, realizzazione e mantenimento di Sistemi di Gestione Qualità, Ambiente e Sicurezza, transizione alla norma ISO 45001:2018, formazione obbligatoria lavoratori, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it
 
 
12
Ago

Per ridurre in modo significativo i rischi per un lavoratore cosa deve fare il titolare di una PMI?

 
L’imprenditore è tenuto ad adottare nell’esercizio dell’impresa le misure che, secondo la particolarità del lavoro, l’esperienza e la tecnica, sono necessarie a tutelare l’integrità fisica e la personalità morale dei prestatori di lavoro.
Per ridurre in modo significativo i rischi bisogna far crescere la cultura della  formazione. I lavoratori vanno formati e informati sui pericoli che corrono nell’espletamento del loro lavoro.
E’ obbligatorio anche effettuare una valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori presenti nell’ambito dell’organizzazione in cui essi prestano la propria attività, finalizzata ad individuare le adeguate misure di prevenzione e di protezione e ad elaborare il programma delle misure atte a garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di salute e sicurezza.
Sono diversi i pericoli presenti in qualsiasi ambiente di lavoro, legati di norma ai diversi componenti del lavoro stesso, cioè:
-    l’edificio o lo spazio scoperto che fa da contenitore/contesto;
-    le macchine che vengono utilizzate;
-    le sostanze chimiche o fisiche che fanno parte del processo;
-    gli inquinanti presenti nell’aria o prodotti dall’attività stessa;
-    l’organizzazione del lavoro ed il suo modo di influenzare la psiche del lavoratore (stress).
Il datore di lavoro che non ottempera al provvedimento di sospensione, a causa di violazioni in materia di SSLL, è punito a seconda della violazione in oggetto con l’arresto fino a 6 mesi oppure con l’arresto da 3 a 6 mesi o con ammenda da 2.740€ a 7.014€
Per consulenze in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, incarico di RSPP in esterno, realizzazione e mantenimento di Sistemi di Gestione Qualità, Ambiente e Sicurezza, transizione alla norma ISO 45001:2018, formazione obbligatoria lavoratori, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it
 
5
Ago

In quanti differenti livelli di rischio si articola le aziende secondo l’Accordo Stato Regioni?

La formazione dei lavoratori si articola in due momenti: formazione generale (con durata e programmi comuni per i diversi settori di attività) e formazione specifica (in relazione al rischio dell’azienda, rilevato in funzione del settore ATECO di appartenenza).
Il rischio è individuato in funzione del settore ATECO di appartenenza dell’azienda e a seconda di questa caratteristica si stabiliscono gli obblighi formativi adeguati per l’azienda in questione. Secondo l’Accordo Stato Regioni, le aziende si articolano in tre differenti livelli di rischio:
• Basso: aziende commerciali, alberghi, ristoranti, associazioni culturali e ricreative;
• Medio: aziende legate all’agricoltura, pesca, pubblica amministrazione, istruzione ecc;
• Alto: aziende che svolgono attività manifatturiere e di costruzione.
• Per i settori di rischio basso: formazione generale 4 ore + formazione specifica bassa 4 ore: TOTALE 8 ore
• Per i settori di rischio medio: formazione generale 4 ore + formazione specifica media 8 ore: TOTALE 12 ore
• Per i settori di rischio alto: formazione generale 4 ore + formazione specifica alta 12 ore: TOTALE 16 ore
Come per la formazione dei datori di lavoro è previsto un aggiornamento quinquennale obbligatorio, indipendentemente dal settore di rischio della durata di 6 ore.
Il modulo di formazione generale rivolto ai lavoratori e ai preposti, costituisce credito formativo permanente e, nel caso in cui il lavoratore vada a costruire un nuovo rapporto di lavoro o di somministrazione con un’azienda dello stesso settore produttivo cui apparteneva quella precedente, costituisce credito formativo sia la frequenza alla formazione generale, che la specifica di settore, in caso contrario costituisce credito formativo solamente la frequenza alla formazione generale.
Per consulenze in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, incarico di RSPP in esterno, realizzazione e mantenimento di Sistemi di Gestione Qualità, Ambiente e Sicurezza, transizione alla norma ISO 45001:2018, formazione obbligatoria lavoratori, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.
16
Lug

Cosa si intende per “assicurato”?

Con il termine “assicurato” si intendono tutti coloro che prestano la propria attività alle dipendenze.
Questo vale anche per chi lavora sotto la direzione altrui in modo permanente o avventizio, con qualunque forma di retribuzione o che ha accesso ad ambienti lavorativi dove esiste un rischio di danno.
Lo Statuto dei Lavoratori sancisce la libertà di opinione del lavoratore, che non può quindi essere oggetto di trattamento differenziato in dipendenza da sue opinioni politiche o religiose.
Il datore di lavoro per la sicurezza deve richiedere la collaborazione tecnica dell’RSPP e del medico competente.
Le attività che il datore di lavoro deve svolgere sono:
  • l’analisi dei rischi mediante la loro individuazione;
  • la graduazione degli stessi, valutati in base alla gravità;
  • la scelta delle misure ritenute necessarie/utili;
  • la programmazione dell’implementazione di queste ultime;
  • la redazione del documento di valutazione.
Per consulenze in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, incarico di RSPP in esterno, realizzazione e mantenimento di Sistemi di Gestione Qualità, Ambiente e Sicurezza, transizione alla norma ISO 45001:2018, formazione obbligatoria lavoratori, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it
 
5
Lug

La formazione dei “Preposti” quanto dura? Sono previsti aggiornamenti?

MODI SRL organizza corsi in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro con cadenza mensile. La formazione dei "preposti" ha come prerequisito la formazione dei lavoratori, alla quale viene aggiunta una formazione particolare aggiuntiva. Tale formazione aggiuntiva è formata da 8 punti, dei quali i primi 5 possono essere svolti in modalità online, ha una durata minima di 8 ore indipendentemente dal settore di rischio dell’azienda e infine è previsto un aggiornamento di 6 ore ogni 5 anni. Per ridurre in modo significativo i rischi bisogna fare formazione al personale e effettuare una valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori presenti nell’ambito dell’organizzazione in cui essi prestano la propria attività, finalizzata ad individuare le adeguate misure di prevenzione e di protezione e ad elaborare il programma delle misure atte a garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di salute e sicurezza. Il modulo di formazione generale rivolto ai lavoratori e ai preposti, costituisce credito formativo permanente e, nel caso in cui il lavoratore vada a costruire un nuovo rapporto di lavoro o di somministrazione con un’azienda dello stesso settore produttivo cui apparteneva quella precedente, costituisce credito formativo sia la frequenza alla formazione generale, che la specifica di settore, in caso contrario costituisce credito formativo solamente la frequenza alla formazione generale.
Per consulenze in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, incarico di RSPP in esterno, realizzazione e mantenimento di Sistemi di Gestione Qualità, Ambiente e Sicurezza, transizione alla norma ISO 45001:2018, formazione obbligatoria lavoratori, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.