Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

19 gennaio 2015

Il nuovo Codice degli appalti secondo i professionisti tecnici

19/01/2015 - Aprire il mercato dei lavori pubblici ai giovani professionisti e ai piccoli studi; rilanciare il concorso di progettazione; rilanciare il fondo di rotazione per l’affidamento dei servizi di architettura e ingegneria ai liberi professionisti.   Sono tre dei dieci punti dei quali la Rete delle Professioni Tecniche (RPT) chiede di tener conto nella riscrittura del Codice degli Appalti pubblici.   La RPT, che raggruppa 9 professioni ordinistiche (Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori; Chimici; Dottori Agronomi e Dottori Forestali; Geologi; Geometri, Ingegneri; Periti Agrari; Periti industriali; Tecnologi alimentari, in rappresentanza di oltre 600.000 professionisti), è stata audita dalla Commissione Lavori Pubblici del Senato, nell’ambito dell’esame del disegno di legge che delega il Governo ad attuare le nuove direttive europee sugli appalti pubblici.   In attesa del testo del nuovo Codice dei Contratti, sul quale..
Continua a leggere su Edilportale.com

Leggi altri articoli della categoria LAVORI PUBBLICI, PROFESSIONE