Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

27 gennaio 2015

Freyrie: ‘la qualità dell’architettura sia arma contro il malaffare’

27/01/2015 - “Usare l’arma della qualità dell’architettura contro il malaffare, la mafia, la cattiva sorte delle opere pubbliche italiane. È questa la sfida del nuovo Codice degli Appalti”.   Così scrive Leopoldo Freyrie, presidente del Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori (Cnappc), in una lettera aperta alla presidente della Commissione Antimafia, Rosy Bindi, ai presidenti dell’Autorità Nazionale Anticorruzione, Raffaele Cantone, e della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici della Camera, Ermete Realacci e al viceministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Riccardo Nencini.   “Il sistema mafioso o anche solo corrotto che inquina gli appalti delle opere pubbliche italiane - spiega Freyrie - non prevede la competenza di bravi architetti o di imprese di costruzioni serie: ecco perché si vince il malaffare con la qualità dei progetti, con..
Continua a leggere su Edilportale.com

Leggi altri articoli della categoria LAVORI PUBBLICI