Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

11 ottobre 2012

INAIL – Al Quirinale la Giornata nazionale per le vittime degli incidenti sul lavoro

Giorgio Napolitano

11 ottobre 2012. La manifestazione in programma domani mattina nel Salone delle Feste si svolgerà per la prima volta alla presenza del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Previsti gli interventi del ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Elsa Fornero, e del presidente dell'INAIL, Massimo De Felice

ROMA - Il Salone delle Feste del Quirinale domani, venerdì 12 ottobre, a partire dalle ore 11 farà da cornice alla celebrazione ufficiale della Giornata nazionale per le vittime degli incidenti sul lavoro, tradizionale manifestazione organizzata ogni anno dall'Anmil (Associazione Nazionale fra Lavoratori Mutilati e Invalidi sul Lavoro) per onorare la memoria dei caduti sul lavoro e richiamare l'attenzione dell'opinione pubblica su questa drammatica realtà sociale.

La cerimonia anticipa le celebrazioni di domenica 14 ottobre. La cerimonia del Quirinale anticiperà le numerose celebrazioni previste su tutto il territorio nazionale domenica 14 ottobre e per la prima volta si svolgerà alla presenza del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, a ulteriore conferma della particolare sensibilità del Capo dello Stato rispetto al fenomeno degli infortuni sul lavoro. Nel corso della manifestazione, sono previsti anche gli interventi del ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Elsa Fornero, del presidente dell'INAIL, Massimo De Felice, e del presidente nazionale Anmil, Franco Bettoni.

Tra le testimonianze anche quella di De Pellegrin, portabandiera a Londra. L'evento, coordinato da Corradino Mineo, direttore di Rai News 24, si articolerà in diversi momenti che prevedono anche le testimonianze di alcune vittime di infortuni sul lavoro e dei loro familiari, tra cui il campione paralimpico Oscar De Pellegrin, portabandiera dell'Italia ai recenti Giochi Paralimpici di Londra, Debora Spagnuolo, vedova di un operaio morto nel maggio dello scorso anno, e il giovane infortunato Giammarco Mereu. Il tutto con il coinvolgimento di numerosi alunni delle scuole elementari che hanno partecipato a progetti per la diffusione della cultura della sicurezza e della prevenzione.

Seguiteci anche su Facebook e su Twitter

Leggi altri articoli della categoria Senza categoria