Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

9 maggio 2014

Contratti a termine nei piccoli studi, dal Senato ok al Jobs Act

08/05/2014 – Primo giro di boa per il disegno di legge di conversione del Jobs Act. Dopo la fiducia del Senato, ottenuta con 158 voti favorevoli, 122 contrari e nessun astenuto, il testo passa ora alla Camera. Due le novità importanti per il settore edile: la smaterializzazione del Documento unico di regolarità contributiva (DURC) e la possibilità che i piccoli studi professionali assumano collaboratori a tempo determinato.   Ma vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.   Piccoli studi Il numero dei contratti a termine costituiti da ciascun datore di lavoro non potrà eccedere il limite del 20% dell'organico complessivo presente in azienda. Nelle imprese che occupano fino a cinque dipendenti, invece, sarà sempre possibile stipulare un contratto di lavoro a tempo determinato. Si tratta di una novità che riguarda da vicino gli studi professionali, che nella maggior parte dei casi sono costituiti da meno di cinque elementi.   Il..
Continua a leggere su Edilportale.com

Leggi altri articoli della categoria Senza categoria