Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

4 aprile 2014

I professionisti con redditi bassi pagano contributi ridotti

04/04/2014 – Ingegneri e architetti che dichiarano redditi bassi possono decidere di non pagare il contributo soggettivo minimo, ma una quota proporzionale al reddito prodotto. È la novità presentata nei giorni scorsi da Inarcassa, cassa nazionale di previdenza ed assistenza per gli ingegneri ed architetti liberi professionisti.   Con una modifica al Regolamento generale di previdenza, è stato stabilito che i professionisti che pensano di dichiarare un reddito 2014 inferiore a 15.690 euro, già da quest’anno possono evitare di pagare il contributo soggettivo minimo di 2275 euro. In alternativa, a dicembre 2015 dovranno versare il 14,5% del reddito dichiarato ai fini Irpef. Se si produce un reddito di 10 mila euro, ad esempio, invece del contributo soggettivo minimo di 2275 euro si potranno pagare 1450 euro, cioè il 14,5% di 10 mila.   Si potrà derogare all'obbligo della contribuzione minima soggettiva per un..
Continua a leggere su Edilportale.com

Leggi altri articoli della categoria PROFESSIONE