Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

5 maggio 2016

Indagine Rlst e sindacati infortuni sul lavoro

assenza_protezioniE se pure il numero degli incidenti mortali sul lavoro è in diminuzione negli ultimi anni (dieci nel 2014, sette nel 2015 e due nel 2016), non significa che altrettanto basso sia il numero degli infortuni. E, soprattutto, delle infrazioni riscontrate dai Rlst, tra le quali la più frequente è il rischio caduta dall'alto, che corrisponde al 50 per cento degli infortuni nei cantieri pugliesi negli ultimi anni. "Quello delle costruzioni è tra i settori a più alto rischio di infortuni - hanno rimarcato i rappresentanti di Feneal Filca e Fillea Lecce - Bisogna aumentare la collaborazione e il coordinamento anche con le istituzioni preposte alla vigilanza e al controllo. Promuovere la prevenzione e la formazione non basta se contemporaneamente non si intensifica la lotta all'irregolarità e all'elusione delle regole: occorre rafforzare controlli e sanzioni". Lo mostrano le foto e lo dicono i dati del dossier sulla Puglia, che elenca le irregolarità riscontrate nel 2014-2015. In primis ponteggi incompleti o non a norma, cassette mediche e segnalazioni di sicurezza mancanti. A seguire: servizi igienici inefficienti, parapetti troppo bassi e passatoie traballanti, scale irregolari. E ancora, impianti elettrici non a norma e coperture o protezioni inesistenti. Tutti elementi che trasformano il lavoro degli operai edili in una sfida costante con il destino, nella quale a volte il lavoratore risulta perdente. A cominciare dal vestiario inadeguato, seguendo con impalcature e passatoie irregolari, con presidi medici e di pronto soccorso mancanti e compagnia bella, le foto disegnano un quadro chiaro di come in Puglia la norma sia la violazione alle norme sulla sicurezza. La più frequente delle infrazioni alla sicurezza riscontrate dai Rlst è il rischio caduta dall’alto, che corrisponde al 50% degli infortuni nei cantieri pugliesi negli ultimi anni. E se i dati mostrano che il numero dei morti per incidenti sul lavoro è in fase di calo, non segue la stessa tendenza il conto degli infortuni.
MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231