1 SGSL Archives - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Posts from the ‘SGSL’ Category

30
Dic

Quali e quanti sono i pericoli per un lavoratore nel suo ambiente di lavoro? I corsi sono fondamentali per scoprirlo oltre che obbligatori.

 
Sono molti i pericoli presenti in qualsiasi ambiente di lavoro, legati di norma ai diversi componenti del lavoro stesso, cioè:
  • l’edificio o lo spazio scoperto che fa da contenitore/contesto;
  • le macchine che vengono utilizzate;
  • le sostanze chimiche o fisiche che fanno parte del processo;
  • gli inquinanti presenti nell'aria o prodotti dall'attività stessa;
  • l’organizzazione del lavoro ed il suo modo di influenzare la psiche del lavoratore (stress).
MODI è dell'idea che per ridurre in modo significativo i rischi di infortuni i lavorati devono essere informati e formati molto bene.
La formazione al personale e una valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori presenti nell'ambito dell’organizzazione in cui essi prestano la propria attività è fondamentale!.
La valutazione dei rischi deve essere finalizzata ad individuare le adeguate misure di prevenzione e di protezione e ad elaborare il programma delle misure atte a garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di salute e sicurezza.
Il datore di lavoro che non ottempera al provvedimento di sospensione, a causa di violazioni in materia di SSLL, è punito a seconda della violazione in oggetto con l’arresto fino a 6 mesi oppure con l’arresto da 3 a 6 mesi o con ammenda da 2.740€ a 7.014€.
Per le recensioni cliccare alla pagina DICONO DI NOI.
Per consulenze in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, incarico di RSPP in esterno, realizzazione e mantenimento di Sistemi di Gestione Qualità, Ambiente e Sicurezza, transizione alla norma ISO 45001:2018, formazione obbligatoria lavoratori, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.
 
 
 
23
Dic

Cosa si intende con il termine “Testo Unico” quando si parla della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro?

Per Testo Unico in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro si intende, nell’ambito del diritto italiano, l’insieme di norme contenute nel Decreto legislativo 9 aprile 2008 n. 81 che ha riformato, riunito ed armonizzato, abrogandole, le disposizioni dettate da numerose precedenti normative in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro, al fine di adeguare il corpus normativo all’evolversi della tecnica e del sistema di organizzazione del lavoro. L’imprenditore è tenuto ad adottare nell’esercizio dell’impresa le misure che, secondo la particolarità del lavoro, l’esperienza e la tecnica, sono necessarie a tutelare l’integrità fisica e la personalità morale dei prestatori di lavoro.
Il datore di lavoro per la sicurezza deve richiedere la collaborazione tecnica dell’Responsabile Servizio Prevenzione Protezione e del medico competente.
Per le recensioni cliccare alla pagina DICONO DI NOI.
Per consulenze in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, incarico di RSPP in esterno, realizzazione e mantenimento di Sistemi di Gestione Qualità, Ambiente e Sicurezza, transizione alla norma ISO 45001:2018, formazione obbligatoria lavoratori, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.
 
23
Dic

Cosa si intende con il termine “Testo Unico” quando si parla della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro?

Per Testo Unico in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro si intende, nell’ambito del diritto italiano, l’insieme di norme contenute nel Decreto legislativo 9 aprile 2008 n. 81 che ha riformato, riunito ed armonizzato, abrogandole, le disposizioni dettate da numerose precedenti normative in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro, al fine di adeguare il corpus normativo all’evolversi della tecnica e del sistema di organizzazione del lavoro. L’imprenditore è tenuto ad adottare nell’esercizio dell’impresa le misure che, secondo la particolarità del lavoro, l’esperienza e la tecnica, sono necessarie a tutelare l’integrità fisica e la personalità morale dei prestatori di lavoro.
Il datore di lavoro per la sicurezza deve richiedere la collaborazione tecnica dell’Responsabile Servizio Prevenzione Protezione e del medico competente.
Per le recensioni cliccare alla pagina DICONO DI NOI.
Per consulenze in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, incarico di RSPP in esterno, realizzazione e mantenimento di Sistemi di Gestione Qualità, Ambiente e Sicurezza, transizione alla norma ISO 45001:2018, formazione obbligatoria lavoratori, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.
 
