Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

20 novembre 2014

I nuovi reati di concussione e corruzione: quali responsabilita’ per gli enti, ex d.lgs. 231/01


D.lgs. 231/01 I nuovi reati di concussione e corruzione

 

quali responsabilita' per gli enti, ex d.lgs. 231/01

I recenti fatti di cronaca hanno riportato con prepotenza all’attenzione la riforma intervenuta solo due anni fa in materia di corruzione.

Già l’Unione Europea, nel Rapporto 2014 Anticorruzione,   ha sottolineato che i provvedimenti assunti nel 2012 non sono sufficienti dal momento che i costi della corruzione incidono in maniera estremamente significativa sul Pil italiano. Si ricorda che con la L. 190/2012 (legge anticorruzione) sono state riformate le fattispecie di reati commessi da privati e pubblici ufficiali contro la pubblica amministrazione e non solo. L'intervento normativo è stato presentato come momento imprescindibile per il rilancio del Paese, finalizzato ad implementare l’apparato preventivo e repressivo contro l’illegalità nella pubblica amministrazione.

In particolare, la legge anticorruzione, sul versante repressivo, modifica il codice penale poiché:

  • aumenta il minimo sanzionatorio della reclusione per il reato di peculato;
  • ridefinisce il reato di concussione distinguendo la fattispecie di concussione per induzione e di concussione per costrizione, quest’ultima riconducibile al solo pubblico ufficiale;
  • pone la distinzione tra la corruzione impropria, per atti d’ufficio, e quella propria, relativa al compimento di un atto contrario ai doveri di ufficio;
  • punisce la corruzione tra privati con la reclusione da uno a tre anni;
  • introduce la nuova fattispecie delittuosa del traffico di influenze illecite, prevedendo una pena da uno a tre anni di reclusione.

La modifica di maggior rilievo, ai fini della presente trattazione, è quella concernente i delitti di concussione e corruzione. Inutile sottolineare la rilevanza che tale modifica ha determinato anche in relazione alla responsabilità amministrativa degli enti, essendo le ipotesi criminose modificate presenti tra i reati presupposto di cui al d.lgs. 231/2001.


quali responsabilita' per gli enti, ex d.lgs. 231/01Scarica, quali responsabilita' per gli enti, ex d.lgs. 231/01

Si consiglia: il giorno 28/11/2014 si terrà a Milano il Convegno “ Compliance aziendale – il dettato normativo e la responsabilità dei soggetti apicali”.

La partecipazione all’incontro può essere un valido strumento sia per gli operatori di tali materie, sia per coloro che si avvicinano al mondo della Compliance per la prima volta, nell’ottica di fornire strumenti pratici per la corretta applicazione delle norme di riferimento.

Per informazioni e prenotazioni
Gruppo PLS srl
- sito internet: http://www.gruppopls.com/it/convention.html
- email: convegni@gruppopls.com
- Customer Service telefonico: +39.02.39443190

Orari e Luoghi
Milano, 28 novembre 2014 - ore 09:00 - 18:00
Palazzo Bovara - Corso Venezia, 51 (MM. Palestro)

Matteo Alessandro Pagani
@GruppoPLS


Leggi altri articoli della categoria Generale