Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

8 novembre 2012

INAIL – De Felice: Sartori, presenza ancora viva nell’Istituto

Massimo De Felice premia Riccardo Rudi

8 novembre 2012. Il presidente dell'INAIL a Varese per la prima edizione del premio per cortometraggi sul tema della sicurezza nei luoghi di lavoro dedicato alla memoria di Marco Fabio Sartori: "Ha lasciato un segno tangibile della sua azione, porteremo avanti le sue iniziative"

VARESE - Un concorso internazionale per cortometraggi sul tema del lavoro sicuro dedicato alla memoria del presidente dell'INAIL, Marco Fabio Sartori, scomparso un anno fa. Ieri, a Varese, presso Villa Recalcati, la consegna dei premi alla presenza del padre e del fratello di Sartori. Alla cerimonia è intervenuto il presidente dell'Istituto, Massimo De Felice. Presente anche il direttore generale, Giuseppe Lucibello.

La prima edizione del premio Sartori a "Voglio solo sognare" di Riccardo Rudi. Alla sua prima edizione, il premio "Marco Fabio Sartori" - promosso dall'Organismo paritetico della Provincia di Varese e sostenuto da INAIL Varese, in collaborazione con l'Istituto cinematografico Michelangelo Antonioni e AlchimiaEventi - ha riscosso grande successo, con 41 cortometraggi in gara. L'opera vincitrice è risultata "Voglio solo sognare" di Riccardo Rudi, al quale è andato un premio di 2mila euro. Secondo arrivato per meriti artistici è stato proclamato Alessandro Lovecchio, con "Burnout". Ancora, la giuria d'eccellenza - composta da Matteo Inzaghi, giornalista, Manuela Maffioli, direttrice della rivista "Blow Up", Fabrizio Ferrari, presidente di Oop Varese, e Roberto della Torre, professore di storia del cinema italiano presso l'Università Cattolica di Milano - ha attribuito la menzione onorifica "Cinema e sicurezza nel territorio" ad "Art. 1" di Paolo Borsani e a "Lavori in corso" di Nicoletta Borsani.

De Felice: "La sua presenza avvertita in modo forte e autentico". Il presidente dell'INAIL, Massimo De Felice, rivolgendosi ai cittadini di Varese, ai rappresentanti delle istituzioni e ai familiari di Fabio Marco Sartori presenti alla premiazione ha sottolineato l'affetto e la stima che ne caratterizzano il ricordo. "Parlo nella sua 'casa', molti di voi lo hanno conosciuto di persona - ha affermato - io non ho avuto il piacere di conoscerlo personalmente, ma da quando ho assunto il suo stesso incarico all'INAIL ho scoperto quanto la sua presenza sia avvertita ogni giorno, ancora oggi, in modo forte e autentico in chi ha lavorato e collaborato con lui". Un ricordo vivo e intenso, ha aggiunto De Felice, che "mi fa comprendere quanto Fabio Sartori sia stato una persona con una grandissima forza, una grandissima capacità, capace di lasciare un segno tangibile della sua azione".

"Grazie a lui sono state promosse numerose iniziative di grande qualità". Il presidente dell'INAIL  si è soffermato, inoltre, sulle "numerose iniziative e attività realizzate e avviate da Sartori, molte delle quali particolarmente pregevoli, che speriamo di potere continuare nel suo nome". Infine, parole di elogio sono state espresse per il premio cinematografico dedicato alla sicurezza sul lavoro. "Sono certo che questa iniziativa sarebbe piaciuta molto a Fabio Sartori - ha concluso De Felice - perché coglie il valore profondo di una delle attività principali dell'istituto - la promozione della cultura della prevenzione - peraltro attraverso un approccio innovativo dal punto di vista della comunicazione e della formazione".

Seguiteci anche su FacebookTwitter e YouTube

Leggi altri articoli della categoria Senza categoria