9
Dic

Chi effettua le valutazione dei rischi della sicurezza nei luogho di lavoro?

E’ una valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori presenti nell’ambito dell’organizzazione in cui essi prestano la propria attività, finalizzata ad individuare le adeguate misure di prevenzione e di protezione e ad elaborare il programma delle misure atte a garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di salute e sicurezza.
Per ridurre in modo significativo i rischi bisogna fare formazione al personale e effettuare una valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori presenti nell’ambito dell’organizzazione in cui essi prestano la propria attività, finalizzata ad individuare le adeguate misure di prevenzione e di protezione e ad elaborare il programma delle misure atte a garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di salute e sicurezza.
Il datore di lavoro per la sicurezza deve richiedere la collaborazione tecnica dell’RSPP e del medico competente
 
Le attività di competenza esclusivamente del datore di lavoro sono le seguenti:
  • la valutazione di tutti i rischi con la conseguente elaborazione del documento (DVR)
  • la designazione del responsabile del servizio di prevenzione e protezione dai rischi (RSPP)
Per consulenze in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, incarico di RSPP in esterno, realizzazione e mantenimento di Sistemi di Gestione Qualità, Ambiente e Sicurezza, transizione alla norma ISO 45001:2018, formazione obbligatoria lavoratori, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it
 
 
5
Nov

Da cosa deve essere garantito il rispetto della normativa in materia di igiene e sicurezza del lavoro?

 
Il rispetto della normativa in materia di igiene e sicurezza del lavoro, deve essere:
  • garantito dal controllo degli organismi interni all’attività lavorativa;
  • garantito dagli interventi ispettivi delle strutture pubbliche preposte alla vigilanza.
Alcune violazioni in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro costituiscono il presupposto per l’adozione del provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale, per esempio: mancata elaborazione del DVR Documento di Valutazione dei Rischi o del piano di Emergenza ed Evacuazione, mancata formazione ed addestramento, mancata costruzione del servizio di prevenzione e protezione e nomina del relativo responsabile, mancata elaborazione del piano operativo di sicurezza (POS).
Il datore di lavoro che non ottempera al provvedimento di sospensione, a causa di violazioni in materia di SSLL, è punito a seconda della violazione in oggetto con l’arresto fino a 6 mesi oppure con l’arresto da 3 a 6 mesi o con ammenda da 2.740€ a 7.014€
Per consulenze in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, incarico di RSPP in esterno, realizzazione e mantenimento di Sistemi di Gestione Qualità, Ambiente e Sicurezza, transizione alla norma ISO 45001:2018, formazione obbligatoria lavoratori, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.
28
Ott

Quali sono i compiti dell’INAIL Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni e le Malattie Professionali?

L’INAIL è ente pubblico sottoposto alla vigilanza del Ministero del Lavoro, del Tesoro e della Sanità, gestore dell’Assicurazione obbligatoria.
In particolare, secondo l’Art. 9 comma 4 del D.Lgs 81/08 l’INAIL svolge i seguenti compiti:
-    raccoglie e registra i dati relativi agli infortuni sul lavoro
-    concorre alla realizzazione di studi e ricerche sugli infortuni e sulle malattie correlate al lavoro
-    partecipa alla elaborazione della formazione tecnica in materia
-    eroga, previo trasferimento delle necessarie risorse da parte del Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali, le prestazioni del Fondo.
Con l’articolo 7 del Decreto Legge 78 del 31/05/2010 l’IPSEMA è stato soppresso e le relative funzioni sono state attribuite all’INAIL.
L’IPSEMA Istituito di Previdenza per il Settore Marittimo, era un ente pubblico previdenziale che aveva il compito di assicurare la tutela previdenziale, infortunistica e delle malattie professionali ai soli dipendenti del settore marittimo ed in parte della navigazione aerea.
Con l’articolo 7 del Decreto Legge 78 del 31/05/2010 l’ISPESL è stato soppresso e le relative funzioni sono state attribuite all’INAIL.
ISPESL Istituto Superiore Prevenzione E Sicurezza Lavoro, era l’organo tecnico-scientifico per la ricerca, sperimentazione, controllo, consulenza, assistenza, alta formazione, informazione e documentazione in materia di prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali, sicurezza sul lavoro e di promozione e tutela della salute negli ambienti di vita e si lavoro.
Per consulenze in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, incarico di RSPP in esterno, realizzazione e mantenimento di Sistemi di Gestione Qualità, Ambiente e Sicurezza, transizione alla norma ISO 45001:2018, formazione obbligatoria lavoratori, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.
 
