Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

9 marzo 2015

I ritardi delle opere incompiute costano 800 miliardi di euro

09/03/2015 – Tempi certi nella realizzazione delle opere pubbliche, tutela dei lavoratori edili, contrasto alla concorrenza sleale (che favorisce imprese più economiche e meno qualificate) e limite all’utilizzo del sub-appalto.   Questi gli obiettivi principali perseguiti dalla legge d’iniziativa popolare in tema di appalti pubblici lanciata in un convegno dalla Federazione Italiana dei Lavoratori del Legno, dell' Edilizia, delle industrie Affini ed estrattive (Fillea Cgil) giovedì 5 marzo a Roma.   La Fillea Cigl ha 'spinto' l'iniziativa con una giornata di mobilitazione nazionale con tantissimi flash mob; i lavoratori edili in circa 40 città italiane hanno appeso striscioni con lo slogan #giulemanidaicantieri su ponti, piloni autostradali, opere ferme o incompiute, monumenti, palazzi istituzionali, traghetti, centri storici.   La giornata di mobilitazione ha riacceso i riflettori non solo sulla crisi del settore..
Continua a leggere su Edilportale.com

Leggi altri articoli della categoria Appalti