Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

16 dicembre 2014

Cnappc: il Piano per le periferie riproduce il fallimentare Piano Città

16/12/2014 - “L’emendamento del Governo alla Legge di Stabilità e Sviluppo che predispone un Piano nazionale per la rigenerazione e riqualificazione delle aree urbane degradate (leggi tutto) sembrerebbe finalmente dare l’avvio ad una seria politica di sviluppo delle città e rigenerazione delle periferie se, ancora una volta, non si volesse poi attuarla con i metodi bizantini propri della vecchia politica italiana”.   “Il Piano nazionale sostituisce, infatti, il Piano Città del 2012, i cui limiti di visione e di organizzazione ne hanno decretato il sostanziale fallimento, riproducendone la carenza di progetto e un’assurda burocrazia nel processo di attuazione”.   Così il Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori.   “Il limite dell’emendamento - continua il Cnappc - è quello di definire genericamente obiettivi e parametri di selezione dei progetti,..
Continua a leggere su Edilportale.com

Leggi altri articoli della categoria URBANISTICA