 
28
Ott

Quali sono i compiti dell’INAIL Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni e le Malattie Professionali?

L’INAIL è ente pubblico sottoposto alla vigilanza del Ministero del Lavoro, del Tesoro e della Sanità, gestore dell’Assicurazione obbligatoria.
In particolare, secondo l’Art. 9 comma 4 del D.Lgs 81/08 l’INAIL svolge i seguenti compiti:
-    raccoglie e registra i dati relativi agli infortuni sul lavoro
-    concorre alla realizzazione di studi e ricerche sugli infortuni e sulle malattie correlate al lavoro
-    partecipa alla elaborazione della formazione tecnica in materia
-    eroga, previo trasferimento delle necessarie risorse da parte del Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali, le prestazioni del Fondo.
Con l’articolo 7 del Decreto Legge 78 del 31/05/2010 l’IPSEMA è stato soppresso e le relative funzioni sono state attribuite all’INAIL.
L’IPSEMA Istituito di Previdenza per il Settore Marittimo, era un ente pubblico previdenziale che aveva il compito di assicurare la tutela previdenziale, infortunistica e delle malattie professionali ai soli dipendenti del settore marittimo ed in parte della navigazione aerea.
Con l’articolo 7 del Decreto Legge 78 del 31/05/2010 l’ISPESL è stato soppresso e le relative funzioni sono state attribuite all’INAIL.
ISPESL Istituto Superiore Prevenzione E Sicurezza Lavoro, era l’organo tecnico-scientifico per la ricerca, sperimentazione, controllo, consulenza, assistenza, alta formazione, informazione e documentazione in materia di prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali, sicurezza sul lavoro e di promozione e tutela della salute negli ambienti di vita e si lavoro.
Per consulenze in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, incarico di RSPP in esterno, realizzazione e mantenimento di Sistemi di Gestione Qualità, Ambiente e Sicurezza, transizione alla norma ISO 45001:2018, formazione obbligatoria lavoratori, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.
 
 
19
Ago

Cosa si propone il D.lgs 81/2008?

Con l’entrata in vigore del D.lgs 81/08 si è proceduto a delineare e istituire un vero e proprio sistema istituzionale della prevenzione, dedicando il Capo II del decreto proprio al sistema istituzionale.
Il D.lgs 81/2008 propone un sistema di gestione della sicurezza e della salute in ambito lavorativo prevenivo e permanente attraverso: -    l’individualizzazione dei fattori e delle sorgenti di rischi;
-    la riduzione, che deve tendere al minio del rischio;
-    il continuo controllo delle misure preventive messe in atto;
-    l’elaborazione di una strategia aziendale che comprenda tutti i fattori di una organizzazione
Il decreto inoltre ha definito in modo chiaro le responsabilità e le figure in ambito aziendale per quanto concerne la sicurezza e la salute dei lavoratori.
Con l’entrata in vigore del D.lgs 81/08 si è proceduto a delineare e istituire un vero e proprio sistema istituzionale della prevenzione, dedicando il Capo II del decreto proprio al sistema istituzionale.
Il datore di lavoro è tenuto ad adottare nell’esercizio dell’impresa le misure che, secondo la particolarità del lavoro, l’esperienza e la tecnica, sono necessarie a tutelare l’integrità fisica e la personalità morale dei prestatori di lavoro.
Per consulenze in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, incarico di RSPP in esterno, realizzazione e mantenimento di Sistemi di Gestione Qualità, Ambiente e Sicurezza, transizione alla norma ISO 45001:2018, formazione obbligatoria lavoratori, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it
 
 
19
Ago

Cosa si propone il D.lgs 81/2008?

