Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

13 ottobre 2016

Il piano triennale delle opere pubbliche punterà sulle incompiute

13/10/2016 – Saranno il completamento delle opere incompiute e gli interventi di manutenzione e recupero del patrimonio esistente le priorità dei piani triennali delle opere pubbliche. E se non sarà possibile ultimare i lavori, le Amministrazioni dovranno proporre soluzioni alternative, come il cambio di destinazione d'uso, l'utilizzo ridimensionato o, nei casi più estremi, la vendita e la demolizione. Lo prevede il decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, attuativo del Codice Appalti (D.lgs. 50/2016), che sta per essere approvato. Programma triennale e incompiute Il programma triennale dei lavori pubblici e i relativi aggiornamenti annuali, redatti dalle Pubbliche Amministrazioni, devono contenere i lavori il cui valore stimato sia pari o superiore a 100mila euro. Il Codice Appalti ha demandato ad un decreto del Mit la definizione delle modalità di aggiornamento, dei criteri per la definizione delle.. Continua a leggere su Edilportale.com   MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231