Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

22 luglio 2015

Distanze legali, sono nulli gli accordi tra privati che prevedono deroghe

22/07/2015 – Gli accordi tra confinanti non possono derogare alle norme sulle distanze legali contenute nei piani regolatori e nei regolamenti edilizi. Lo ha spiegato il Tar Toscana con la sentenza 834/2015. Distanze, no alle deroghe tra privati Si è arrivati a questa conclusione esaminando il caso della presentazione di una domanda di condono per la trasformazione di un locale pertinenziale preesistente in fabbricato principale, effettuata senza titolo edilizio. Sull’edificio erano stati eseguiti dei lavori di consolidamento statico nel corso dei quali non erano state rispettate le distanze legali dalla proprietà confinante e dalla strada. Il Comune aveva quindi negato la sanatoria e ordinato la demolizione non curandosi del fatto che tra i due proprietari confinanti era stata stipulata una convenzione. I giudici hanno respinto il ricorso contro questa decisione spiegando che le norme sulle distanze legali tutelano l’interesse.. Continua a leggere su Edilportale.com           Corsi Online Italia