Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

21 settembre 2012

INAIL – Digitalizzazione globale dei servizi INAIL: attivata la fase operativa

digitalizzazione dei servizi

20 settembre 2012. Fissata per il prossimo 28 settembre la prima scadenza del cronoprogramma che porterà all'utilizzo esclusivo dei canali telematici nelle comunicazioni tra l'Istituto, le imprese e i datori di lavoro. Interessate le denunce di iscrizione e di cessazione di attività: per provvedere agli adempimenti basterà accedere all'area "Punto Cliente" del portale

ROMA - Al via la fase operativa che, sulla base del cronoprogramma ufficializzato alla fine dello scorso luglio, porterà all'utilizzo esclusivo dei servizi telematici nelle comunicazioni tra  l'INAIL e le aziende. La prima scadenza è stata fissata per il 28 settembre e riguarda le principali denunce che interessano le ditte come quelle di iscrizione e di cessazione di attività -, nonché i prioritari adempimenti relativi al settore navigazione (per l'elenco completo vedi la circolare allegata). Dunque, in questi casi niente più documenti cartacei, ma un semplice accesso alle funzionalità dell'area "Punto Cliente" e agli applicativi presenti sul portale dell'Istituto.

Più innovazione, trasparenza e sburocratizzazione. Il programma generale di informatizzazione - nel pieno rispetto di quanto disposto dal decreto della Presidenza del consiglio dei ministri del 22 luglio 2011 - è stato definito in accordo col sistema delle associazioni datoriali e porta a definitivo compimento l'imponente strategia di sviluppo avviata dall'INAIL nell'ultimo decennio all'insegna della cultura dell'innovazione, della multicanalità e della sburocratizzazione. Sinonimo di "trasparenza" e di "contenimento" dei costi, questo processo consente, inoltre, una significativa "reingegnerizzazione" delle attività operative dell'Istituto, liberando risorse dalle funzioni di "sportello" (dal minore valore aggiunto) per potenziare quelle di back-office, a più stretto sostegno del lavoratore infortunato.

Rotoli: "Il percorso di fattibilità definito con le associazioni datoriali". "Il percorso temporale stabilito tiene conto, in modo autentico, delle necessità di riorganizzazione alla quale sono chiamate le aziende e corrisponde a precise stime di fattibilità realizzate - afferma Ester Rotoli, responsabile della direzione centrale Rischi dell'INAIL - Per questo motivo, abbiamo stabilito che le prime tappe riguardassero quei servizi dove il ricorso alle modalità informatiche è, in generale, già fortemente diffuso. Continueremo, inoltre, a organizzare incontri con le associazioni di categoria per la condivisione dell'operazione e sono state programmate attività di informazione e formazione per gli operatori del Contact center multicanale dell'Istituto".

Mazzetti: "Più tempestività nella lavorazione dei dati". Ancora, il ricorso all'informatizzazione per tutte le comunicazioni garantirà alle imprese non solo una maggiore semplificazione nell'adempimento delle procedure, ma anche una maggiore qualità nel trattamento del dato e della tempestività della sua lavorazione. "Il servizio telematico è assolutamente sicuro e senza quel margine di errore umano che può caratterizzare la trattazione di un'istanza pervenuta tramite altri canali di trasmissione, compresa la Posta elettronica certificata - dice Giuseppe Mazzetti, responsabile della direzione Programmazione, organizzazione e controllo dell'Istituto -  Alle aziende basterà accedere direttamente all'area 'Punto Cliente' sul nostro portale, anche mediante un intermediario, e inviare le denunce. L'utilizzo della Pec sarà, invece, necessario per le sole imprese che, in caso di denuncia di iscrizione, non vogliano ricorrere all'assistenza di un intermediario".

Cariola: "Per il settore marittimo un autentico salto di qualità". L'operazione  riveste particolare significatività nel settore navigazione, per il quale è stata inserita - tra i vari servizi - la telematizzazione della denuncia di retribuzione per l'erogazione di tutte le prestazioni: infortunio, malattia comune e maternità (un adempimento ricorrente e quantitativamente significativo per le imprese. L'armatore, infatti, è obbligato a comunicare, a seguito dell'evento che legittima le prestazioni, quanto corrisposto al lavoratore nei 30 giorni precedenti). Per l'INAIL Settore navigazione, si tratta di un significativo passo in avanti nei rapporti con le imprese, che si tradurrà nell'acquisizione in tempo reale di dati e informazioni necessari per l'erogazione delle indennità. "Significativo è il vantaggio che interesserà la platea degli assistiti che, adesso, potranno contare su una qualità più alta dei servizi, specie per quanto riguarda il tempo di erogazione delle prestazioni - valuta Agatino Cariola, direttore centrale della direzione Servizi istituzionali settore navigazione - Vista la portata di questo cambiamento, l'Istituto seguirà le imprese con la dovuta flessibilità per meglio coinvolgere gli armatori nel progetto di digitalizzazione e realizzare nella maniera più semplice ed efficace questo autentico salto di qualità".

(ls)

Per saperne di più:

Circolare sull'obbligo telematico: le denunce interessate alla scadenza del 28 settembre
Il cronoprogramma INAIL: telematizzazione degli adempimenti e scadenze temporali

Seguiteci anche su Facebook e su Twitter

Leggi altri articoli della categoria Senza categoria