Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

22 gennaio 2015

In Gazzetta i requisiti delle 35 stazioni appaltanti

22/01/2014 – Con la pubblicazione in Gazzetta del DPCM 11 novembre 2014  e del DPCM 14 novembre 2014  inizia il processo di riduzione delle Stazioni Appaltanti delle circa 32 mila al momento esistenti alle massimo 35 su tutto il territorio nazionale.   I DPCM, che definiscono i requisiti dei “soggetti aggregatori” e istituiscono il relativo tavolo tecnico, sono stati introdotti dal Decreto Irpef-Spending Review (DL 66/2014) che prevede uno snellimento delle norme e delle procedure per la partecipazione alle gare.   Secondo il DPCM 11 novembre 2014 per poter entrare a far parte dei soggetti aggregatori i vari enti (tra cui Città metropolitane, province, associazioni, unioni e i consorzi di enti locali) devono aver avviato procedure per l’acquisizione di beni e servizi per almeno 200 milioni nell'ultimo triennio e comunque con un valore minimo di 50 milioni di euro per ciascun anno.   Tra i soggetti aggregatori entreranno..
Continua a leggere su Edilportale.com

Leggi altri articoli della categoria LAVORI PUBBLICI