Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

19 ottobre 2012

Il rapporto tra la funzione di Internal Audit e l’Audit Committee

Il riporto funzionale dell'Internal Audit all'Audit Committee è un presupposto importante per l'indipendenza dell'attività di audit; il responsabile della funzione di Internal Audit deve, pertanto, attivarsi affinchè l'Audit Committee garantisca una forte supervisione sull'attività della funzione.

Il riporto funzionale della funzione di Internal Audit all'Audit Committee (sia esso un vero e proprio Audit Committe o il nostro comitato per il controllo interno) è un presupposto importante per l'indipendenza dell'attività di audit, ma come garantire che la supervisione dell'Audit Committee sull'attività di audit sia sostanziale e non puramente formale?
Richard Chambers, Presidente e Chief audit executive di IIA Global, apre una riflessione su questo tema.

Rafforzare il rapporto con l'Audit Committee, un comitato che si riunisce pochi giorni all'anno, è uno dei compiti fondamentali del responsabile della funzione di Internal Audit (RIA). A tal fine il RIA deve riuscire a trasmettere all'Audit Committee l'importanza dell'attività di audit a supporto delle decisioni del Consiglio di amministrazione e deve garantire che l'Audit Committee riceva tutte le informazioni di cui necessita per svolgere adeguatamente il proprio compito (ad es. gli obiettivi dell'attività di audit, la stato di avanzamento delle attività programmate), coinvolgendolo anche negli aspetti di organizzazione della funzione e di definizione delle risorse finanziarie e professionali necessarie.

Vai all'articolo "Facilitating Strong Internal Audit Oversight", di Richard Chambers.

Leggi altri articoli della categoria Senza categoria