Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

10 marzo 2016

Cgil, Cisl, Uil formazione PMI dell’Inail

Formazione PMI dell’Inail

Cgil, Cisl, Uil formazione PMI dell’Inail

cgil cisl uilIl bando è stato promulgato in attuazione delle norme contenute nell’art. 11 comma 1 lett. b) del D. Lgs. 81/08, ed in seguito ad accordo attuativo di tale dettato legislativo siglato nel 2010 da TUTTE le Parti sociali presenti in Commissione Consultiva Permanente ex art. 6; è però opinione dei sindacati che esso non attui le previsioni normative e le determinazioni chiaramente espresse dalle parti stipulanti.

In relazione a quanto in oggetto, le scriventi OO.SS. intendono avanzare le seguenti osservazioni: - il bando è stato promulgato in attuazione delle norme contenute nell'art. 11 comma 1 lett. b) del D. Lgs. 81/08 ed in seguito ad accordo attuativo di tale dettato legislativo siglato nel 2010 da TUTTE le Parti sociali presenti in Commissione Consultiva Permanente ex art. 6; è però opinione delle scriventi che esso non attui le previsioni normative e le determinazioni chiaramente espresse dalle parti stipulanti la precitata intesa; - il bando in questione, a nostro avviso, non rispetta quanto previsto dalle due fonti prima citate poichè , sulla base della documentazione preventiva e obbligatoria da fornire, impedisce o non fornisce le necessarie indicazioni per l'accesso alla formazione dei Rls e dei RlsT , soggetti determinanti nell'ambito delle azioni di prevenzione nel contesto delle piccole imprese e, fra l'altro, istituiti e tutelati da quanto previsto dalle leggi generali sulla rappresentanza e specificamente dal D.Lgs. 81/08; - in particolare, quanto previsto pare alle scriventi non solo di difficile attuazione ma soprattutto in contrasto con i principi di non discriminazione fra potenziali beneficiari dei progetti, in relazione soprattutto alla fornitura di delega da parte dell'azienda (a favore di un ente attuatore) per erogare la formazione a soggetti di rappresentanza espressione diretta delle organizzazioni che, fra l'altro, sono promotrici degli Organismi Paritetici ex art. 51 D.Lgs 81/08 e quindi soggetti autorizzati essi stessi all'erogazione di formazione a lavoratori ed Rls; Sulla base di quanto esposto, richiediamo urgentemente un incontro con la finalità di determinare nuovamente parità di condizioni per tutti i potenziali partecipanti, nelle varie forme, alle attività previste dal bando. Ci ò soprattutto visti i vicini termini di scadenza e per evitare la promozione, da parte di una qualsiasi organizzazione o soggetto, di iniziative di tutela che rischierebbero di pregiudicare queste importanti, possibili ed auspicabili attività

sicurezza_lavoroNota CGIL CISL UIL

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231