Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

5 ottobre 2015

Infiltrazioni e muffe, il condominio paga il risarcimento

05/10/2015 – Al proprietario di un appartamento in cui si verifica l’insorgenza di umidità e muffe a causa della cattiva coibentazione devono essere risarciti i danni patrimoniali e non patrimoniali. A pagare è in prima istanza il condominio, nella sua veste di custode delle parti comuni, che può però rivalersi sull’impresa costruttrice. È arrivata a queste conclusioni la Corte d’Appello di Milano con la sentenza 2680/2015. Nel caso preso in esame, il proprietario di un appartamento situato al quinto piano di un edificio condominiale aveva citato in giudizio il condominio per la presenza di infiltrazioni d’acqua dai muri perimetrali che avevano provocato umidità e muffe. Dagli accertamenti effettuati era emerso che i danni non erano stati provocati da una manutenzione carente da parte del proprietario, ma erano dovuti a difetti presenti dal momento della vendita. I periti del tribunale avevano.. Continua a leggere su Edilportale.com   MODI Qualità, Ambiente, Sicurezza, Corsi di Formazione, Privacy e 231