Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

7 luglio 2016

Dispositivi di comando montati sulle macchine

Dispositivi di interblocco: EN ISO 14119 Scheda SUVAPRO

Dispositivi di comando montati sulle macchine

dispositivi di comandoLa presente scheda tematica si rivolge ai progettisti,  ai fabbricanti, ai fornitori e agli utilizzatori di macchine dotate di dispositivi di comando. Il documento fa parte di una serie dedicata interamente ai dispositivi di comando montati sulle macchine. Il dispositivo di interblocco  deve essere concepito in modo da impedire una sua eventuale  elusione (manomissione).

Punti essenziali • Il dispositivo di interblocco arresta la macchina se il suo riparo non è chiuso. • I principi di azionamento dei dispositivi di interblocco si suddividono in quattro tipi. • L’elusione di questi dispositivi può essere impedita sul piano costruttivo o con una funzione di controllo integrata nel comando. • I dispositivi di interblocco vengono chiamati anche sensori di posizione, finecorsa o sensori di prossimità. La macchina deve essere progettata in modo tale da ridurre al minimo la tentazione di eludere i suoi dispositivi di interblocco. Ci sono diversi modi per farlo e tutti consentono di manovrare in condizioni di sicurezza la macchina anche durante l’eliminazione dei guasti e la manutenzione, evitando qualsiasi manomissione dei dispositivi di interblocco. Impedire l’accesso agli elementi che costituiscono il dispositivo di interblocco mediante: • ostacoli fisici o schermature • montaggio fuori portata • montaggio in posizione nascosta Impedire la sostituzione degli attuatori degli  interblocchi con oggetti facilmente reperibili: • I dispositivi di interblocco di tipo 3 devono essere collocati in una posizione difficilmente accessibile. • Se sono liberamente accessibili, bisogna utilizzare dei dispositivi con un alto livello di codifica . Impedire lo smontaggio degli elementi che  costituiscono i dispositivi di interblocco: • Tutti gli attuatori devono essere fissati in modo che non possano essere smontati con utensili facilmente reperibili (ad es. viti antisvitamento , rivetti, viti  di sicurezza Torx, sfera spinta nell’esagono incassato,  testa esagonale riempita con colla bicomponente,  ecc.). Attenzione! Se durante il ciclo di vita della macchina  sono previsti dei guasti che impongono la sostituzione immediata del dispositivo di interblocco, è necessario trovare una soluzione diversa

sicurezza_lavoroDispositivi di comando montati sulle macchine

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231