Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

10 dicembre 2012

INAIL – Evoluzione del diritto e nuove tecnologie: l’Inail protagonista nella Pa

avvocatura

7 dicembre 2012. Nel corso del recente seminario nazionale degli avvocati un'analisi dell'evoluzione dell'Istituto alla luce dei processi di cambiamento sempre più accelerati della società: dalla diffusione pervasiva della telematica alla riorganizzazione dell'ordinamento giuridico

ROMA - Se la diffusione pervasiva delle nuove tecnologie sta imprimendo processi di trasformazione accelerati - e se tali processi si riflettono in ogni ambito: dall'economia alla politica, alla legge -, anche un soggetto della Pa quale l'Inail può rivelarsi un protagonista importante per comprendere il senso di queste dinamiche e, insieme, la portata di un momento storico dove il presente è sempre più breve e la distanza tra passato e futuro sempre più corta. E' questo uno dei principali significati emersi nel recente seminario nazionale degli avvocati dell'Inail "L'accelerazione del cambiamento": a fornire particolari spunti d'analisi la disamina dell'attuale processo di revisione della Pa e delle misure di spending review adottate dal Governo, nell'ambito del quale è coinvolto anche l'Istituto.

Evoluzione in parallelo coi cambiamenti sociali. "Affrontando questa prospettiva con un approccio storico è possibile rilevare come i processi di cambiamento non costituiscano di certo una novità per l'Istituto, vista l'evoluzione che ne ha progressivamente modificata, nel tempo, la natura e le funzioni", afferma l'avvocato generale, Luigi La Peccerella. Dagli albori del 1898 - quando nacque come gestore di una forma di assicurazione obbligatoria contro gli infortuni - alla promulgazione della Costituzione, che ne modificò la natura in ente strumentale predisposto dallo Stato per l'attuazione delle tutele contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali (articolo 38, comma 2), l'Inail ha proceduto, infatti, di pari passo con l'evoluzione sociale, non esaurendo il proprio intervento nell'erogazione di prestazioni economiche di natura indennitaria, e non risarcitoria, ma includendo via via anche tutte le cure necessarie per il recupero dell'integrità psicofisica e ogni prestazione utile per il reinserimento socio-lavorativo.

Dalla rivoluzione industriale alla crisi: la mission dell'Istituto si rafforza. Rivoluzione industriale, boom economico, globalizzazione, crisi dell'economia hanno rappresentato fasi di un percorso di cambiamento che, per quanto riguarda l'Istituto, è sempre proceduto nel senso della conferma della sua mission, col progressivo arricchimento di compiti e funzioni, fino all'affermazione del valore della prevenzione quale obiettivo generale nel quale includere attività sempre più molteplici. Un processo - valuta La Peccerella - "dove l'Inail ha saputo gestire con efficacia ogni cambiamento e affermarsi come punto di riferimento certo per i lavoratori e le imprese e che ha visto un passaggio significativo nell'ulteriore definizione della funzione registrata dall'inizio di questo secolo".

La progressive "conferme" del corpus legislativo. Dall'importante riforma del decreto legislativo n. 38/2000, che ha introdotto l'indennizzo del danno biologico, al decreto legislativo n. 81/2008, dal decreto correttivo n. 106/2009 al decreto legge n. 78/2010: sono questi i principali interventi del legislatore che hanno, in parte, ridisegnato le competenze dell'Inail e, per altro verso, le hanno confermate o rafforzate,  dando maggiori certezze in un contesto più chiaramente definito (per esempio, per quanto riguarda le prestazioni sanitarie, le competenze in materia di prevenzione, il finanziamento alle imprese per la realizzazione di progetti finalizzati al miglioramento dei livelli di salute e sicurezza, etc).

Il Polo salute e sicurezza: una gestione sinergica e omogenea di tutte le funzioni. La recente incorporazione di Ipsema e Ispesl ha, infine, consentito di riportare a unitarietà, e quindi a una gestione sinergica e omogenea, la tutela dei marittimi e le funzioni di ricerca e di prevenzione, qualificando l'intervento non solo come una misura di carattere organizzativo, ma come la definitiva affermazione del principio di inscindibilità di tutte le diverse funzioni che concorrono a realizzare l'obiettivo di miglioramento del livello di salute e sicurezza sul lavoro. "La prevenzione (per la parte di competenza), le prestazioni sanitarie e quelle finalizzate al reinserimento socio lavorativo e le prestazioni economiche sono tutte funzionali allo scopo e tra loro interdipendenti - dice La Peccerella - e soltanto la loro gestione sinergica può garantire un adeguato livello di tutela".

Cambia l'organizzazione interna: forte utilizzo della telematica. Tutto ciò, ovviamente, ha esercitato forti ripercussioni anche sull'organizzazione interna dell'Istituto e sulle modalità di funzionamento delle strutture, e anche da questo punto di vista l'Inail si è caratterizzato come una delle amministrazioni storicamente più avanzate, in particolare nell'utilizzo della telematica (l'esito del recente click day - il primo in Italia a concludersi senza inconvenienti e difficoltà - ne è stato la dimostrazione pratica).In questa dinamica assume particolare rilievo la data del 1° luglio 2013, momento in cui per tutta la Pa italiana - nel rispetto di quanto disposto dal dpcm del 22 luglio 2011 - scadrà il termine ultimo per il passaggio all'utilizzo esclusivo dei servizi telematici.

L'Avvocatura come presidio essenziale nella garanzia d'imparzialità. "In generale la diffusione dell'information technology ha avuto forti impatti di natura giuridica: pensiamo alla validità formale degli atti predisposti mediante la tecnologia informatica e a quelle delle transazioni e dei contratti telematici - valuta l'avvocato generale - Ma il suo sviluppo crea anche dei problemi nuovi e crescenti sul fronte della tutela dei diritti". In questo panorama complesso - dove economia, welfare e tutele del cittadino sono legate a filo stretto e lo sviluppo tecnologico si è affermato come particolare strumento di accelerazione e condizionamento, per la pubblica amministrazione in tutte le sue articolazioni - il diritto è più che mai una "cartina di Tornasole". "In questo contesto in rapida evoluzione l'attività dell'Avvocatura dell'Istituto costituisce un presidio essenziale per l'attuazione del principio di legalità sancito dall'articolo 97 della Costituzione e, quindi, un'ulteriore garanzia dell'imparzialità dell'azione pubblica, di fondamentale importanza per un Ente come l'Inail chiamato a garantire diritti della persona costituzionalmente protetti", conclude La Peccerella.

(Luca Saitta)

Seguiteci anche su Facebook, Twitter e YouTube

Leggi altri articoli della categoria Senza categoria