Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

25 giugno 2015

Come scegliere la giusta formazione

Come scegliere la giusta formazione

Segui questa semplice guida

formazioneQualche tempo fa, ho frequentato l'Assemblea generale di un museo locale dove andai spontaneamente. Prima di poter godere di una deliziosa gamma di snack e una conversazione amichevole, c'era dell’ottimo cibo per la mente che ci permetteva di andare oltre la semplice conoscenza dell'arte e di poter  penetrare in profondità nel mondo degli affari.

Dopo ulteriori riflessioni, ho osservato che un buon programma di formazione ,così  come una buona collezione d'arte, è un aggregato di concetti e idee che creano una vista ben più ampia, più completa del mondo e di noi stessi e ci permettono di interagire attraverso i nostri lavori.

Presso la nostra azienda, forniamo sessioni di training ogni martedi.

Queste sessioni riguardano le informazioni che i membri del nostro team devono avere per poter svolgere  il loro lavoro in modo più efficace. I corsi di formazione includono anche delle  sessioni specifiche di settore che vanno oltre la gamma di prestazioni di Voice-over, audizioni e casting, progetti di voce. Su tutta la linea, posso confermare che maggiormente un popolo sa, e maggiormente esso è sicuro. Infatti, una piu’ profonda conoscenza si traduce in una maggiore credibilità con clienti che quindi possono essere serviti in maniera piu’ efficiente e con meno sforzi.

Uno dei modi migliori per sostenere il proprio gruppo, mantenendo vivo l’interesse, è quello fornirgli una vasta gamma di corsi di formazione.

Come scegliere la giusta formazione ??

Segui questa semplice guida:

Tornando al mondo dell'arte, molte persone pensano dei essere dei veri collezionisti, ma in realtà non lo sono. Vengono apparentemente creduti tali, ma in realtà, le loro sono delle semplici raccolte di opere. Non c'è niente di sbagliato con l'essere un eclettico collezionista,ma non è sufficiente per essere considerato un vero e proprio collezionista. Infatti in questo caso, la raccolta delle opere, il suo ordine,  dovrebbe essere costituita da un insieme di temi e non quindi, casuale.  Un  vero collezionista d'arte effettua i suoi acquisti prestando molta attenzione a questi aspetti, in maniera scrupolosa.

Allo stesso modo, per poter progettare il giusto percorso formativo di base all’interno di un azienda,è necessario dapprima identificare le conoscenze che bisogna necessariamente possedere per lavorare all’interno della stessa. Infatti, la formazione deve essere mirata, in base ai sistemi che si utilizzano, ai processi che si impiegano e alle persone del team. Non dimentichiamo infatti che Tutti imparano in modo diverso, ma per quanto riguarda i sistemi e i  processi utilizzati, che sono quindi  indispensabili, è necessario fornire opportunità di applicazione pratica, come per esempio la creazione di un nuovo cliente all’interno del  CRM o come trasferire una chiamata ad un collega in ufficio.

La Formazione per i nuovi dipendenti deve essere effettuata attraverso dei documenti scritti, in modo che tutti i componenti del gruppo abbiano le stesse informazioni. Inoltre ciò non solo evita che i dipendenti possano  interpretare male ciò che verbalmente può essergli riferito, ma gli consente anche di poter rileggere i vari documenti  ogni qual volta lo ritengono necessario, così da poter interiorizzare meglio tutti i concetti espressi.

Di volta in volta, ogni componente del gruppo dovrà  suggerire degli  argomenti per la formazione. In questo modo tutto il gruppo viene coinvolto attivamente nel processo formativo .Si tratta di una buona occasione per scavare in se stessi e scoprire quali sono i propri limiti. Sarebbe per esempio interessante, andare a descrivere degli episodi realmente avvenuti, in cui ciascuno dei componenti si è sentito in difficoltà, magari per delle incompetenze dovute ad una scarsa formazione in un particolare settore. Lo scopo è quindi quello di far emergere ed affrontare problemi non ancora venuti a galla, che comunque interferiscono nel lavoro del gruppo.

Inoltre è necessario che ogni azione e ogni decisione  si basi su fatti certi e non  su supposizioni. Migliaia di decisioni individuali avvengono nella vostra azienda ogni giorno in tutte le aziende, vengono prese migliaia di decisioni individuali per cui è necessario ,inculcare a tutti i componenti del gruppo che è giusto essere creativi ed è giusto assumersi delle responsabilità, magari anche attraverso delle decisioni, però è necessario farlo entro i limiti delle proprie competenze e dei propri ruoli. Infatti non bisogna prendere delle decisioni affrettate, soprattutto se non si hanno tutte le informazioni e le conoscenze del caso.

Sarebbe anche molto interessante, invitare i componenti del gruppo a fornire dei suggerimenti, delle idee, su ciò di cui loro avrebbero maggiore necessità di imparare o di approfondire. Ciò potrebbe essere fatto magari attraverso un sistema di messaggistica, oppure attraverso la raccolta di bigliettini anonimi, in cui ognuno può esprimere delle proprie esigenze, e magari posizionare questo contenitore di raccolta nella cucina dell’azienda.

Così come nell’arte, in ogni settore il lavoro deve essere una continua sfida. Così come all’interno di un museo tutte le opere d’arte e le relative raccolte vengono posizionate , ordinate in maniera dettagliata e scrupolosa, così all’interno di qualsiasi azienda, non solo bisogna organizzare dei corsi di formazione in base alle esigenze dei singoli individui del gruppo stesso, ma anche in base a quello che noi crediamo giusto e necessario che loro sappiano. Una delle gioie dell’ apprendimento è quella che ci permette di guardare in un'unica direzione ma da diverse prospettive.

Pensiamo per esempio a delle risorse umane che abbiamo avuto per un periodo, che magari avevano effettuato non solo una formazione di base, ma anche altre sessioni formative, per acquisire anche dei crediti. Questi quindi, pensavano di essere degli esperti di una determinato settore e pensavano di avere delle notevoli abilità.

Ma cosa succederebbe se noi gli chiedessimo delle informazioni, su argomenti che loro hanno studiato e su cui dovrebbero essere formati, ma ponendogli la domanda in maniera diversa da quella che loro si aspetterebbero ??

Molte persone infatti hanno difficoltà ad esprimere ciò che hanno studiato, e soprattutto a metterlo in pratica in determinati contesti. Sarebbe utile, in questo caso, organizzare dei corsi di gruppo, ambientati in contesti reali dove sia possibile simulare degli eventi accaduti, e far capire a tutto il gruppo come è possibile mettere in pratica ciò che viene studiato in teoria, e che quindi tutto è collegato.

Articolo tratto da elearningindustry.com

Come scegliere la giusta formazioneCome scegliere la giusta formazione

MODI Qualità, Ambiente, Sicurezza, Corsi di Formazione, Privacy e 231