Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

4 dicembre 2014

Danno biologico


Danno biologico, Monitoraggio, criticità e prospettive d’interesse medico-legale 

Quaderni di ricerca INAIL

Patrizio Rossi

numero 3 - novembre, 2014

I Quaderni di ricerca dell’Inail sono lo strumento a disposizione dei ricercatori e dei ruoli professionali dell’Istituto per rendere pubblici i risultati più rilevanti delle loro attività; accolgono anche contributi di ricercatori esterni, che partecipano ai progetti dell’Inail.

Gli autori hanno la piena responsabilità delle opinioni espresse nei Quaderni , che non vanno intese come posizioni ufficiali dell’Inail.

danno biologicoL’articolo 13 del decreto legislativo n. 38 del 2000 ha innovato la disciplina indennitaria dei postumi derivanti da infortunio sul lavoro o da malattia professionale.

Nell’applicazione della novella legislativa sono restati immutati:

– la qualificazione giuridica e medico legale dell’infortunio e delle tecnopatie

– la disciplina dell’indennità per inabilità temporanea assoluta al lavoro, sia per quanto riguarda la misura dell’indennità erogata che per il parametro di riferimento valutativo

– i criteri di valutazione dei danni plurimi-policroni ed in particolare di quelli concorrenti, la cui formula del Gabrielli continua a rappresentare l’unica procedura standardizzata nell’intero panorama valutativo medico legale

– i termini revisionali e prescrizionali delle prestazioni

– la rendita ai superstiti (l’argomento sarà tuttavia ripreso più avanti, posta la rilevanza anche mediatica di alcuni aspetti della specifica tutela).

Tuttavia, l’introduzione di un nuovo oggetto tutelato per tutte le sequele delle lesioni (pregiudizio psico-fisico della persona) ha sostanzialmente rivoluzionato, nella percezione degli operatori e nelle prestazioni agli assicurati, un sistema ancorato ai testi unici del 1965 (T.U. n. 1124), del 1935 (T.U. n. 1765) ed in parte anche a quello del 1904 (T.U. n. 51).

La novità apportata dal decreto legislativo n. 38 del 23 febbraio 2000 ha trovato, a sua volta, la piena attuazione con la disciplina tabellare di cui al Decreto Ministeriale 12 luglio 2000. Gli strumenti di attuazione del disegno di riforma, vale a dire la Tabella delle Menomazioni, la Tabella dei Coefficienti e la Tabella dell’Indennizzo, nella loro complessità e nella loro intrinseca novità valutativo-indennitaria, hanno rappresentato per l’Istituto motivo di rilevante impegno organizzativo, di monitoraggio e di verifica.

Danno biologicoDanno biologico Monitoraggio, criticità e prospettive d’interesse medico-legale

 


decreto legislativo n. 38 del 23 febbraio 2000decreto legislativo n. 38 del 23 febbraio 2000



Leggi altri articoli della categoria sicurezza