Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

15 settembre 2015

E-learning, Metodologia didattica

Nuovi scenari per una fomazione continua, veloce, pratica e senza costi

E-learning, Metodologia didattica

elearningLe nuove metodologia didattiche offrono la possibilità di erogare contenuti formativi elettronicamente (e-learning), attraverso reti Internet o reti Intranet. Per l’utente rappresenta una soluzione di apprendimento flessibile, in quanto facilmente personalizzabile e facilmente accessibile. Il termine e-learning copre un’ampia serie di applicazioni e processi formativi, quali computer based learning, Web-based learning e aule virtuali. In effetti, sviluppare un sistema di e-learning significa sviluppare un ambiente integrato di formazione utilizzando le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare le risorse per l’apprendimento.

Le modalità più utilizzate per realizzare tale integrazione sono: • l’auto-apprendimento asincrono attraverso la fruizione di contenuti preconfezionati disponibili sulla piattaforma di erogazione; • l’apprendimento in sincrono attraverso l’utilizzo della videoconferenza e delle aule virtuali; • l’apprendimento collaborativo attraverso le attività della comunità virtuale di apprendimento. Le azioni, inizialmente mirate al potenziamento delle infrastrutture e delle attrezzature, si vanno sempre più orientando verso gli aspetti pedagogici e di contenuto, l’assicurazione della qualità, gli standard, la formazione dei formatori, il cambiamento organizzativo, la trasformazione dei processi di educazione e formazione, la formazione e l’aggiornamento dei lavoratori del settore pubblico: a questo proposito sono promossi scambi ed azioni congiunte tra il settore pubblico e il settore privato. Attualmente l’obiettivo della Commissione Europea è quello di incentivare la creazione e la diffusione di contenuti di qualità e servizi digitali con interscambi europei continuando a supportare i programmi di e-learning. Nel sottolineare l’importanza crescente dell’uso delle tecnologie nella formazione, a proposito dell’e-learning, il governo afferma,che: "L’adozione di tali tecnologie comporta notevoli investimenti iniziali e, al pari di altri progetti di automazione, richiede un’attenta pianificazione, soprattutto al fine di tenere conto degli obiettivi della formazione, dei destinatari e dell’integrazione con le tradizionali metodologie d’aula". Oltre alle tecnologie molto è cambiato in questi ultimi anni: parecchie aziende hanno affiancato l’e-learning alle metodologie tradizionali anche se rimangono problemi organizzativi e resistenze culturali da parte dei responsabili della formazione e degli stessi discenti. Spesso le esperienze di e-learning sono state episodiche e non hanno avuto un impatto reale sul modo di fare formazione. D’altra parte le nuove tecnologie e metodologie progettuali, tendono a superare alcune delle limitazioni dell’elearning che spesso è stato visto come una metodologia troppo strutturata e unidirezionale. Le nuove tecnologie collaborative, infatti, assegnano al discente un ruolo più attivo e favoriscono la creazione di comunità di pratiche e permettono di dare continuità alla formazione al di là del singolo evento formativo strutturato. Per realizzare al meglio la formazione continua occorre, infatti, garantire una costante e qualificata produzione di contenuti digitali e realizzare una rete per la loro condivisione. La selezione, l’organizzazione, la condivisione e la riproduzione della conoscenza è un passo cruciale per la creazione di reti e comunità, al cui interno sviluppare un confronto continuo per condividere la conoscenza posseduta o generarne di nuova. La formazione in rete può creare quel substrato culturale che costituisce il presupposto irrinunciabile affinché l’egovernment attecchisca veramente all’interno delle amministrazioni. Nelle aziende le trasformazioni organizzative di questo tipo sono state frenate dal timore di perdere il controllo delle attività e dalla scarsa comprensione del rapporto costi-benefici. Viceversa, è necessario creare l’amministrazione digitale in rete (egovernment) che non consiste in una mera informatizzazione degli uffici, ma in un ridisegno dei processi e delle attività e nell’organizzazione del lavoro in rete. In questa prospettiva le nuove tecnologie della formazione costituiscono un supporto importante per questo processo.   MODI Qualità, Ambiente, Sicurezza, Corsi di Formazione, Privacy e 231