Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

27 maggio 2015

Condono in area vincolata, non sempre è richiesto il parere della Soprintendenza

27/05/2015 – Se un edificio abusivo viene realizzato in area vincolata, il Comune non ha bisogno di interpellare la Soprintendenza prima di respingere la domanda di condono. Lo ha affermato il Consiglio di Stato con la sentenza 2518/2015.   I giudici hanno esaminato il caso di un soggetto che aveva realizzato un prefabbricato ad uso residenziale e in seguito aveva presentato domanda di permesso di costruire in sanatoria ai sensi della Legge 326/2003 (Terzo condono).   Il Comune aveva negato il condono dal momento che l’area su cui era stato realizzato il prefabbricato era sottoposta a vincolo idrogeologico e paesaggistico, ma l’interessato aveva presentato ricorso sostenendo che il Comune avrebbe dovuto interpellare la Soprintendenza.   In un primo momento il Tar aveva dato ragione al responsabile dell’abuso, ma il Consiglio di Stato ha invece spiegato che la sanatoria ai sensi del Terzo condono può essere concessa nelle aree vincolate..
Continua a leggere su Edilportale.com

Leggi altri articoli della categoria Senza categoria