Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

29 dicembre 2016

E-learning fornire i contenuti didattici

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231

Apprendere non è soltanto memorizzare, cioè conservare dati e informazioni, ed imparare, predisponendosi all'esecuzione di determinati compiti

E-learning fornire i contenuti didattici

e-learning formazioneImparare a fornire sulla tua piattaforma, ROI di apprendimento (ritorno sugli investimenti) e identificare il vero valore di business, della tua piattaforma e-learning con queste 5 argomenti. Apprendere non è soltanto memorizzare, cioè conservare dati e informazioni, ed imparare, predisponendosi all'esecuzione di determinati compiti, ma soprattutto è acquisire sempre nuovi atteggiamenti e comportamenti; perciò alla visione statica tradizionale bisogna sostituirne una dinamica, alla visione nozionistica una operativa, all'acquisizione di dati l'elaborazione degli stessi e la produzione di nuove informazioni, all'accumulo di conoscenze la produzione di nuove. L'apprendimento è un processo attraverso il quale il soggetto, elaborando le proprie esperienze, modifica il proprio comportamento e le proprie conoscenze per adattarsi in maniera autonoma alle sollecitazioni provenienti dal suo stato personale e dall'ambiente. Secondo questo quadro, l'insegnante non è la “causa diretta” dell'apprendimento, ma l'animatore che agevola, organizza, sollecita le occasioni di apprendimento. Si ha esperienza, poi, quando gli stimoli interni ad un individuo (bisogni, attese, motivazioni, ecc..) interagiscono con quelli esterni (fisici, culturali, sociali, ecc..) fornendogli le basi per la soluzione di problemi.

1. Allineare la vostra strategia con il real business

Individua il tuo piano d'azione per guidare l'apprendimento dei contenuti richiede la comprensione delle esigenze di business. Iniziate chiedendo le domande giuste per acquisire una comprensione efficace. Per utilizzare questa strategia, si dovrà pensare come un consulente e sondare l’avvicinarsi del problema.

Ecco come iniziare:

  • Identificare alcuna prova di deficit di competenze o di problemi di prestazioni.
  • Determinare le tattiche precedenti, come ad esempio il miglioramento dei processi o interventi manager, che sono stati utilizzati per risolvere il problema.
  • Scopri se ci sono fattori al di là dell’apprendimento che sono coinvolti.
  • Determinare gli indicatori chiave di performance (KPI) come punti di riferimento per il successo.
  • Determinare il tutor che sarà incaricato di misurare i risultati dei benchmark.

Essere chiari sul tipo di intervento, che è necessario. Determinare se l'apprendimento è veramente la risposta per risolvere il problema. Tenete a mente che individuare altre aree di interesse, come ad esempio la mancanza di consapevolezza, un gap di motivazione, o un problema culturale o comportamentale di un'organizzazione, può aiutare a modellare la vostra strategia per la distribuzione di contenuti di apprendimento.

Discutere il target KPI e le loro misure, dopo aver determinato l'intervento che è necessario. Ad esempio, è possibile utilizzare una riduzione dei tassi di turnover del personale annuali in ruoli specifici per misurare il miglioramento sulla base di quanto questo KPI è diminuito o migliorato. Qualunque sia il KPI che si utilizza, assicurarsi cosa aiuta a prendere decisioni intelligenti per migliorare l’attività commerciale, per giustificare l'apprendimento dei contenuti del ROI.

2. Coinvolgere gli studenti

La comunicazione con gli studenti è di vitale importanza per comprendere meglio le loro esigenze. Coinvolgere i discenti, discutendo i loro metodi preferiti di apprendimento e i loro punti di difficoltà. Qui ci sono alcuni modi per iniziare queste conversazioni:

  • Utilizzare sondaggi per identificare i punti deboli degli studenti, quando si verificano, e fattori che possono aiutare a risolvere questi problemi.
  • Comprendere le mansioni degli studenti, in modo da avere una migliore idea di come migliorare le prestazioni.
  • Identificare le prestazioni di riferimento con la creazione di punti di riferimento solidi di successo e di apprendimento da parte degli esperti.
  • Considerate le correzioni a breve e lungo termine, separando soluzioni temporanee che affrontano il problema immediatamente, da soluzioni di prevenzione, a lungo termine, che possono richiedere coaching o formazione supplementare.

