Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

11 novembre 2015

Infiltrazioni, il condominio paga solo i danni diretti

11/11/2015 – Se in un condominio si verificano infiltrazioni e un appartamento subisce dei danni, il proprietario deve dimostrare che non riesce ad affittarlo per questa causa e non perché era già in cattivo stato di manutenzione. Sono le conclusioni cui è arrivata la Corte di Cassazione, che con la sentenza 21545/2015 ha spiegato che spetta al proprietario dimostrare il collegamento tra la responsabilità del condominio e il mancato guadagno. I giudici hanno chiarito che le responsabilità del condominio per le infiltrazioni non sono necessariamente collegate al “danno da lucro cessante”, cioè al danno economico subito dal proprietario per il mancato incasso dell’affitto. Può infatti accadere, ha affermato la Cassazione, che un appartamento versi già in pessime condizioni perché il proprietario non ha effettuato i necessari interventi di manutenzione o per altre cause estranee.. Continua a leggere su Edilportale.com   MODI Qualità, Ambiente, Sicurezza, Corsi di Formazione, Privacy e 231