Con l’entrata in vigore del D.lgs 81/08 si è proceduto a delineare e istituire un vero e proprio sistema istituzionale della prevenzione, dedicando il Capo II del decreto proprio al sistema istituzionale.
Il D.lgs 81/2008 propone un sistema di gestione della sicurezza e della salute in ambito lavorativo prevenivo e permanente attraverso: -    l’individualizzazione dei fattori e delle sorgenti di rischi;
-    la riduzione, che deve tendere al minio del rischio;
-    il continuo controllo delle misure preventive messe in atto;
-    l’elaborazione di una strategia aziendale che comprenda tutti i fattori di una organizzazione
Il decreto inoltre ha definito in modo chiaro le responsabilità e le figure in ambito aziendale per quanto concerne la sicurezza e la salute dei lavoratori.
Con l’entrata in vigore del D.lgs 81/08 si è proceduto a delineare e istituire un vero e proprio sistema istituzionale della prevenzione, dedicando il Capo II del decreto proprio al sistema istituzionale.
Il datore di lavoro è tenuto ad adottare nell’esercizio dell’impresa le misure che, secondo la particolarità del lavoro, l’esperienza e la tecnica, sono necessarie a tutelare l’integrità fisica e la personalità morale dei prestatori di lavoro.
Per consulenze in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, incarico di RSPP in esterno, realizzazione e mantenimento di Sistemi di Gestione Qualità, Ambiente e Sicurezza, transizione alla norma ISO 45001:2018, formazione obbligatoria lavoratori, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it
 
 
12
Ago

Per ridurre in modo significativo i rischi per un lavoratore cosa deve fare il titolare di una PMI?

 
L’imprenditore è tenuto ad adottare nell’esercizio dell’impresa le misure che, secondo la particolarità del lavoro, l’esperienza e la tecnica, sono necessarie a tutelare l’integrità fisica e la personalità morale dei prestatori di lavoro.
Per ridurre in modo significativo i rischi bisogna far crescere la cultura della  formazione. I lavoratori vanno formati e informati sui pericoli che corrono nell’espletamento del loro lavoro.
E’ obbligatorio anche effettuare una valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori presenti nell’ambito dell’organizzazione in cui essi prestano la propria attività, finalizzata ad individuare le adeguate misure di prevenzione e di protezione e ad elaborare il programma delle misure atte a garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di salute e sicurezza.
Sono diversi i pericoli presenti in qualsiasi ambiente di lavoro, legati di norma ai diversi componenti del lavoro stesso, cioè:
-    l’edificio o lo spazio scoperto che fa da contenitore/contesto;
-    le macchine che vengono utilizzate;
-    le sostanze chimiche o fisiche che fanno parte del processo;
-    gli inquinanti presenti nell’aria o prodotti dall’attività stessa;
-    l’organizzazione del lavoro ed il suo modo di influenzare la psiche del lavoratore (stress).
Il datore di lavoro che non ottempera al provvedimento di sospensione, a causa di violazioni in materia di SSLL, è punito a seconda della violazione in oggetto con l’arresto fino a 6 mesi oppure con l’arresto da 3 a 6 mesi o con ammenda da 2.740€ a 7.014€
Per consulenze in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, incarico di RSPP in esterno, realizzazione e mantenimento di Sistemi di Gestione Qualità, Ambiente e Sicurezza, transizione alla norma ISO 45001:2018, formazione obbligatoria lavoratori, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it