Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

28 marzo 2017

Introduzione alla regola tecnica di prevenzione incendi

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231

Atti dell'ordine ingegneri Vercelli. Corso di aggiornamento prevenzione incendi D.M. 05.08.2011

Introduzione alla regola tecnica di prevenzione incendi

E-learningPresso l'ordine degli Ingegneri di Vercelli, il corso di aggiornamento per il mantenimento dell’iscrizione negli elenchi del Ministero dell’Interno INTRODUZIONE ALLA REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI D.M. 20/12/2012, tenutosi a VERCELLI il 16 MARZO 2017, da Ing. Franco BAROSSO Ordine degli Ingegneri della Provincia di Vercelli Coordinatore Commissione Energia ed Impianti F.I.O.P.A. Gruppo di Lavoro Energia C.N.I. IMPIANTISTICA ANTINCENDIO NELLE ATTIVITA’ SOGGETTE A CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI • D.M. 20/12/2012 • Impianti antincendio: tipologia, impiego e norme tecniche di riferimento • Linee guida C.R.O.I.L. / C.N.I. Il presente decreto disciplina la progettazione, la costruzione, l'esercizio e la manutenzione degli impianti di protezione attiva contro l'incendio, così come definiti nella regola tecnica di cui al successivo art. 5 e di seguito denominati «impianti», installati nelle attività soggette ai controlli di prevenzione incendi, qualora previsti da specifiche regole tecniche in materia o richiesti dai Comandi provinciali dei vigili del fuoco nell'ambito dei procedimenti di prevenzione incendi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica l° agosto 2011, n. 151, fatto salvo quanto stabilito dal successivo art. 2. Campo di applicazione 1. Le disposizioni del presente decreto si applicano agli impianti di cui all'art. 1 di nuova costruzione ed a quelli esistenti alla data di entrata in vigore del presente decreto, nel caso essi siano oggetto di interventi comportanti la loro modifica sostanziale, così come definita nella regola tecnica di cui al successivo art. 5. 2. Le disposizioni del presente decreto non si applicano riguardo alla progettazione, alla costruzione, all'esercizio e alla manutenzione degli impianti nelle attività a rischio di incidente rilevante di cui al decreto legislativo 17 agosto 1999, n. 334 e successive modificazioni, nonchè per la progettazione, la costruzione, l'esercizio e la manutenzione degli impianti nelle attività regolamentate dalle disposizioni riguardanti: a) gli edifici di interesse storico-artistico destinati a biblioteche ed archivi; b) gli impianti di distribuzione stradale di G.P.L. per autotrazione; c) gli edifici storici e artistici destinati a musei, gallerie, esposizioni e mostre; d) i depositi di G.P.L. in serbatoi fissi di capacita' complessiva superiore a 5 m³ e/o in recipienti mobili di capacita' complessiva superiore a 5000 kg; e) i depositi di soluzioni idroalcoliche; f) gli impianti di distribuzione stradale di gas naturale per autotrazione; g) i depositi di gas di petrolio liquefatto con capacità complessiva non superiore a 13 m³.

E-learning_2D.M. 20/12/2012

E-learning_2Impianti antincendio: tipologia, impiego e norme tecniche di riferimento

E-learning_2Linee guida C.R.O.I.L. / C.N.I.