Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

22 gennaio 2016

Corretti stili di vita e sicurezza sul lavoro – Prevenzione delle malattie e degli infortuni connessi

Crediti Formativi Professionali Agli Ingegneri partecipanti al presente evento, in regola con le firme di presenza in sede, verranno attribuiti n° 3 CFP (crediti formativi) ai sensi del Regolamento per aggiornamento professionale.

Corretti stili di vita e sicurezza sul lavoro - Prevenzione delle malattie e degli infortuni connessi

Gli interventi di promozione della salute negli ambienti di lavoro hanno ricadute positive non solo a livello individuale o aziendale ma anche a livello delle famiglie dei lavoratori e della collettività tutta. Modesti investimenti, messi in campo dalle aziende nell’introduzione di questa tipologia di programmi, verrebbero immediatamente ammortizzati dal vantaggio economico dato dalla riduzione dei costi dovuti ad assenza per malattia e di infortuni sul lavoro. Mercoledì 27 gennaio 2016 - alle ore 9.00 - presso la sede della Camera di Commercio di Salerno - via Allende 19 L'appuntamento è la tappa salernitana dell'omonimo progetto promosso da INAIL – Direzione Regionale Campania, Ministero del Lavoro – Direzione Interregionale e Territoriale di Napoli, Unione Regionale delle Camere di Commercio della Campania, Direzione Regionale dei Vigili del Fuoco e Consorzio Promos Ricerche, con il patrocinio della Regione Campania. Diretto a imprese, professionisti, associazioni datoriali, consulenti del lavoro e parti sociali, ha lo scopo di inquadrare i vantaggi di un approccio gestionale e organizzativo che preveda in azienda un’attenzione ai temi della alimentazione, del benessere, dell’invecchiamento della popolazione lavorativa e della prevenzione delle malattie connesse a stili di vita non corretti. La necessità di procedere alla sensibilizzazione dei lavoratori e alla realizzazione di azioni concrete per la prevenzione delle malattie, tanto nell'ambito lavorativo (es. vaccinazioni per i lavoratori all'estero, visite mediche, ecc.), quanto nella promozione di stili di vita adeguati (alimentazione equilibrata, attività fisica, campagne antifumo ecc.), non può che condurre a risultati utili anche in termini di qualità, produttività e competitività delle imprese nel quadro più ampio e sempre attuale di “responsabilità sociale di impresa”. Gli interventi di promozione della salute negli ambienti di lavoro hanno ricadute positive non solo a livello individuale o aziendale ma anche a livello delle famiglie dei lavoratori e della collettività tutta. Modesti investimenti, messi in campo dalle aziende nell’introduzione di questa tipologia di programmi, verrebbero immediatamente ammortizzati dal vantaggio economico dato dalla riduzione dei costi dovuti ad assenza per malattia e di infortuni sul lavoro.

Per saperne di più scarica il programma allegato. Il progetto “Corretti stili di vita e sicurezza sul lavoro. Prevenzione delle malattie e degli infortuni connessi”, promosso da INAIL – Direzione Regionale Campania, Ministero del Lavoro – Direzione Interregionale e Territoriale di Napoli, Unione Regionale delle Camere di Commercio della Campania, Direzione Regionale dei Vigili del Fuoco e Consorzio Promos Ricerche, con il patrocinio della Regione Campania, è realizzato attraverso l’organizzazione di un ciclo di seminari su tutto il territorio regionale. Diretto a imprese, professionisti, associazioni datoriali, consulenti del lavoro e parti sociali, ha lo scopo di inquadrare i vantaggi di un approccio gestionale e organizzativo che preveda in azienda un’attenzione ai temi della alimentazione, del benessere, dell’invecchiamento della popolazione lavorativa e della prevenzione delle malattie connesse a stili di vita non corretti. La necessità di procedere alla sensibilizzazione dei lavoratori e alla realizzazione di azioni concrete per la prevenzione delle malattie, tanto nell'ambito lavorativo (es. vaccinazioni per i lavoratori all'estero, visite mediche, ecc.), quanto nella promozione di stili di vita adeguati (alimentazione equilibrata, attività fisica, campagne antifumo ecc.), non può che condurre a risultati utili anche in termini di qualità, produttività e competitività delle imprese nel quadro più ampio e sempre attuale di “responsabilità sociale di impresa”. Gli interventi di promozione della salute negli ambienti di lavoro hanno ricadute positive non solo a livello individuale o aziendale ma anche a livello delle famiglie dei lavoratori e della collettività tutta. Modesti investimenti, messi in campo dalle aziende nell’introduzione di questa tipologia di programmi, verrebbero immediatamente ammortizzati dal vantaggio economico dato dalla riduzione dei costi dovuti ad assenza per malattia e di infortuni sul lavoro. MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231