Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

13 settembre 2012

INAIL – Sicurezza industriale: INAIL nel consorzio dell’Ue per la ricerca

sicurezza industriale

12 settembre 2012. L'Istituto tra i 19 partner di Saf€ra, l'azione promossa dalla Commissione europea per l'avvio di strategie di intervento comuni e coordinate. Tra gli ambiti di studio dove si  svilupperanno strategie e strumenti di collaborazione l'individuazione tempestiva dei rischi, l'interazione uomo/macchina e l'identificazione delle buone prassi

BRUXELLES -Anche nella ricerca l'unione fa la forza. E' l'INAIL il partner italiano del consorzio Saf€ra, l'azione promossa dalla Commissione europea per la promozione di una rete dei diversi enti che gestiscono attività di studio in materia di sicurezza industriale. Al progetto aderiscono 19 soggetti tra istituti pubblici e autorità di controllo di dieci paesi Ue. Attivata a maggio, Saf€ra si svilupperà nell'arco di tre anni. I primi risultati, però, saranno visibili tra poco: se già nello scorso mese di luglio si è svolto a Tolosa un workshop di confronto, entro breve saranno comunicati gli esiti di una ricognizione preliminare sulla materia che consentirà l'avvio delle prime strategie comuni e, successivamente, il lancio di iniziative coordinate.

Un network europeo per superare la "frammentazione". Saf€era è un'azione Eranet, le attività di supporto interamente finanziate dal settimo programma quadro della ricerca Europea per favorire la cooperazione e il coordinamento su aree di ricerca di particolare importanza. A motivare l'attenzione nei confronti della sicurezza industriale è la forte frammentazione che si riscontra tra le realtà dei singoli paesi membri. Il progetto permetterà, così, di stimolare la collaborazione e l'innovazione necessarie per risolvere problemi che, diversamente, non potrebbero essere affrontati. L'approdo finale è l'avvio di un network europeo fra i soggetti chiave nel campo che possano intraprendere insieme progetti di ricerca transnazionali.

Un progetto a favore della crescita sostenibile e della competitività. La sicurezza industriale è un prerequisito essenziale per la crescita sostenibile e la competitività dell'Europa, anche se la maggior parte dei partners ha programmi di finanziamento basati su poche risorse e scarsi collegamenti. Per molti stati - e l'Italia è tra questi - la sicurezza industriale è compresa all'interno della più generale sicurezza del lavoro, malgrado nel caso dei rischi industriali le conseguenze degli eventi accidentali non riguardino solo lavoratori e addetti, ma tutti i cittadini (per esempio, il rilascio nell'ambiente esterno di sostanze pericolose). Per questo tra gli ambiti oggetto di interesse dei partners di Saf€ra figurano i sistemi di gestione della sicurezza, l'individuazione tempestiva dei rischi, le interazioni uomo/macchina, l'analisi costi benefici della sicurezza, l'identificazione di buone pratiche per la sicurezza e i rischi nelle nano e biotecnologie.

Approccio trasversale: dalla logistica alle economie innovative. La sicurezza industriale è una problematica di interesse "trasversale" e non attiene alla sola protezione degli impianti industriali nei confronti di eventi che potrebbero portare alla loro distruzione o all'interruzione della produzione e dell'erogazione di servizi essenziali per i cittadini ( come l'energia elettrica), ma interessa anche l'intera logistica dei prodotti pericolosi. Tra gli aspetti di interesse, inoltre, anche gli eventi naturali, potenziali cause di rilasci di sostanze nocive. Ancora, i problemi della sicurezza riguardano sia i settori più tradizionali - dove i pericoli, pure noti, richiedono soluzioni nuove per rendere più sostenibile l'attività produttiva - sia quelli innovativi, dove i pericoli devono essere compresi in anticipo (prima di passare alla fase operativa).

INAIL soggetto leader in Italia nella ricerca sulla sicurezza. Nell'ambito del consorzio SAF€RA l'Italia è rappresentata dall'INAIL che - a seguito dell'incorporazione dell'Ispesl - è diventato il maggiore attore della ricerca nel settore della sicurezza del lavoro. Al progetto lavorano Paolo Bragatto e Patrizia Agnello, del settore INAIL Settore Ricerca certificazione e verifica dell'Istituto. L'attività di ricerca viene svolta in sinergia con l'attività di certificazione e verifica dei componenti e degli impianti industriali. Gli altri paesi partner (Grecia, Spagna, Francia, Paesi Bassi, Germania, Finlandia, Polonia, Repubblica Ceca e Serbia) sono rappresentati in SAF€RA da autorità governative, da istituti (nazionali o regionali) di controllo e ricerca sulla sicurezza del lavoro e, dove esistono, da agenzie specializzati sulla sicurezza industriale.

Seguiteci anche su Facebook e su Twitter

Leggi altri articoli della categoria Senza categoria