Avviare la conversazioni con i tuoi studenti ti aiuterà a identificare i contenuti di apprendimento per migliorare le prestazioni, tra cui la necessità di un apprendimento comportamentale o di abilità, just-in-time dei contenuti, o un ibrido di entrambi gli apprendimenti. Queste conversazioni anche aiutare a determinare le preferenze dello studente, come le strutture di tempo per l'apprendimento, i dispositivi utilizzati, il supporto utile o esempi di apprendimento e i luoghi di apprendimento, ad esempio, alla scrivania o in viaggio. Questi fattori consentono di impostare le basi di ulteriori parametri di riferimento e contenuti di apprendimento che è possibile utilizzare per dimostrare la validità dei contenuti e aiutare a determinare se si soddisfano le esigenze di quel particolare pubblico.

3. Tenere traccia dei dati statistici

E’ fondamentale per tenere il passo con le prestazioni dei contenuti di apprendimento. La creazione di un cruscotto/dashboard per monitorare costantemente i dati, offre anche il vantaggio di assistere contemporaneamente gli studenti a migliorare le loro prestazioni, mentre vi permetterà di modificare la vostra strategia, se è necessario. È inoltre possibile migliorare le possibilità di soddisfare i vostri KPI di obiettivo, condividendo i consigli con il grado di apprendimento e lo sviluppo di squadra,  su cosa ha funzionato e cosa non ha funzionato, sulla base di un migliore KPI, in modo da poter costruire un solido profilo di abitudini di apprendimento.

È possibile monitorare l'accesso alla mobilità e tassi di completamento sul cruscotto, per esempio. Ci si può aspettare tassi di completamento per verificare, caso per caso. Statistiche di autoapprendimento sono anche di vitale importanza, ma possono essere inizialmente bassi a causa di vari fattori, tra cui la mancanza di consapevolezza o di supporto manageriale. Con l'aiuto di dashboard di statistiche, è possibile misurare lo stato del corsista.

4. L’indirizzo di apprendimento ha bisogno di elaborare adattamenti

Se una strategia di apprendimento sta ostacolando gli sforzi di miglioramento, allora è il momento di cambiare. È possibile inserire contenuti  interessati nei progetti di eLearning con gli strumenti di authoring collaborativi giusti per creare valore reale che soddisfi le esigenze di business e accelera la produttività eLearning.

Qui ci sono alcuni modi per eseguire questa operazione:

  • Rimani in contatto con i discenti utilizzando help-desk o messaggistica online.
  • Utilizza uno strumento di authoring collaborativo che migliora il lavoro di squadra e riduce o elimina il lavoro di ufficio.
  • Traccia nuovi progetti con semplicità attraverso la creazione di temi riutilizzabili. Utilizzare strumenti di apprendimento basati su cloud per aggiornamenti istantanei.
  • Autorizza la tua squadra a modificare e creare contenuti didattici.

5. Aprire il processo

E 'importante tenere gli studenti coinvolti nel processo per promuovere l'innovazione e per ottenere un prezioso feedback. Ecco perché si dovrebbe essere realistici circa il vostro processo di gestione didattica.

Ecco alcuni consigli su come eseguire questa operazione:

  • Includi una narrazione  e convalida il contenuto con i dati di apprendimento.
  • Condividi le informazioni con gli studenti e i dirigenti.
  • Elabora una strategia di comunicazione in modo che il tutor può spiegare le sue iniziative e cosa aspettarsi.
  • Campagne di marketing in stile Run per dimostrare le capacità di apprendimento e sviluppo.